INDIA PROTESTE CONTRO LEGGE DI CITTADINANZA FANNO DIMINUIRE GLI INTROITI TURISTICI - WHAT-U

Ecco alcuni poliziotti che arrestano uno degli studenti che protestano fuori dall’Uttar Pradesh Bhawan durante una manifestazione contro la nuova legge sulla cittadinanza a Nuova Delhi, in India, venerdì 27 dicembre 2019. 
(AP Photo / Manish Swarup)

di Amal Kumar

Le proteste antigovernative contro la nuova legge sulla cittadinanza, il Citizenship Emendamento Act ( CAA ), che molti considerano anti-musulmana, hanno creato un notevole danno al commercio e al turismo in India. I 25 morti durante gli scontri tra polizia e manifestanti, i numerosi feriti, non fanno paura solo a chi continua a protestare ma hanno messo in stato di allerta anche molti paesi stranieri quali gli Stati Uniti , il Regno Unito, la Russia , Israele, Singapore , il Canada e Taiwan che hanno pubblicato consigli di viaggio chiedendo ai loro cittadini di astenersi dal visitare L’India e se già in possesso di un biglietto di viaggio verso questo Paese di evitare di fare tappa nelle regioni dove tuttora sono in corso manifestazioni. I funzionari stimano che nelle ultime due settimane circa 200.000 turisti nazionali e internazionali hanno annullato o posticipato i loro viaggi nel Taj Mahal, una delle attrazioni turistiche più famose al mondo.

“Nel dicembre di quest’anno si è registrato un calo del 60 percento dei passi dei visitatori, rispetto allo scorso anno”, ha detto ad Al Jazeera, Dinesh Kumar, ispettore di polizia che sovrintende a una stazione di polizia turistica speciale vicino al Taj Mahal, che ha accesso ai dati dei visitatori. Il Taj Mahal, situato nella città di Agra, attira ogni anno oltre 6,5 milioni di turisti, generando quasi 14 milioni di dollari all’anno dai biglietti d’ingresso. Un turista straniero paga 1.100 rupie (circa $ 15) per entrare nel parco, anche se i cittadini dei paesi vicini ottengono uno sconto. Calcolando negli ultimi mesi un calo del 40% delle prenotazioni il calcolo delle perdite è presto fatto. E poi le cancellazioni dell’ultimo minuto durante la stagione festiva hanno ulteriormente aggravato la situazione. “Anche il blocco di Internet ha influito sui viaggi e sul turismo ad Agra dal 50 al 60% circa”, ha affermato Sandeep Arora, presidente della Agra Tourism Development Foundation, che raggruppa più di 250 tour operator, hotel e guide. Jayanta Malla Baruah, capo dell’Assam Tourism Development Corporation, riporta Al Jazeera, che in media l’India è visitata da 500.000 turisti nel mese di dicembre.”Ma questa volta, a causa delle proteste in corso e dei consigli di viaggio di vari paesi, il numero è diminuito del 90 percento, se non di più”.

La legislazione sulla cittadinanza rende più facile per i membri delle minoranze religiose che si sono stabiliti in India prima del 2015 ottenere la cittadinanza, ma non offre le stesse condizioni ai musulmani.

Il sospetto di molti è che questa legge che facilita le procedure di naturalizzazione per le minoranze non musulmane di tre nazioni, faccia parte di un piano generale per rimodellare l’India come nazione puramente indù, anche se il Primo Ministro Narendra Modi continua a negare le accuse


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!