CHRISTIE’S, ALL’ASTA IL 5 FEBBRAIO, “DANGEROUS STREET” DI GROSZ

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scelto per voi....È uno dei più importante dipinti di Grosz sulla guerra durante la guerra di Berlino, che iniziò nell'agosto del 1918

George Grosz (1893-1959), 
Gefährliche Straße , dipinto nel luglio 1918 . 
Olio su tela. 
47,3 x 65,3 cm). 
Stima: £ 4.500.000-6.500.000

Offerto nella 
vendita serale di impressionisti e arte moderna il 5 febbraio 2020 presso Christie’s a Londra

Berlino nei primi mesi del 1918 fu una città di decadenza e declino. La Germania stava barcollando verso la sconfitta nella prima guerra mondiale e – grazie a più di tre anni di blocchi della Royal Navy – barcollando sull’orlo della fame. Le strade della città brulicavano di mendicanti, prostitute e profittatori del mercato nero: simboli del malessere nella società imperiale tedesca mentre entrava nei suoi ultimi giorni. I ranghi delle famose prostitute dello streetwalking di Berlino erano ora gonfiati con donne di tutte le classi che erano cadute in periodi difficili e la malattia venerea era diffusa. Sembrava che sesso e morte fossero ovunque.

Il berlinese George Grosz (1893-1959) riconobbe rapidamente che la sua era “un’epoca che volava verso la sua distruzione”. Fu, disse, “un momento favorevole per ciarlatani di ogni genere, dai produttori di sostituti della carne ai poeti lirici cortesi che cantavano le loro canzoni di guerra. La Germania ora mostra il suo vero volto: un’arroganza senza speranza ‘. In molti modi, il glamour squallido che siamo arrivati ​​ad associare alla capitale tedesca negli anni 1920 e nei primi anni ’30 – attraverso film come  Cabaret  – è emerso negli ultimi mesi di guerra. Fu in questo contesto, nel luglio del 1918, che il 25enne Grosz dipinse la sua tela inquietante, Gefährliche Straße (“Strada pericolosa”). La prima carriera di Grosz era stata interrotta da due periodi di servizio militare, il secondo si concluse con un esaurimento nervoso che lo costrinse a ritirarsi nel 1917.  La sua esperienza sul fronte ha suscitato in lui un profondo cinismo verso – e un forte disgusto per – i poteri tedeschi del futuro. Ha riassunto la prima guerra mondiale come “anni di follia di massa e massacri”, sentimenti che sono stati solo rafforzati da ciò che ha visto al suo ritorno a Berlino.

George Grosz travestito da trapper nel suo studio, Berlino, 1917. Fotografo sconosciuto. 
Opere: © Estate di George Grosz, Princeton, NJ / DACS 2020

Gefährliche Straße   fa parte di una serie di circa 20 dipinti che Grosz fece della città di notte tra la primavera del 1917 e il novembre 1918. (La pace sarebbe stata firmata con gli Alleati l’11 novembre 1918, due giorni dopo che il Kaiser Guglielmo II abdicò come Imperatore). Circa la metà di questi lavori è andata perduta, con alcuni dei dipinti mancanti probabilmente distrutti dai nazisti, che detestavano il lavoro di Grosz e lo definivano “degenerato”.

Delle immagini che sono sopravvissute, sei sono ora nelle maggiori collezioni museali, tra cui il Museum of Modern Art di New York e la Staatsgalerie di Stoccarda. Altri quattro sono confermati come in mani private, di cui  Gefährliche Straße , che viene venduta all’asta il 5 febbraio presso l’ Impressionist & Modern Art Sal e di Londra, è ampiamente considerata la migliore. Ricordando la Friedrichstrasse di Berlino, la “strada pericolosa” del titolo dell’opera è una scena da incubo oscura e indaffarata in cui incontriamo una sezione trasversale di personaggi, in particolare un soldato in uniforme, dall’aspetto spettrale con una faccia simile a un teschio e un cupo, espressione vacua che potrebbe eventualmente essere la conseguenza dello shock da shell. Delle figure alla destra del soldato, la protagonista è una prostituta che fa il suo mestiere. Indossa poco più di un trucco appariscente, ha la capacità di trasformare i volti degli ammiratori maschi in quelli dei cani. “Gefährliche Straße   è un dipinto di forze crude e incontrollabili che si scontrano per le strade notturne di Berlino”, afferma Robert Brown, capo della ricerca internazionale di Christie’s. “Il soldato e la prostituta funzionano come archetipi del sesso e della morte – le due principali polarità di una società che cade a pezzi.” L’immagine è soffusa dalla luce rossa fumante, come se piccoli fuochi ardessero in tutta la strada. Grosz fonde un senso del dramma espressionista quasi visionario con una frammentazione cubo-futurista della forma per creare un senso casuale dell’esperienza sconnessa della vita moderna della città. Oltre ad essere chiaramente in sintonia con le ultime tendenze artistiche, Grosz evocava anche una lunga tradizione del grottesco nell’arte del Nord Europa, associata a artisti del calibro di Pieter Brueghel il Vecchio . “Grosz è stato un successore di Brueghel”, conferma Brown. “È stato in qualche modo in grado di produrre bellissime immagini da scene che raffigurano l’umanità al minimo”.

George Grosz (1893-1959), 
Deutschland, ein Wintermärchen , 1918. Dipinto un mese dopo 
Gefährliche Straße , i suoi luoghi sono ora sconosciuti. 
Foto: Akademie der Künste, Berlino, Kunstsammlung. 
Opera: © Estate di George Grosz, Princeton, NJ / DACS 2020

Gefährliche Straße   fu il precursore immediato di Deutschland, ein Wintermärchen (“Germania, una fiaba invernale”), il più importante dipinto di Grosz sulla guerra durante la guerra di Berlino, che iniziò nell’agosto del 1918. Le due opere hanno molto in comune.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!