•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Carrie Lam Cheng Yuet-ngor
(ph. China Daily)

di Willy Feng

Terza ondata di Covid-19 ad Hong Kong ancora nella stretta del malefico virus. La prossima settimana la maggior parte dei 180.000 dipendenti pubblici lavorerà da casa e l’uso obbligatorio delle maschere verrà esteso per coprire le aree pubbliche interne, con la città che si trova ad affrontare un picco di oltre 100 infezioni di Coronavirus al giorno.

Carrie Lam Cheng Yuet-ngor dal luglio 2017 capo esecutivo di Hong Kong dovrebbe annunciare il suo piano anti Covid-19 programmato assieme ai suoi ministri oggi alle 16:00.

C’è chi dice che si tornerà al coprifuoco di febbraio mentre altre fonti hanno detto che le norme che entreranno in vigore introdurranno obblighi più stringenti. Restano chiuse scuole e università. Ul governo ha deciso che circa 52.000 candidati agli esami di ammissione all’università di quest’anno riceveranno i risultati come previsto il 22 luglio e alle scuole verrà consigliato di pubblicare i risultati online anziché chiedere agli studenti di ritirarli nei campus.

Ieri il totale ufficiale della città di Covid-19 sabato è salito a 1.777 – superando le 1.755 infezioni registrate durante la fase acuta della Sars nel 2003. Un’alta concentrazione del virus è stata rilevata presso il centro oculistico di Tuen Mun, dove al momento solo tre impiegati oggi sono risultati positivi al test. Ma esperto ha detto che temeva che dal cluster sarebbero emersi più casi. E questo è il motivo per cui il centro oculare verrà chiuso lunedì e molti lavoratori verranno messi in quarantena.

Anche i centri sportivi in quarantena

In questa foto, la segretaria per l’alimentazione e la salute Sophia Chan Siu-chee di fronte al palazzo del Food and Health Bureau di Hong Kong
(ph. China Daily)

Dopo che un membro dello staff del Jockey Club di Hong Kong che lavorava nella sua sede della Happy Valley è risultato positivo al Covid-19 è stata disposto un controllo a tappeto e anche in questo caso le previsioni sono di chiusura. Stessa sorte anche per la catena di centri fitness Pure Fitness dopo la scoperta di un mebro infettato dal Covid-19.

Sophia Chan Siu-chee, segretaria in carica per l’alimentazione e la salute dal 1 ° luglio 2017, ha dichiarato in un programma televisivo della domenica mattina che le misure di distanziamento sociale potrebbero essere proseguite.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!