[gtranslate] HEALTH & HAPPINESS DOPO L'ACQUISTO DI BIOSTIME E SWISSE, PUNTA SU AURELIA PROBIOTIS SKINCARE - WHAT-U

Claire Vero fondatrice di Aurelia Probiotic Skincare

Il marchio britannico Aurelia Probiotic Skincare è stato acquisito da Health & Happiness, il gruppo che sta facendo passi da leone nel settore della salute, con sede a Hong Kong e che già possiede il marchio francese Biostime, specializzato in alimentazione per bambini, e il marchio Swisse, tra i leader nel settore delle vitamine e degli integratori, lo scrive il noto magazine di moda e bellezza WWD, che ha anche anticipato però, che i termini dell’accordo non sono stati ancora divulgati. “Credo molto nel marchio Aurelia Probiotic Skincare, perché rappresenta la perfetta sinergia tra l’esperienza e le credenze che abbiamo nei probiotici e la nostra visione nella cura della pelle”, ha detto Claire Vero, fondatrice di Aurelia, che continuerà a far parte del consiglio di amministrazione del marchio e poi guiderà anche i team di ricerca e sviluppo e sviluppo dell’azienda, che continuerà a distribuire dal Regno Unito. “La partnership consentirà al nostro marchio di crescere su scala globale in mercati come USA, Francia e Cina. E ci consentirà inoltre di continuare a fornire nuove innovazioni “, ha spiegato la manager.

Tante le acquisizioni negli ultimi anni…

Tante le acquisizioni avvenute negli ultimi due anni nei settori della cura della pelle, dei capelli e del benessere. Ad aprile, il gruppo britannico The Hut Group ha confermato l’intenzione di acquistare Christophe Robin, un marchio di alta qualità per la cura dei capelli. A gennaio, L’Occitane International SA ha comprato il marchio britannico per la cura della pelle e il benessere Elemis per 900 milioni di dollari, mentre Unilever, dal gennaio 2015, ha effettuato ben 24 acquisizioni.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY