•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il presidente del Parlamento europeo David Maria Sassoli

di Colin Anthony Groves

“A seguito dell’appello di domenica del presidente della Commissione europea, i governi degli Stati membri devono smettere di limitare le forniture di attrezzature mediche all’interno dell’UE e interrompere le azioni unilaterali per impedire la libera circolazione. Questa battaglia è a livello europeo e deve essere combattuta con un forte coordinamento tra i governi e le istituzioni dell’UE”, ha detto il presidente del Parlamento europeo David Sassoli sull’ultima risposta della Commissione COVID-19. “Le sfide poste dalla rapida diffusione di COVID-19 mostrano che la cooperazione e la solidarietà sono necessarie ora più che mai. Nessuno sforzo sarà risparmiato per proteggere la salute delle persone e aiutare chi è nel bisogno. Dobbiamo garantire un’adeguata produzione e fornitura di attrezzature mediche, quindi è disponibile ovunque sia necessario nell’UE. Questo virus non rispetta alcun confine, i tentativi di combatterlo da soli falliranno. Garantire che il nostro mercato interno continui a funzionare e le sue regole siano rispettate è di vitale importanza. Dobbiamo garantire che forniture e prodotti possano arrivare dove sono necessari. Solidarietà, fiducia reciproca e cooperazione sincera dovrebbero guidare le nostre azioni per combattere questa pandemia. Il rafforzamento dei controlli alle frontiere esterne dell’UE, in linea con le nostre norme e i nostri obblighi internazionali, può contribuire a garantire il funzionamento efficace del sistema Schengen. Tuttavia, la reintroduzione dei controlli alle frontiere interne, se non basata sui consigli o sui dati delle autorità sanitarie, provoca più danni che benefici. Impone importanti costi economici per l’UE nel suo insieme e impedisce alle merci di arrivare dove sono necessarie. Dobbiamo garantire il corretto funzionamento dello spazio Schengen. In questo momento, dobbiamo tutti costruire fiducia reciproca, cooperazione e solidarietà. Questi principi sono al centro del progetto europeo e sono necessari ora più che mai”.

Juan Fernando López Aguilar, Presidente della commissione per le libertà civili, giustizia e affari interni del Parlamento europeo

Chiusura delle frontiere di Schengen

Il regolamento (UE) 2016/399 relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) prevede esplicitamente il rischio per la salute pubblica come motivo di rifiuto d’ingresso alla frontiera esterna dello spazio Schengen, ma non prevede la possibilità di ripristinare temporaneamente i controlli alle frontiere interne per motivi di salute pubblica. Sulla reintroduzione dei controlli di frontiera interni a Schengen il Presidente della commissione libertà civili, Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES) ha detto: “Negli ultimi giorni, diversi Stati membri dell’UE hanno reintrodotto i controlli alle loro frontiere interne, dentro l’area Schengen, o le hanno addirittura chiuse per alcune categorie di persone, mentre altri Stati membri stanno prendendo in considerazione tali misure. In qualità di Presidente della commissione per le libertà civili, giustizia e affari interni del Parlamento europeo, pur condividendo pienamente la necessità di misure di politica pubblica che limitino l’interazione sociale per rallentare la diffusione del Coronavirus, esorto gli Stati membri ad adottare le loro misure nel pieno rispetto dei principi di proporzionalità e, soprattutto, di solidarietà tra gli Stati membri dell’UE, oltre che di non discriminazione e delle norme Schengen applicabili. È fondamentale che, nell’adottare tali misure, non vi sia alcuna discriminazione tra i cittadini dell’UE. È solo attraverso un approccio coordinato, piuttosto che attraverso azioni intraprese dai singoli Stati membri, che riusciremo ad affrontare con successo la sfida che tutti abbiamo davanti. La commissione per le libertà civili sta monitorando attentamente la situazione e si aspetta che la Commissione europea, la Presidenza del Consiglio UE e gli Stati membri proteggano tutti i benefici dell’area Schengen”.

Commissione europea, servono nuovi stanziamenti

“La pandemia di coronavirus (COVID-19) è una sfida eccezionale e globale per tutti noi, e mette sotto pressione i nostri sistemi sanitari e le nostre attività. In questo momento difficile, riteniamo che l’Europa debba agire insieme e mostrare solidarietà ”, hanno affermato venerdì i membri della commissione per i bilanci. “Accogliamo con favore l’annuncio della Commissione europea di venerdì 13 marzo sulla mobilitazione delle risorse disponibili nell’ambito della politica di coesione destinata a sfruttare ulteriormente i finanziamenti per i nostri sistemi sanitari, le PMI e i mercati del lavoro interessati. Tuttavia, queste misure sono insufficienti in quanto propongono di riutilizzare i fondi già disponibili per gli Stati membri per uno scopo diverso. Riteniamo che in questa situazione gli Stati membri debbano essere pronti a fornire anche nuovi mezzi finanziari per affrontare questa crisi e contribuire a mitigare gli impatti negativi della pandemia di COVID-19. Pertanto, oltre alle misure annunciate il 13 marzo, la commissione per i bilanci sollecita la Commissione a proporre di mobilitare anche nuovi stanziamenti, disponibili nel bilancio 2020 attraverso margini e strumenti di flessibilità. Gli impatti sulla nostra economia ora sono tangibili. La commissione per i bilanci è pronta a elaborare rapidamente tutte le iniziative di bilancio necessarie destinate ad alleviare gli impatti negativi sui nostri sistemi sanitari, sulla nostra economia e sui cittadini dell’UE ”, hanno aggiunto i deputati al bilancio.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!