AMAZON, MONOPOLIZZA LA GESTIONE DELLE CONSEGNE, CON I ROBOT FAI-DA-TE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ora questo cambio di rotta dividerà le associazioni dei consumatori? E che cosa dirà Di Maio, vice premier e ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro così attento a salvaguardare le politiche dirette al sostegno delle famiglie e del lavoro?

Questa foto non datata mostra un robot di consegna autonomo che Amazon chiama “Scout”. Il colosso di Seattle sta espandendo l’utilizzo dei suoi robot di consegna a guida autonoma, a sei ruote, delle dimensioni di un Labrador, che inizieranno a consegnare i pacchi ai clienti con questa modalità a Irvine, in California. Amazon.com Inc. li ha testati in un sobborgo di Seattle dall’inizio dell’anno. 
(Amazon tramite AP, File)

di Paola Gabrielli

Non più consegne a domicilio tramite fattorino, ma con dei robot, che hanno già un nome “Scout”, a sei ruote che Amazon ha iniziato a testare in un sobborgo di Seattle all’inizio dell’anno. Così ha deciso, il colosso dello shopping online che ieri ha comunicato ufficialmente che i nuovi robot inizieranno a consegnare pacchi ai clienti a Irvine, in California. Di colore azzurro, delle dimensioni di un Labrador, con il logo Amazon stampato sui lati, sono stati studiati per evitare di schiantarsi contro pedoni e cassonetti della spazzatura e rappresentano un’idea di marketing favolosa (per Bezos) perché contestualmente alle consegne, quasi 6 miliardi nel 2018, Amazon moltiplicherà altrettante volte o quasi, le visualizzazioni del suo marchio. La velocità fa la differenza, dice sempre il fondatore Jeff Bezos. E prossimamente pare che a dettare i tempi per le consegne di Amazon non sarà più un “algoritmo” anche in Italia. Nel 2018, il colosso di Seattle aveva ottenuto la licenza di operatore postale, ma aveva continuato a spedirci i pacchi a casa, in ufficio avvalendosi dei corrieri e di Poste Italiane. Certo aveva già una sua flotta di mezzi di trasporto, camion e aerei, oltre che un esercito di fattorini, ma li utilizza solo come “piano B” in caso di emergenze. Ora questo cambio di rotta dividerà le associazioni dei consumatori anche in Italia? E che cosa dirà Di Maio, vice premier e ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro così attento a salvaguardare le politiche dirette al sostegno delle famiglie e del lavoro?


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!