Adam Schiff ,capo del Comitato permanente per i servizi segreti della Camera degli Stati Uniti, noto anche come Comitato per i servizi segreti della Camera

di Colin Anthony Groves

Ieri il Senato degli Stati Uniti ha aperto il processo di impeachment che vede al banco degli imputati il presidente Donald Trump. I senatori in piedi ai loro banchi hanno giurato di essere giurati imparziali. Il processo, solo il terzo di tale impresa nella storia americana, si sta svolgendo all’inizio dell’anno elettorale, un momento di profonda divisione politica nella nazione. Quattro dei senatori che siedono in giudizio su Trump sono in corsa per la nomina del Partito Democratico per sfidarlo in autunno.

“Ora tutti i senatori si alzeranno e rimarranno in piedi, alzando la mano destra”, ha detto John Roberts, a capo della corte, in passato accusato da Trump di essere un “giudice di Obama”.

“Giuri solennemente, consapevole della responsabilità che con il giuramento assumi davanti a Dio e agli uomini, che per tutte le cose relative al processo dell’impeachment di Donald John Trump, presidente degli Stati Uniti, ora in corso, farai giustizia imparziale secondo la Costituzione e le leggi?” Questo il giuramento al quale si sono sottoposti i senatori.

Ecco Lev Parnas che si dirige verso il tribunale a New York, lunedì 2 dicembre 2019. Parnas e Igor Fruman, stretti collaboratori dell’avvocato del presidente americano Donald Trump Rudy Giuliani, sono stati arrestati il ​​mese scorso in un aeroporto fuori Washington mentre cercavano di imbarcarsi su un volo per l’Europa con biglietti di sola andata. 
Successivamente sono stati incriminati dai pubblici ministeri federali con l’accusa di cospirazione, facendo false dichiarazioni alla Commissione elettorale federale e falsificazione dei documenti. (AP Photo / Seth Wenig)

Trump accusato di avere abusato del suo potere facendo pressioni all’Ucraina affinché indagasse sul rivale democratico Joe Biden, in cambio di aiuti militari al paese e di avere ostacolato il lavoro del Congresso, insiste sul fatto di non aver fatto nulla di male: “È una bufala”, dice in sua difesa. Ma l’ufficio di responsabilità del governo ieri ha dichiarato che la Casa Bianca ha violato la legge federale trattenendo aiuti militari per l’Ucraina. A complicare la situazione ora si è aggiunto Lev Parnas, un collaboratore di Rudy Giuliani, che ha consegnato ai pubblici ministeri nuovi documenti che confermerebbero le responsabilità di Trump. “Cosa nasconde il presidente? Di cosa ha paura? ”, h chiesto il leader democratico del Senato Chuck Schumer. La portavoce Nancy Pelosi ha dichiarato che le nuove informazioni di Parnas richiedono un’indagine.

Prima del giuramento dei giurati, Adam Schiff , che è a capo del Comitato permanente per i servizi segreti della Camera degli Stati Uniti, noto anche come Comitato per i servizi segreti della Camera, ha formalmente letto gli articoli di impeachment. Trump conta su un sufficiente sostegno dei repubblicani e spera che il processo non vada oltre le due settimane, che si tradurrebbe in un procedimento molto più breve di quello affrontato precedentemente nella storia americana, da altri due presidenti , Bill Clinton, nel 1999 e Andrew Johnson, nel 1868, che a loro volta furono imputati, ma poi assolti.

Ci vorrebbe una super maggioranza di senatori, 67 su 100, per condannare il presidente. I repubblicani che controllano la camera sono 53 su 47, ma ci vorrebbero solo 51 voti durante il processo per approvare le regole, chiamare testimoni o respingere le accuse. Come finirà la partita è difficile dirlo. Nuove prove, nuovi testimoni aggiungono variabili al caso. John Bolton, ex consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca, potrebbe fare la differenza. Quello che è certo è che i democratici vogliono la testa di Trump e faranno qualsiasi cosa per ottenerla. E dato che Trump non vuole rischiare per difendersi dall’accusa di impeachment dopo avere ingaggiato l’avvocato Alan Dershowitz, famoso per aver difeso anche O.J.Simpson alla sua squadra di difensori ha aggiunto un altro nome eccellente, quello di Kenneth Starr, passato alla storia per aver guidato le indagini che portarono alla messa in stato di accusa di Bill Clinton. Del team legale fa già parte Robert Ray, che successe proprio a Starr nel corso dell’impeachment a Clinton e scrisse il rapporto finale. A guidare il gruppo dei difensori di Trump saranno il legale della Casa Bianca Pat Cipollone e l’avvocato personale del presidente americano Jay Sekulow.


        
Translate »
error: Content is protected !!