[gtranslate] ATLANTIA CROLLO IN BORSA, OGGI VERTICE AL MIT CON LA DE MICHELI - WHAT-U

Dopo la decisione della Corte Costituzionale di respingere il ricorso contro l’esclusione di Autostrade per l’Italia dalla ricostruzione del ponte Morandi, crollano in Borsa le quotazioni di Atlantia.

Con il futuro della concessione di Aspi che appare oggi ancora più in bilico, il titolo è arrivato a perdere fin oltre il 7% per poi finire in asta di volatilità. “Il Governo deve intervenire immediatamente mettendo la parola fine. Non possiamo più aspettare. Purtroppo il grido di allarme che abbiamo lanciato in questi 4 mesi è stato poco ascoltato. Mi rassicurano adesso le parole di Conte”, ha detto il viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Giancarlo Cancelleri (M5S), che allenta la stretta dei grillini sul fronte del ‘no’ e apre comunque a una quota di minoranza per Autostrade.

Due nodi cruciali: ‘riduzione delle tariffe’ ed ‘eliminazione della legge

Due i nodi della questione: la riduzione delle tariffe e l’eliminazione della legge che assegna la concessione. Oggi pomeriggio la ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli incontrerà Aspi al Ministero.

Oggi Dario Galli ex viceministro dello Sviluppo Economico ed esponente della Lega a 24 Mattino su Radio 24 ha detto:
“O la Società Autostrade, una volta individuati i responsabili del crollo del Ponte Morandi e sostituiti, presenta un piano industriale dove dimostrano che, con i soldi dei pedaggi e delle altre entrate,  fanno un recupero del tempo perduto sulle manutenzioni, oppure, per manifesta inadempienza gli si toglie la concessione”. “Noi della Lega”, ha aggiunto Galli, “non stiamo né con i Benetton né contro i Benetton, chi gestisce le autostrade si porta a casa il monopolio di quel settore economico; in cambio di quello ci deve essere un’assoluta trasparenza di comportamento ma soprattutto un’adeguata indicazione di come quei soldi prelevati dai cittadini vengono reinvestiti, con una parte di guadagno che deve essere quella giusta. Non si può avere il 50% di guadagno”. (C.S.)



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY