•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il colosso svedese delle telecomunicazioni Ericsson ha accettato di pagare oltre $ 1 miliardo (£ 760 milioni) per risolvere le accuse di corruzione, “per atti illeciti iniziati a partire dal 2000 e proseguiti fino al 2016” lo ha annunciato il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Un epilogo, quello del patteggiamento, cui si è arrivati per “risolvere le indagini del governo sulle violazioni della Foreign Corrupt Practices Act (FCPA) derivante dal piano della Società di effettuare e registrare impropriamente decine di milioni di dollari in pagamenti impropri in tutto il mondo”. Pare infatti che “attraverso fondi di denaro, bustarelle, regali e innesti, Ericsson abbia condotto attività di telecomunicazione con il principio guida che” il denaro parla “, ha affermato il procuratore americano Georffrey S. Berman del distretto meridionale di New York. “La dichiarazione di colpevolezza odierna (N.d.R. che in realtà risale a ieri 6 dicembre 2019) e la consegna di oltre un miliardo di dollari di sanzioni combinate dovrebbero comunicare chiaramente a tutti gli attori aziendali che fare affari in questo modo non sarà tollerato”, ha aggiunto.

Dalle indagini risulta che sono almeno cinque i Paesi che sono stati coinvolti in questo malaffare, dall’Asia al Medio Oriente. Anche una controllata egiziana si è dichiarata colpevole in una corte federale di New York e ha ammesso di avere violato il Foreign Corrupt Practices Act del 1977.

“La condotta corrotta della Ericsson ha coinvolto dirigenti di alto livello e ha abbracciato 17 anni e almeno cinque Paesi allo scopo di aumentare i profitti”, ha dichiarato Brian Benczkowski, capo della divisione penale del dipartimento di giustizia. Secondo l’accusa, la compagnia svedese era coinvolta in uno schema per pagare tangenti, falsificare i libri contabili e chiudere un occhio sulla corruzione, in Paesi come Cina, Vietnam, Indonesia e Kuwait. Ericsson, riferisce il Dipartimento di Giustizia degli Usa, che aveva stipulato un accordo di rinvio differito in relazione alle accuse penali presentate in un tribunale di New York, non ha finora fatto alcun commento sulla vicenda

L’azienda è uno dei maggiori produttori al mondo di apparecchiature per reti mobili. A settembre, ha dichiarato di aver messo da parte 1,2 miliardi di dollari per coprire possibili sanzioni derivanti dall’inchiesta statunitense. E ora taglierà 2.200 posti per ridurre i costi. (B.N.)


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!