LA MERKEL FA ARRABBIARE LA CINA PER L’APERTURA A WONG, IL LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il miliardario Li Ka Shing ha dichiarato in una trasmissione video alla TV locale che il governo dovrebbe temperare la giustizia con la misericordia. Il 91enne Li ha descritto i disordini come la peggiore catastrofe dalla seconda guerra mondiale

di Chao Zeng

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha dichiarato che per il suo Paese è importante avviare un dialogo con la Cina, anche su questioni come i diritti umani. Parlando con i legislatori durante il dibattito annuale sul bilancio del Parlamento mercoledì, la cancelliera ha affermato che la Cina ha una “crescente responsabilità per l’ordine multilaterale globale”. La Merkel durante la sua visita in Cina la scorsa settimana ha sottolineato l’importanza di rispettare i diritti umani, aggiungendo: “Questo è vero anche in vista di Hong Kong”.

Il premier cinese Li Keqiang durante il suo discorso nel corso della conferenza stampa al termine dell’incontro con il cancelliere tedesco Angela Merkel, a sinistra, presso la Great Hall Of The People a Pechino, venerdì 6 settembre 2019. (Andrea Verdelli / Pool Foto tramite AP)

La sua uscita però pare non essere piaciuta per nulla ai vertici cinesi, che ieri, martedì 10 settembre, hanno rimproverato la Germania per aver permesso a Joshua Wong, l’attivista di Hong Kong, di visitare Berlino, dove si è incontrato in una funzione privata con il ministro degli Esteri, Heiko Maas. A raccogliere le lagnanze, per questo incontro non gradito, è toccato all’ambasciatore tedesco a Pechino, Clemens von Goetze, che è stato convocato dal ministero degli Esteri cinese . A riferirlo l’ambasciatore cinese a Berlino, Wu Ken, in una conferenza stampa tenuta stamattina nella capitale tedesca, come riporta il sito del quotidiano Sueddeutsche Zeitung.

Le ultime novità sulle proteste a Hong Kong dal 10 settembre

20.40

Migliaia di fan del calcio di Hong Kong hanno fischiato e voltato le spalle quando è stato cantato l’inno nazionale cinese alla prima partita di qualificazione ai Mondiali contro l’Iran e dopo l’inizio della partita hanno anche cantato “Free Hong Kong” e “Revolution of our Times”. Nonostante la sicurezza fosse alle stelle, l’Iran aveva cercato di spostare la partita, per evitare i disordini, ma la richiesta è stata respinta dalla FIFA.

7:50

La Cina ha fortemente criticato la Germania per un incontro con l’attivista democratico di Hong Kong Joshua Wong.

Il portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying martedì ha dichiarato che la Cina si è lamentata con la Germania dell’attuale viaggio di Wong nel paese europeo e del suo incontro con il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.

Hua ha affermato che nessun governo straniero ha il diritto di intervenire negli affari di Hong Kong perché sono una questione interna cinese e ha esortato la Germania a evitare di inviare il segnale sbagliato a “forze radicali e separatiste a Hong Kong”.

11:50

Il leader di Hong Kong Carrie Lam ha rinnovato l’appello ai manifestanti democratici per fermare la violenza e impegnarsi nel dialogo, mentre l’uomo più ricco della città ha esortato il governo a fornire una via d’uscita per i manifestanti per lo più giovani.

La scorsa settimana il governo ha promesso di respingere il disegno di legge di estradizione che ha scatenato i tre mesi di proteste ma non è riuscito a placare i manifestanti

Il miliardario Li Ka Shing ha dichiarato in una trasmissione video alla TV locale che il governo dovrebbe temperare la giustizia con la misericordia. Il 91enne Li ha descritto i disordini come la peggiore catastrofe dalla seconda guerra mondiale.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Mi chiamo Patrizia Vassallo, sono il direttore di What-u, scrivo da sempre, da quando alle elementari ho iniziato a fare il mio primo giornalino scolastico e sono una giornalista professionista dal 1993 (iscritta all'Albo dei Giornalisti Professionisti della Lombardia). Ho lavorato per alcuni quotidiani, (Il Secolo XIX, Il Mercantile, The Daily Mirror, Le Monde), e poi per molti magazine italiani e alcuni stranieri, The Face, Gente, Onda Tv, Gente Viaggi, Gioia, Gente Money, Il Nostro Budget, Eva Tremila, Marie Claire), sono spesso stata in giro per il mondo... Ora, da poco più di un anno, sono il direttore di What-u! Scrivere per me non è una professione, ma una passione da condividere con i lettori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!