ATTACCO IN DIRETTA A “TIKI TAKA”: CAIRO CONTRO CRUCIANI

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ma poi tra i due tutto si ridimensiona. E la Nara si esibisce in un tango argentino

Puntata ricca di colpi di scena quella di domenica 14 aprile di Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco, il programma di approfondimento calcistico condotto dal giornalista  sportivo Pierluigi Pardo, in presenza di tanti ospiti in studio, da Antonio Cassano, a Luca Toni, Leonardo Pavoletti, Ciro Ferrara, Giampiero Mughini, alla moviola l’ex arbitro Graziano Cesari, tutto accade in pochi secondi. Il giornalista Giuseppe Cruciani, dopo avere commentato gli episodi da moviola di Torino-Cagliari viene incalzato da Urbano Cairo, presidente di Cairo Communication, di RCS MediaGroup e del Torino FC, che gli dice: “Vorrei dire a Cruciani: ‘Cosa c’entra se le due squadre sono sullo 0-0 o no? Se un rigore c’è, c’è. Al di là del risultato. Devo darti della capra, due volte, perché non capisci niente di calcio. Sei una capra e un incompetente, non capisci niente di calcio. Ma pensa a fare trasmissioni migliori“.

Secca la replica di Cruciani: “Non me ne frega un ca..o di portare la discussione sul piano personale deciso dal presidente Cairo, me ne fotto se è il presidente della repubblica. Il presidente non si può permettere di gettare merda su di me e sul mio lavoro per un’opinione legittima che ho espresso”.

A stemperare i toni ci pensa Wanda Nara che nel siparietto Wanda Wow propone di esibirsi in un tango argentino. La Nara dopo avere cercato un cavaliere tra gli ospiti della trasmissione e avere compreso che tutti avevano tirato su un muro, lo trova fra il pubblico in studio. La performance dura pochi minuti. La Nara, procuratore (e moglie) di Icardi, si esibisce sotto gli occhi divertiti dei presenti. L’unico a farle i complimenti Giampiero Mughini, sottolineandone fascino e leggiadria. Sarà vero? (C.B)


  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli