EMISSIONI, EU PUNTA A RIDUZIONI DEL 40% ENTRO IL 2030. MERKEL DUBITA SUO RISULTATI ANCHE ENTRO IL 2050. LE PROSSIME TAPPE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In questa foto di file del 9 gennaio 2009 è una vista aerea della società siderurgica ThyssenKrupp a Duisburg, Germania occidentale. 
Inger Andersen, capo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, afferma che il mondo ha bisogno di “vittorie rapide per ridurre il più possibile le emissioni nel 2020”. 
In vista di un vertice globale sul clima a Madrid la prossima settimana, la sua agenzia ieri ha pubblicato un rapporto che mostra la quantità di gas di riscaldamento del pianeta rilasciati nell’atmosfera colpendo un nuovo massimo l’anno scorso
(ph. AP / Frank Augstein)

di Barbara Shiver

L’Unione Europea afferma che mancherà i suoi obiettivi per ridurre i gas serra che scaldano il pianeta entro il 2030 a meno che gli Stati membri non facciano uno sforzo maggiore di quanto non abbiano fatto finora. L’Agenzia europea dell’ambiente oggi ha dichiarato che le misure esistenti hanno portato l’UE sulla strada giusta per ridurre le sue emissioni del 30% nel prossimo decennio rispetto ai livelli del 1990.

Attualmente, il blocco delle 28 nazioni punta a una riduzione del 40% entro il 2030 e alcuni hanno persino chiesto che questo obiettivo sia aumentato al 55%

Il cancelliere tedesco Angela Merkel e altri hanno anche sostenuto un obiettivo a lungo termine di porre fine praticamente a tutte le emissioni nette dell’UE entro il 2050, un obiettivo che per ora sembra fuori portata

La 15a riunione della conferenza delle parti (COP 15) della convenzione sulla diversità biologica (CBD), la decima riunione delle parti del protocollo di Cartagena sulla biosicurezza (protocollo di Cartagena COP / MOP 10) e la quarta riunione delle parti al Protocollo di Nagoya sull’accesso e la condivisione dei benefici (Protocollo Nagoya COP / MOP 4) si prevede che affronteranno una serie di questioni relative all’attuazione della Convenzione e dei suoi Protocolli. COP 15 esaminerà il raggiungimento e la consegna del Piano strategico per la biodiversità del CBD 2011-2020. Si prevede inoltre che sarà presa la decisione finale sul quadro globale per la biodiversità post 2020, insieme a decisioni su argomenti correlati tra cui lo sviluppo di capacità e la mobilitazione delle risorse.

Greta Thunberg
(foto AP / Frank Augstein, file)

Nell’ambito del processo di sviluppo del quadro post-2020 , i negoziati si terranno nel contesto di un gruppo di lavoro intersezionale aperto, presieduto da Francis Ogwal (Uganda) e Basile van Havre (Canada). La scorsa riunione del gruppo di lavoro si è tenuta a Nairobi, in Kenya, dal 27 al 30 agosto 2019. La prossima si terrà a Kunming, in Cina, dal 19 ottobre al 1 novembre 2020. E la terza riunione del gruppo di lavoro è dovrebbe riunirsi in Colombia.

  • Obiettivi di biodiversità giuridicamente vincolanti a livello globale e dell’UE
  • Sono necessari finanziamenti sufficienti nell’ambito del prossimo bilancio a lungo termine dell’UE
  • Migliore applicazione delle leggi dell’UE sulla protezione della natura

Ieri la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare ha approvato una risoluzione che contiene le sue proposte in vista della conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità che si terrà nell’autunno del 2020

Obiettivi globali giuridicamente vincolanti

La commissione per l’ambiente ritiene che la prossima conferenza COP15 sulla biodiversità dovrebbe essere l’equivalente della biodiversità dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e vogliono che l’UE sia all’avanguardia. In tale contesto, chiedono obiettivi giuridicamente vincolanti a livello globale e dell’UE per accrescere l’ambizione e garantire che l’azione post-2020 sulla biodiversità globale sia efficace. In particolare, vogliono conservare il 30% delle aree naturali entro il 2030 e il 30% degli ecosistemi degradati da ripristinare.

Proteggere la biodiversità attraverso le politiche dell’UE

I deputati esortano la Commissione e gli Stati membri a impegnarsi in sforzi “immediati, sostanziali e supplementari” sotto forma di obiettivi giuridicamente vincolanti in materia di conservazione e ripristino della biodiversità, per raggiungere gli obiettivi dell’UE e bloccare l’attuale traiettoria della perdita di biodiversità. In pratica non c’è più tempo per le parole, ora gli obiettivi sulla biodiversità devono essere presi in considerazione in tutte le politiche dell’UE e occorre che la biodiversità sia sufficientemente finanziata nell’ambito del prossimo bilancio a lungo termine (QFP) 2021-2027 dell’UE, al fine di raggiungere gli obiettivi della visione 2050 delle Nazioni Unite sulla conservazione della biodiversità. 

Almeno il 10% del bilancio a lungo termine dell’UE dovrebbe sostenere gli sforzi per migliorare la biodiversità

I deputati hanno sottolineato anche la necessità di pratiche agricole e forestali più sostenibili. Il ruolo delle aree urbane e delle città nella conservazione della biodiversità dovrebbe essere valutato in modo più approfondito ed è necessaria un’analisi approfondita di tutte le aree protette dell’UE.

La risoluzione è stata adottata con 60 voti favorevoli, nessuno contrario e 9 astensioni

Prossimi passi

La risoluzione dovrebbe essere messa ai voti durante la plenaria di gennaio del 2020 a Strasburgo

La Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità è entrata in vigore il 29 dicembre 1993. Durante la riunione della Conferenza delle Parti del CBD (Convenzione sulla diversità biologica) sulle diversità biologiche, l’obiettivo della COP15 sarà aggiornare il piano strategico della Convenzione e adottare un quadro globale per la biodiversità post 2020.

Entrata in vigore il 29 dicembre 1993, la Convenzione sulla diversità biologica (CBD), dedicata alla promozione dello sviluppo sostenibile, ha tre obiettivi principali:

  • conservazione della diversità biologica (tutti gli ecosistemi, le specie e le risorse genetiche); 
  • l’uso sostenibile dei componenti della diversità biologica; 
  • la condivisione equa ed equa dei benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche, in particolare quelli destinati all’uso commerciale. 

Per la prima volta la conservazione della diversità biologica come parte integrante del processo di sviluppo, riconoscendo da un lato che gli ecosistemi, le specie e i geni devono essere utilizzati a beneficio degli esseri umani, ma mantenendo contemporaneamente che la conservazione porta in cambio significativi benefici ambientali, economici e sociali

Durante la decima riunione della Conferenza delle Parti (COP), tenutasi nel 2010 in Giappone, gli Stati parti hanno adottato un piano strategico rivisto e aggiornato per la biodiversità per il periodo 2011-2020 . Questo piano fornisce un quadro generale sulla biodiversità, non solo per le convenzioni relative alla biodiversità, ma per l’intero sistema delle Nazioni Unite e tutti gli altri partner impegnati nella gestione della biodiversità e nello sviluppo delle politiche. La quindicesima COP nel 2020 dovrebbe aggiornare il piano strategico della Convenzione e adottare un quadro globale per la biodiversità post 2020 , come seguito per il prossimo decennio.


Punti decisionali chiave (2016-2020)

La conferenza 2020 (che si terrà a Pechino) offrirà l’opportunità di sviluppare un quadro integrato che si applica alla Convenzione e ad entrambi i protocolli e che può fungere da quadro per altre convenzioni e processi relativi alla biodiversità. È stato conferito il mandato alla tredicesima COP (2016), che ha richiesto al Segretario esecutivo di preparare, in consultazione con l’Ufficio di presidenza e per esame da parte dell’organo sussidiario sull’attuazione, una proposta per un processo preparatorio e un calendario per il follow-up dello Strategico Piano per la biodiversità 2011-2020. Una visione generale espressa nei progetti di proposta della Conferenza 2020 è che il quadro globale sulla biodiversità post 2020 dovrebbe essere più ambizioso dell’attuale piano strategico. A tal fine, nel 2018 e nel 2019 sono programmate diverse attività per considerare e formulare raccomandazioni verso il processo preparatorio proposto per lo sviluppo del quadro globale sulla biodiversità post 2020 (in particolare all’interno di SBI-2, COP-14 e COPMOP-9). Inoltre, si terrà una riunione del vertice dei leader ai margini dell’apertura dell’UNGA 75 (settembre 2020) per dare direzione politica e slancio allo sviluppo del quadro post 2020. Nell’ottobre 2020, COP-15 prenderà in considerazione la bozza finale del quadro globale sulla biodiversità post 2020 in vista dell’adozione.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Executive Editor Patrizia Vassallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!