DIOR ROMPE IL SILENZIO SULLA CAMPAGNA SAUVAGE: “SIAMO PROFONDAMENTE DISPIACIUTI…”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La controversa campagna di fragranze Sauvage fa ancora parlare di sé. Dior all’inizio forte del fatto che gli elementi della cultura dei nativi americani incorporati nella nuova campagna era una decisione presa in collaborazione con i rappresentanti dei nativi americani di Indian Opportunity, (N.d.R. un’organizzazione no profit dedicata a promuovere i diritti culturali, politici ed economici degli indigeni a livello globale), pensava di avere le spalle piuttosto coperte. Le decisioni erano state prese in tandem con loro su ogni cosa per cui tutto sembrava inattaccabile.

Tuttavia, nel cambio dello spot, (dov’era comunque sempre presente Johnny Deep, figura di riferimento dal 2005) qualcosa non è andato per il verso giusto visto che il popolo dei social media si è scagliato contro questo video reo di essere culturalmente inappropriato. Così Dior ha deciso di chiedere scusa e rimuoverlo lo stesso giorno del lancio e non dire più nulla.

Oggi, la Maison di Dior ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sulla campagna di Sauvage, chiedendo scusa per qualsiasi offesa causata e confermando che la versione modificata e completa dello spot non verrà mandata in onda.

“La Casa di Dior è impegnata da tempo nella promozione della diversità e non ha alcuna tolleranza per la discriminazione in qualsiasi forma”, si legge nella dichiarazione ufficiale della Casa di Dior. “Recentemente, un trailer del film per la fragranza Sauvage è stato pubblicato sui social media e immediatamente ritirato. Siamo profondamente dispiaciuti per qualsiasi offesa causata da questa nuova campagna pubblicitaria, che doveva essere una celebrazione della bellezza, della dignità e della grazia della cultura contemporanea dei nativi americani. Di conseguenza, abbiamo deciso di non rilasciare questa versione della campagna “. E Deep? Si dice che farà ancora parte della prossima campagna.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Executive Editor Patrizia Vassallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!