[gtranslate] JP MORGAN CHASE & CO ORA INVESTE NELLA MODA - WHAT-U

Per lavorare in banca è noto che ci siano dei codici di abbigliamento abbastanza rigidi. Il guardaroba deve essere in linea con gli standard della dell’azienda e spesso occorre dire addio a qualsiasi voglia di seguire la moda del momento. Così la  JP Morgan Chase, una delle più grandi banche americane ha detto basta e per rompere questa vecchia tradizione ha annunciato una partnership con lo stilista Jason Wu, anima creativa dell’omonimo brand, che vanta nel suo curriculum una collaborazione con il brand Hugo Boss, che disegnerà una mini collezione di completi da lavoro per i 45mila dipendenti del colosso dei servizi finanziari. Queste nuove ‘divise’ non saranno obbligatorie, ma tutti gli impiegati potranno ordinarle attraverso il portale di JP Morgan.

“L’abbigliamento delle persone che lavorano in una banca – ha dichiarato Jason Wu in un’intervista a Wwd – non è sempre associato alla moda da passerella. Volevo fare qualcosa che cambiasse questa percezione. Volevo creare qualcosa con cui le persone che lavorano per JP Morgan Chase si sentissero a loro agio. La collezione è la prima nel suo genere. Gli stilisti disegnano uniformi per il personale degli hotel e delle compagnie di volo, ma non ci sono partnership significative per i dipendenti di una banca”. La linea ha debuttato negli scorsi giorni ed è disponibile su un catalogo esclusivo disponibile solo per i dipendenti di JP Morgan. Non è escluso però che alcuni completi arrivino nei negozi anche per un pubblico generico.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY