Il premier incaricato Giuseppe Conte
Il segretario nazionale del Pd,
Nicola Zingaretti
Luigi Di Maio, ex ministro dello sviluppo economico ed ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, nonché ex Vicepresidente del Consiglio dei ministri nel Governo Conte
Giorgia Meloni Leu
Anna Maria Bernini, capo del gruppo di Forza Italia al Senato

di Andrea Fisauli

“Abbiamo grandi e buone idee da realizzare con questo Paese. Nelle consultazioni con le forze politiche ho registrato una consonanza tra Cinque stelle, Pd e altre forze di centrosinistra sugli obiettivi da raggiungere”, ha detto ieri sera il premier incaricato Giuseppe Conte, in un video su Facebook. “Oggi”, ha aggiunto, “ai responsabili politici ho chiesto di restare esclusivamente concentrati sui problemi che impediscono ai cittadini di avere una vita migliore. I cittadini ci chiedono di non distrarci. Con Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti abbiamo oggi una grande opportunità, migliorare l’Italia e fare il bene del Paese”.

Stamattina alle 10,12 sul blog dei 5Stelle si è aperto il voto sulla piattaforma Rousseau per chiedere agli iscritti, (la chiusura della consultazione online è prevista per le ore 18), se si è “d’accordo che il MoVimento 5 Stelle faccia partire un Governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte?” “Buongiorno, posso dirvi già da ora”, ha scritto Di Maio su Fb, “che tutti i 20 punti che il MoVimento 5 Stelle ha presentato al Presidente Conte sono affrontati nel Programma di Governo. Dal blocco dell’aumento dell’Iva al salario minimo, dal taglio del cuneo fiscale agli aiuti a famiglie e disabili, dallo stop agli inceneritori alle trivelle, dalla riforma della giustizia alla legge sul conflitto di interessi, fino alle concessioni autostradali. Buon voto a tutti su Rousseau”. “Quello che stiamo vivendo”, ha aggiunto poi Di Maio “è un momento molto delicato per il Paese. E va affrontato mettendo al centro gli interessi e le esigenze dei cittadini, della comunità che tutti insieme formiamo”. Così si è aperto sul blog delle 5 Stelle il voto alla piattaforma Rousseau per chiedere agli iscritti, se sono d’accordo che il MoVimento 5 Stelle faccia partire un Governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte?”

“Noi non svendiamo le nostre idee e come capo politico sento sempre il dovere difendere la dignità mia e degli eletti. Avevamo due strade, la prima tornare al voto, la seconda provare a verificare se c’era qualcuno a realizzare il nostro programma. Abbiamo guardato alle soluzioni, non alle poltrone”, ha proseguito a dire su Facebook Luigi Di Maio. Poi, rivolgendosi agli elettori Cinque Stelle che domani voteranno su Rousseau, ha detto: “Ora tocca a voi iscritti decidere, perché per il M5S è un valore irrinunciabile. E voglio rivolgermi a chi in queste ore ha dei dubbi: non c’è un voto giusto o un voto sbagliato, ci sono le vostre idee e la somma delle vostre idee indirizzerà il Movimento. Il M5S è partecipazione, noi abbiamo già vinto. Il mondo aspetta questa espressione democratica del vostro voto per conoscere il futuro dell’Italia. Buon voto a tutti”. Poi Di Maio ha spiegato: “Quello che si dovrebbe partorire è una bozza di programma in ventisei punti: in cima la legge di bilancio 2020, con l’impegno a sterilizzare l’aumento dell’Iva, in fondo l’impegno a “collaborare” per rendere Roma “una capitale sempre più attraente per i visitatori e sempre più vivibile e sostenibile per i residenti”. È il testo cui lavorano M5S e Pd in vista della nascita del governo e che il Movimento 5 stelle pubblica sul blog per informare i votanti della piattaforma Rousseau. Un documento dal titolo: “linee di indirizzo programmatico per la formazione del nuovo governo”. Si avverte però che si tratta di una “bozza di lavoro che riassume le linee programmatiche che il premier incaricato” Giuseppe Conte “sta integrando e definendo”. In riferimento alla bozza del programma di governo Pd-M5S che sta circolando, anche fonti della cabina di regia del Pd, hanno voluto dire la loro: “Si tratta di una sintesi parziale di un lavoro più articolato, ancora oggetto del confronto tra le forze politiche, e che sarà ultimato in giornata nel corso di un nuovo incontro a Palazzo Chigi tra i capigruppo e il Premier incaricato Conte. Non è quindi il programma definitivo”.

Stamattina alle 11 l’associazione Rousseau ha comunicato che avevano votato 29.781 iscritti certificati. “Abbiamo gestito 24.000 connessioni in contemporanea con picchi di 1.200 richieste al secondo. Si tratta di un record storico per Rousseau, un traffico addirittura 10-12 volte superiore rispetto a quello del primo turno di votazioni per la scelta dei candidati alle europee”. Davide Casaleggio Davide alle 13.19 di oggi ha annunciato che “il M5s ha superato le 56 mila 127 votazioni da parte degli iscritti, che era l’attuale record mondiale di partecipazione online a una votazione politica”. “Ci sono ancora molte cose da discutere, andiamo a discutere e trovare una sintesi per un lavoro serio, per un governo serio”. L’ha detto il capogruppo del PD alla Camera Graziano Delrio entrando a Palazzo Chigi per un incontro con la delegazione dei 5 Stelle. Ieri su Fb, Giorgia Meloni su Fb ha lanciato l’iniziativa”SFIDA ALLE STELLE: L’ITALIA CHE PENSA IN GRANDE“, come aveva già detto per portare tutti i piazza per protestare contro questo Governo in nome della democrazia. “Pronti per la 22° edizione di Atreju? La più grande manifestazione della Destra italiana vi aspetta all’Isola Tiberina dal 20 al 22 settembre. Non mancate!”. Molto meno euforica è iniziata la giornata di Anna Maria Bernini, capo gruppo di Forza Italia al Senato: “La giornata è partita con il piede sbagliato…Il clima di incertezza #politica rallenta non solo il nostro #lavoro, ma soprattutto paralizza il Paese. Tutto questo per un pugno di poltrone ignorando i desiderata degli italiani. Che dite, mi devo arrabbiare come sempre o mi rassegno?”


        
Translate »
error: Content is protected !!