•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lisa Jackson al Kaiser Permanente di Washington Health Istituto di ricerca a Seattle, dove si sta sperimentando il vaccino per COVID-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus.
(Foto AP / Ted S. Warren)

di Lisa Parker

Ieri i ricercatori statunitensi hanno iniziato i primi test di un vaccino sperimentale contro il Coronavirus. Gli scienziati del Kaiser Permanente Washington Research Institute di Seattle hanno iniziato uno studio di primo stadio su un potenziale vaccino COVID-19 sviluppato in tempi record dopo che il nuovo virus è esploso anche al di fuori dei confini della Cina.

“Siamo un team di coronavirus ora”, ha detto Lisa Jackson, responsabile dello studio della Kaiser Permanente, alla vigilia dell’esperimento. “Tutti cercano di fare ciò che possono in questa emergenza.” L’Associated Press ha dato la notizia per prima di questo esperimento iniziato su una persona, responsabile operativo di una piccola azienda tecnologica, che ha fatto da cavia per il vaccino in una sala d’esame. “Ci sentiamo tutti così impotenti. Questa è una straordinaria opportunità per me di fare qualcosa”, ha detto Jennifer Haller, 43 anni, di Seattle, mamma di due figli adolescenti, prima di essere vaccinato. Come lei anche Neal Browning, 46 anni, di Bothell, Washington, un ingegnere della Microsoft si è offerto volontario.

Anche se la ricerca andrà bene, un vaccino non sarebbe disponibile per un uso diffuso per 12-18 mesi, ha dichiarato il dott. Anthony Fauci del National Institutes of Health degli Stati Uniti. Durante una conferenza stampa.

Quali i pericoli del contagio?

Questo vaccino, il cui nome in codice è mRNA-1273, sviluppato da Moderna Inc., la società di biotecnologia del NIH e Massachusetts, non ha alcuna possibilità di infettare coloro che si sono sottoposti al test. Ora in tutto il mondo dozzine di gruppi di ricerca sono al lavoro per creare un vaccino contro COVID-19. Inovio Pharmaceuticals, dovrebbe iniziare il proprio studio sulla sicurezza il prossimo mese negli Stati Uniti, in Cina e in Corea del Sud. L’esperimento di Seattle è iniziato pochi giorni, scrive Ap, dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che il virus ha provocato una pandemia a causa della sua rapida diffusione globale, infettando oltre 169.000 persone e uccidendone oltre 6.500.

Alcuni volontari sani accuratamente scelti dello studio, di età compresa tra 18 e 55 anni, saranno sottoposti a dosaggi più elevati rispetto ad altri per testare la forza del virus . Gli scienziati verificheranno la presenza di effetti collaterali e trarranno campioni di sangue per verificare se il vaccino fa rivivere il sistema immunitario, cercando indizi incoraggianti come il NIH precedentemente trovato nei topi vaccinati. “Non sappiamo se questo vaccino indurrà una risposta immunitaria o se sarà sicuro. Ecco perché stiamo facendo una prova “, ha sottolineato la Jackson. “Non è nella fase in cui sarebbe possibile o prudente darlo alla popolazione in generale.”

La maggior parte della ricerca sui vaccini in corso a livello globale prende di mira una proteina chiamata giustamente “spike” che studia la superficie del nuovo coronavirus e gli consente di invadere le cellule umane. Blocca le proteine ​​e le persone non possono essere infettate. I ricercatori del NIH hanno copiato la sezione del codice genetico del virus che contiene le istruzioni per le cellule per creare la proteina spike. Il corpo diventerà una mini-fabbrica, producendo alcune innocue proteine ​​del picco. Quando il sistema immunitario individua la proteina estranea, produrrà anticorpi per attaccare e sarà pronto a reagire rapidamente se la persona in seguito incontrerà il vero virus.

Questo è un modo molto più veloce di produrre un vaccino rispetto all’approccio tradizionale, però poiché i vaccini vengono somministrati a milioni di persone sane, ci vuole tempo per testarli in numero abbastanza grande da individuare un effetto indesiderato non comune, ha avvertito il Dr. Nelson Michael del Walter Reed Army Institute of Research, anche lui allo studio di un vaccino-madre. L’istituto di ricerca di Seattle fa parte di una rete governativa che testa tutti i tipi di vaccini ed è stato scelto per lo studio sui vaccini contro il coronavirus prima che COVID-19 iniziasse a diffondersi ampiamente nello stato di Washington. Ora bisogna solo aspettare il corso della scienza, che sta già facendo passi da leone anche in Italia.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!