[gtranslate] STUDIARE ALL'ESTERO ECCO I NUMERI DEGLI STUDENTI "IN MOVIMENTO" - WHAT-U

Per portare avanti i tuoi studi e laurearsi in un altro paese rispetto al proprio paese di origine è diventato sempre più comune tra gli studenti. Nel 2017, nell’UE c’erano complessivamente 1,7 milioni di studenti universitari mobili provenienti dall’estero (sia da un altro Stato membro dell’UE che da paesi terzi), un numero che è aumentato del 22% dal 2013.

Gli studenti mobili provenienti da Paesi non Eu hanno rappresentato l’8,1% di tutti gli studenti residenti nell’UE nel 2017. Le quote sono state diverse tra gli Stati membri: le quote più importanti sono state osservate in Lussemburgo (47%), Cipro (23%) e Austria (17% ), mentre i più bassi sono stati registrati in Croazia, Spagna e Grecia (tutti il ​​3%).

Erasmus +: 193.000 laureati in mobilità a livello di laurea e master nel 2017

Il programma Erasmus + è un programma di scambio di studenti dell’Unione europea, che aiuta gli studenti a trascorrere parte dei loro studi in un altro istituto di istruzione superiore all’estero. Nel 2017, circa 114.000 laureati e circa 78.000 laureati avevano beneficiato di questo programma.

Per i laureati di laurea Erasmus +, il principale paese di destinazione della borsa era la Spagna (21 300 laureati o il 19% dei diplomati Erasmus laureati nell’UE nel 2017), seguita dalla Germania (18 400 o 16%), il Regno Unito (12 400 o 11 %), Italia (11 500 o 10%) e Paesi Bassi (10 900 o 10%). Insieme, questi cinque Stati membri erano la destinazione dei due terzi di tutti i laureati Erasmus laureati nel 2017.

Per i laureati Erasmus, la Francia (20.500 o 26% del totale dei master Erasmus laureati nell’UE nel 2017) è stato il paese più scelto, seguito dall’Italia (15.000 o 19%) e dalla Germania (14.600 o 19%). Insieme, quasi i due terzi di tutti i master Erasmus laureati nel 2017 hanno fatto uno scambio in questi tre Stati membri.

Quasi un terzo dei cittadini di un altro Stato membro dell’UE ha un livello di istruzione terziaria

Il 7,8% della popolazione dell’UE nel 2018 aveva una nazionalità diversa dal proprio paese di residenza: il 3,4% aveva la cittadinanza di un altro Stato membro dell’UE e il 4,4% erano cittadini non UE. Il restante 92,2% era costituito da cittadini che vivevano nel loro paese di origine. Diamo un’occhiata più da vicino al livello di istruzione di questi tre diversi gruppi.

Nell’UE, in media, quasi una persona su tre (31%) che ha la cittadinanza di un altro Stato membro dell’UE rispetto a quella in cui vivevano aveva un livello di istruzione superiore (istruzione terziaria), mentre era il caso del 28% di tutti i cittadini e il 24% dei cittadini non UE.

Per il livello di istruzione più basso (meno dell’istruzione primaria o secondaria inferiore), la situazione era diversa: quasi la metà di tutti i cittadini non UE (46%) che vivevano nell’UE avevano un basso livello di istruzione, seguiti da quelli con un’altra cittadinanza dell’Unione europea ( 29%) e nazionali (27%).

Queste azioni differivano significativamente tra gli Stati membri. Guardando alle persone con cittadinanza di un altro Stato membro dell’UE rispetto a quella in cui vivevano, la percentuale più alta di persone con un livello di istruzione elevato è stata rilevata in Danimarca (54%), Svezia (53%) e Irlanda (47%) , mentre oltre la metà dei cittadini non comunitari in Irlanda (66%), il Regno Unito (53%) e la Polonia (52%) avevano un livello di istruzione elevato. D’altra parte, oltre la metà dei cittadini non comunitari in Italia (61%), in Spagna (53%) e in Svezia (51%) aveva un basso livello di istruzione.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY