[gtranslate] H&M SCEGLIE VALLI PER LA SUA NUOVA COLLEZIONE UOMO - WHAT-U

L’ annuncio di una nuova partnership nel mondo della moda è stato fatto al gala dell’amfAR a Cannes. Protagonisti di questo new deal H&M e Giambattista Valli, lo stilista italiano, per la precisione romano, le cui collezioni, sia prêt-à-porter sia Haute couture vengono presentate ogni anno durante la settimana della moda di Parigi. A Valli il colosso svedese dell’abbigliamento low cost, ha assegnato un compito importante, quello di disegnare (la prima volta per lui) anche l’uomo. Per avere una preview di ciò che sta preparando , alcuni capi della pre-collezione sono stati indossati al gala a Cannes da influencer e personaggi del calibro di Kendall Jenner, in tulle fucsia corto davanti con coda, Chris Lee (Li Yuchun) in tulle albicocca con coda, Chiara Ferragni in bianco corto e ricamato con strascico, H.E.R. in tulle lungo e candido, Bianca Brandolini d’Adda in top reggiseno bianco e mini, Ross Lynch in vestito maschile- debutto grigio a pois neri. E alcuni di questi modelli da domani saranno disponibili in alcuni negozi e sul sito H&M mentre la collezione completa sarà in vendita nel mondo il 7 novembre.

Valli era già assurto agli onori delle cronache lo scorso luglio quando Pinault (padre) volle acquisire un terzo del suo marchio facendosi avanti non con Kering (la holding di famiglia, che già possiede marchi come Gucci o Ysl o Alexander McQueen), ma con Artémis, la capofila di tutto l’impero. Un’occasione imperdibile che il designer che ha sempre difeso la propria indipendenza, lavorando su più fronti (da Max Mara Atelier al casual di 7 For All Mankind, per citare solo alcune delle sue collaborazioni) ha deciso di non perdere cambiando rotta.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY