•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

  • La squadra negoziale del PE accoglie con favore l’accordo sullo strumento di recupero da 750 miliardi di euro
  • Ma è inaccettabile che venga tagliato il bilancio dell’UE a lungo termine, mentre i cittadini chiedono un aumento degli investimenti dell’UE
  • L’impegno vincolante per le nuove fonti di entrate dell’UE è fondamentale per il rimborso equo del debito di recupero
  • Il rispetto dello stato di diritto deve essere garantito

Tanto è stato l’entusiasmo comunicato anche via Social dai vari premier, per la conclusione del vertice UE del 17-21 luglio, fatta eccezione per qualcuno, che ha già messo le mani avanti nel dire che l’accordo sul bilancio a lungo termine dell’UE non può essere dato per scontato. Come le condizioni di rientro del prestito/debito.

Insomma dopo cinque giorni di intense discussioni, i capi di Stato e di governo hanno raggiunto un compromesso politico. La squadra negoziale del Parlamento sul quadro finanziario pluriennale (QFP) e le risorse proprie (OR) è arrivata a una posizione comune riguardo il fatto che il nuovo strumento di recupero (Next Generation EU) sia finanziato con un prestito di 750 miliardi di euro. Ma il Parlamento rimane critico su alcuni aspetti essenziali del compromesso, in particolare sulla prospettiva a lungo termine.


“Lo strumento di recupero è un passo importante verso una nuova ambizione per l’Unione: più verde, più competitiva e digitale. Questo ingente prestito è un momento storico per l’Unione europea e non dovremmo ignorare ciò che è appena accaduto. Tuttavia ci rammarichiamo che gli Stati membri abbiano deciso di abbandonare completamente la “soluzione ponte”, il cui obiettivo era proprio quello di fornire una risposta immediata alla crisi ai cittadini, a seguito dell’epidemia di Covid-19. In un contesto in cui il virus è di nuovo in aumento, i cittadini hanno bisogno di certezza. Il Parlamento continuerà a impegnarsi per garantire che la ripresa inizi senza ritardi. Inoltre, il controllo democratico deve essere notevolmente aumentato: il Parlamento, in quanto un braccio dell’autorità di bilancio, combatterà per essere pienamente coinvolto nell’istituzione e nell’attuazione dello strumento di recupero”.


“Il quadro è molto più negativo per quanto riguarda il bilancio a lungo termine dell’UE (QFP). Il Parlamento non può accettare i massimali minimi da record proposti poiché significano rinunciare agli obiettivi a lungo termine dell’UE e all’autonomia strategica, mentre i cittadini chiedono di più . Più solidarietà europea, più azione europea in materia di sanità pubblica, ricerca e digitalizzazione, gioventù e lotta storica ai cambiamenti climatici. I programmi chiave per raggiungere questi obiettivi sono stati considerevolmente ridotti e hanno perso la maggior parte dei loro ricarichi nell’ambito di Next Generation EU. Ci impegneremo per garantire miglioramenti, compresi importi più elevati, su programmi del QFP orientati al futuro come Horizon, InvestEU, LIFE, Erasmus +. E se le nostre condizioni non sono sufficientemente soddisfatte, adotteremo i programmi sulla base del QFP esistente, come previsto dal Trattato ”, ha avvertito i membri della squadra negoziale del PE.


“Il compromesso è anche un’occasione mancante quando si tratta di modernizzare il lato delle entrate, rendendolo più equo e più trasparente. L’UE è ora autorizzata a prendere in prestito fondi ma non vi è alcuna certezza su come sarà rimborsato il debito. Il Parlamento è stato chiaro: la ripresa non dovrebbe ridurre le capacità di investimento né danneggiare il contribuente nazionale. Questo è il motivo per cui nuove risorse proprie autentiche sono la soluzione per ripagare il debito comune, ma il contributo basato sulla plastica non farà il trucco da solo! Ricordiamo la nostra rigorosa richiesta in tal senso: un impegno vincolante per l’introduzione di risorse proprie aggiuntive già nel 2021, e ancora nel corso del QFP 2021-2027. Inoltre, nonostante il Regno Unito abbia lasciato l’UE, l’insistenza sugli sconti è stata estremamente dura e si traduce in un grande passo indietro per il progetto europeo”.

Riduzione o sospensione dei finanziamenti Eu: quando e perché?


Inoltre, il Parlamento rimane fermamente contrario all’annullamento del meccanismo per ridurre o sospendere i finanziamenti dell’UE se uno Stato membro non rispetta lo stato di diritto e questa questione non dovrebbe essere rimandata, ma affrontata ora. Il Parlamento è pronto ad avviare negoziati in codecisione per continuare a costruire un’Europa dei diritti fondamentali. Il Parlamento resta pronto ad avviare immediatamente i negoziati per raggiungere un migliore accordo per l’Europa ”, hanno aggiunto gli eurodeputati.


La squadra negoziale del PE 
per il prossimo bilancio dell’UE a lungo termine e la riforma delle risorse proprie


Johan Van Overtveldt (ECR, BE), presidente della commissione per i bilanci

Jan Olbrycht (PPE, PL), correlatore del QFP

Margarida Marques (S&D, PT), correlatrice del QFP

José Manuel Fernandes (PPE, PT), correlatore delle risorse proprie

Valérie Hayer (RENEW, FR), correlatrice delle risorse proprie

Rasmus Andresen (Verts / ALE, DE)


Prossimi passi


Il Consiglio finirà ora il suo mandato per avviare i negoziati con il Parlamento, che avrà l’ ultima parola prima che il bilancio 2021-2027 possa entrare in vigore. Sull’attuale bilancio pluriennale si scriverà la parola fine il 31 dicembre 2020.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!