it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
L'UE CHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI PER PREVENIRE ENORMI PERDITE DI LAVORO. MA RESTERANNO SOLO PAROLE? - WHAT-U

José Gusmão (GUE / NGL, PT)

Per prevenire enormi perdite di posti di lavoro e una profonda recessione, la commissione per l’occupazione e gli affari sociali del PE ha chiesto che vengano prese misure radicali per aiutare le imprese e i lavoratori dell’UE a uscire dalla crisi. “Gli Stati membri devono adottare misure radicali per attutire l’occupazione e lo shock sociale causati dalla pandemia”, ha detto José Gusmão (GUE / NGL, PT) e adottata mercoledì dalla commissione per l’occupazione e gli affari sociali . Il testo invita la Commissione a rivedere gli orientamenti per l’occupazione tenendo conto delle conseguenze della pandemia”.

Le misure proposte dagli eurodeputati includono sussidi salariali, sostegno al reddito, estensione dei regimi di indennità di disoccupazione e congedi per malattia retribuiti, congedo per assistenti e regime di lavoro da casa. La lotta contro la disoccupazione giovanile, i senzatetto e la povertà deve essere prioritaria attraverso una garanzia per i giovani rafforzata , una forte garanzia per l’infanzia per affrontare la povertà infantile e l’ approccio Housing First

Supportare la mobilità dei lavoratori e l’assistenza finanziaria per le imprese dell’UE

Ma cosa dice il testo? Il testo in pratica premia le società che rispettano i contratti collettivi applicabili, che non pagano dividendi o bonus e ovviamente quelle non registrate in paradisi fiscali, offrendo loro l’opportunità di richiedere assistenza finanziaria attraverso il meccanismo SURE, che è lo strumento che già conosciamo, creato per combattere l’emergenza COVID-19 nelle regioni più colpite e che assicura circa 100 miliardi di euro (garantiti da tutti gli stati membri), per combattere la disoccupazione.

E cosa dire della “clausola generale di fuga” , che offre flessibilità fiscale agli Stati membri durante gravi shock economici?

Il patto di stabilità e crescita contiene due clausole che consentono agli Stati membri di impegnarsi con adeguate misure di bilancio, nell’ambito del Patto, di fronte a circostanze eccezionali. La prima è nota come “clausola sugli eventi insoliti”, mentre la seconda è definita “clausola generale di fuga”. In sostanza, le due clausole consentono la possibilità di affrontare una grave recessione economica, come quella che ha colpito molti Paesi a causa del Covid-19, applicando un correttivo delle spese del bilancio precedentemente previste.

Per creare nuove opportunità di lavoro, i deputati propongono agli Stati membri di sostenere un’equa mobilità del lavoro in tutta Europa e rafforzare ulteriormente il programma di mobilità ERASMUS + , di digitalizzare i servizi pubblici più rapidamente, in particolare quelli legati al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale . Peccato che proprio sul fronte Erasmus le criticità a causa della pandemia causata dal Coronavirus non sono risolte. Il ministro dell’Istruzione, Azzolina giorni fa ha detto: “Erasmus va avanti nonostante la pandemia, scuole e università guardano al futuro”. Peccato che due studentesse siciliane Elisa Zuccaro, 22 anni, studentessa in Farmacia, e la sua coetanea Giorgia Pellerito, iscritta a Medicina, si trovino ancora bloccate da settembre nella cittadina di Hradec Kralove, a circa 140 chilometri da Praga, per il progetto Erasmus della durata di 10 mesi. Erano partite a settembre e per Natale erano tornate nelle rispettive case di Monreale e Palermo. Ma ora non possono rientrare per riabbracciare le loro famiglie.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!