•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lady Gaga
(ph. Joel C Ryan / Invision / AP)

di Patricia Sinclair

Guidati da Lady Gaga, i nomi più grandi della musica mondiale e tante altre star si sono riuniti ieri per un evento globale dal nome emblematico ‘One World Together At Home‘ per onorare il personale sanitario che lavora in prima linea nella lotta contro il Coronavirus e sensibilizzare sulla raccolta fondi promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità con il patrocinio di Global Citizen. Presentato da Stephen Colbert, Jimmy Fallon e Jimmy Kimmel è andato in onda contemporaneamente su ABC, NBC, CBS, iHeartMedia e Bell Media ed è stato poi ritwittato dalle star e dai loro fans.

Paul McCartney, Stevie Wonder, Elton John, Zucchero, Lizzo, Shawn Mendes, Jennifer Lopez, Billie Joe, Armstrong dei Green Day, Kacey Musgraves, Maluma, Keith Urban e altri, la lista è lunghissima, hanno cantato canzoni stando chiusi nella propria casa, o nel giardino della propria abitazione, piene di messaggi di speranza e di cambiamento. La cantante country Maren Morris, la rock performeHozier,r Hozier, la star britannica Rita Ora e la cantante degli Emirati Hussain Al Jassmi hanno suonato durante la prima parte dello speciale, mentre sullo sfondo scorreva un video dove si vedevano degli operatori sanitari in prima linea nella lotta contro la diffusione del Coronavirus. Beyoncé e Alicia Keys hanno parlato appassionatamente di come il virus ha colpito in modo sproporzionato le persone di colore più povere impossibilitate a difendersi dalla furia del Coronavirus.

Gli afroamericani rappresentano oltre un terzo dei decessi COVID-19 negli Stati Uniti
Lady Gaga
(ph. Joel C. Ryan/Invision/AP)

Beyoncé ha fatto un’apparizione a sorpresa nello speciale ringraziando gli addetti alle consegne, corrieri postali e dipendenti delle strutture igienico-sanitarie per il duro lavoro che hanno svolto durante la pandemia. “I neri americani appartengono in modo sproporzionato a queste parti essenziali della forza lavoro che non hanno il lusso di lavorare da casa. Le comunità afroamericane in generale sono state gravemente colpite da questa crisi. Questo virus sta uccidendo i neri a un ritmo allarmante qui in America”, ha detto la cantante. “Per favore, proteggetevi”, ha proseguito “Siamo una famiglia. So che è molto difficile, ma per favore siate pazienti, mantenete la fede, rimanete positivi e continuate a pregare per i nostri eroi”.

Anche Lady Gaga ha incoraggiato le persone a resistere alla pandemia causata dal Coronavirus e si è esibita nella reinterpretazione di “Smile” di Nat King Cole. “Tengo così tanto agli operatori sanitari che stanno mettendo a rischio la loro vita per noi”, ha detto Gaga. Steve Wonder ha suonato “Lean On Me” di Bill Withers, morto lo scorso 30 marzo. 

Zucchero

Adelmo Fornaciari, noto con il nome d’arte Zucchero, cantautore e musicista italiano, annoverato fra i principali esponenti del blues in Italia, ha cantato “Everybody’s Got to Learn Sometime”. John Legend e Sam Smith, ognuno dalle proprie case, hanno duettato assieme cantando”Stand by Me”. Lizzo si è esibito in “A Change Is Gonna Come”. Shawn Mendes e Camila Cabello, seduti insieme, hanno eseguito “What a Wonderful World”.

Ecco Paul McCartney bambino, con suo fratello Michael assieme alla mamma Mary Mohin McCartney. Paul durante la sua performance al ‘One World Together At Home’ ha ricordato la mamma, scomparsa prematuramente, quando lui aveva solo 14 anni, per un tumore al seno, lo stesso male che gli ha portato via anche l’adorata prima moglie Linda Eastman McCartney, perché anche sua mamma ha fatto l’infermiera. Sua madre ha lavorato nel reparto maternità del Walton Hospital di Liverpool, dove poi è nato Paul.

Paul McCartney ha cantato “Lady Madonna” dei Beatles e ha parlato di sua madre, che faceva l’infermiera. I Rolling Stones hanno suonato “You can’t always get what you want” e mentre Mick Jagger, Ronnie Wood e Keith Richards hanno intonano il celebre brano del ’69 con molto pathos, ha colpito la performance del batterista Charlie Watts, che ha fatto solo finta di suonare la batteria, impugnando le bacchette e iniziando a suonare in aria tra bauletti e poltrone nel suo salotto. Taylor Swift ha cantato “Soon YOU Get Better” mentre suonava il piano.

Le ex first lady Michelle Obama e Laura Bush, Oprah Winfrey, Bill e Melinda Gates, Ellen DeGeneres, Pharrell Williams, Kerry Washington, Lupita Nyong’o e Henry Golding hanno espresso la loro vicinanza al personale medico e paramedico esprimendo pensieri e dediche particolari. J Balvin (José Álvaro Osorio Balvin) noto per i suoi brani perlopiù reggaeton ha offerto consigli sul lavaggio delle mani, mentre i medici e gli altri operatori sanitari hanno parlato dell’importanza della distanza sociale e degli aiuti ora più che mai indispensabili.

Artisti da tutto il mondo per ‘One World Together at Home’, l’evento-concerto voluto da Lady Gaga con esibizioni dalle abitazioni di ciascuno a sostegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, di diverse associazioni di volontariato e soprattutto di medici ed infermieri che ogni giorno rischiano la vita per curare chi è stato contagiato dal virus, 19 aprile 2020. La prima a esibirsi Lady Gaga che ha invitato tutti a sorridere intonando al piano il brano Smile. Si sono avvicendati fra gli altri Elton John, Paul McCartney, i Rolling Stones, Lizzo. Per l’Italia presenti Andrea Bocelli e Zucchero. (ph. ANSA)

Non solo le star della musica, ma anche quelle del cinema hanno partecipato a questa maratona di beneficenza che ha fatto raccogliere 128 milioni di dollari. L’evento si è poi concluso con Lady Gaga, John Legend, Celine Dion, Andrea Bocelli e Lang Lang che hanno cantato “The Prayer”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!