•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ecco Carlos Santana durante un’esibizione al BottleRock Napa Valley Music Festival a Napa, in California (Foto di Amy Harris / Invision / AP, File)

di Paul Sassoli

Carlos Santana è l’ultimo musicista che ha annullato i concerti a causa di problemi di salute pubblica e restrizioni riguardo al dilagare dei contagi per il Coronavirus. Carlos, oggi ha annunciato martedì di aver cancellato le date del tour europeo del suo Miraculous 2020 World Tour. I rimborsi saranno disponibili attraverso il punto di acquisto. Il tour doveva iniziare il 17 marzo in Polonia. Santana per ora è l’ultimo della lista di cantanti che al momento hanno cancellato o posticipato gli spettacoli negli Stati Uniti e al di fuori della regione, tra cui Pearl Jam, Madonna, Ciara, BTS, Khalid, Mariah Carey e Green Day. Cancellato anche il festival South by Southwest di Austin, in Texas e invece è stato solo rinviato il festival di musica dance elettronica Ultra di Miami.

Madonna ha fatto sapere, anche tramite il suo sito, di avere cancellato le ultime due tappe del suo ultimo tour in Francia ieri, dopo il divieto in Francia di tutti gli eventi che prevedevano la presenza di oltre 1.000 persone per limitare la diffusione del Coronavirus.

Madonna
(Foto di Evan Agostini / Invision / AP, File)

“In seguito alla notifica ufficiale dell’Ufficio di Polizia di questa mattina che proibisce tutti gli eventi con una partecipazione del pubblico di oltre 1000 persone, Live Nation si rammarica di annunciare le ultime due esibizioni di Madame X precedentemente programmate per il 10 marzo e l’11 marzo, sono state annullate. I biglietti saranno rimborsabili al punto di acquisto. Ci dispiace per la delusione per i fan”

Da domenica 8 marzo in Francia si sono verificati 1.126 casi di contagio, con un aumento del 19% rispetto al giorno precedente, il secondo maggior numero di casi in Europa dopo l’Italia. E finora sono morte 19 persone.

Domenica 8 marzo, dopo un consiglio di Governo dedicato all’epidemia di Covid-19, il ministro della sanità e della solidarietà francese, Olivier Véran, ha annunciato il divieto di “raduni di oltre 1.000 persone » In tutta la Francia. Il decreto del 9 marzo, pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 10 marzo, che specifica che il divieto è da intendere “anche in spazi non chiusi” finora è fissato fino al 15 aprile. 

Oltre ai club e alle piccole sale che offrono una capienza di alcune centinaia di persone, molti luoghi saranno quindi interessati. Una prima misura del governo, adottata il 29 febbraio, vietava le riunioni di oltre “5.000 persone in spazi confinati”, con effetto annunciato il 4 marzo, fino al 31 maggio, data poi ridotta al 15 aprile. 

Teatri e cinema chiusi, ma c’è chi punta alla riduzione del pubblico per non cancellare gli spettacoli

A Parigi, l’Opera, il Teatro degli Champs-Elysées e la Philharmonie hanno già annunciato che tutti i concerti in programma dal 9 marzo al 22 marzo, saranno cancellati. Il direttore generale della Philharmonie, Laurent Bayle, ha detto in un intervista a Le Monde che ogni serata soppressa equivale a una perdita compresa tra 80.000 e 200.000 euro.

All’Opéra-Comique, si sta studiando la possibilità di una riduzione dei posti venduti (da 1.150 a 800) senza escludere la totale cancellazione di ‘Macbeth Underworld’ di Pascal Dusapin (dal 25-31 marzo). Anche l’Opera di Bordeaux, per non cancellare le esibizioni di ‘Romeo e Giulietta’ di Gounod (fino al 15 marzo), sta pensando a una riduzione degli ingressi. Come anche l’Opera di Lione per il ‘Rigoletto’ di Verdi, molto popolare.

Cancellazioni degli spettacoli anche a Montpellier, a Tolosa. Anche il Festival musicale franco-russo annuncia l’eliminazione dei tre concerti in programma con l’Orchestra e il Coro del Teatro Bolshoi il 10, 11 e 12 marzo all’Halle-aux-Grains.

Le perdite per il settore sono, per il momento, difficili da valutare

In un comunicato stampa, pubblicato il 6 marzo, da Prodiss, l’unione nazionale di produttori, emittenti, festival e sale per spettacoli musicali e di varietà, ha ricordato che “lo spettacolo musicale e di varietà organizza 65.000 spettacoli ogni anno”e dà lavoro a 120.000 persone ” . Le perdite per il settore sono, per il momento, difficili da valutare. Olivier Darbois, presidente di Prodiss, intervistato il 7 marzo da Le Parisien , ha stimato, a seguito delle prime cancellazioni e rinvii, 250 milioni di euro di perdite per il settore. Pur specificando che questo numero dovrebbe essere perfezionato nelle prossime settimane in base alle informazioni inviate dai membri del sindacato (350 produttori, emittenti, operatori di location e organizzatori di festival, secondo il rapporto di attività 2018-2019). L’Unione nazionale degli imprenditori dello spettacolo (SNES), come Prodiss, ha chiesto al governo di agire rapidamente per istituire un fondo di emergenza per sostenere attività e occupazione nel settore.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!