EU, ACCORDO STORICO PER UN DEBITO CONGIUNTO DA 750 MILIARDI, MA ORA BISOGNA FARE I CONTI CON GLI SCONTENTI


L’accordo sul Fondo di Ripresa raggiunto con i Presidenti del Consiglio e della Commissione, Charles Michel e Ursula von der Leyen, è fuor di dubbio un accordo “storico” e ritenuto tale da molti deputati, poiché per la prima volta i Paesi UE hanno accettato di emettere un debito congiunto di 750 miliardi di euro. Tuttavia, la maggior parte dei deputati non è “soddisfatta” dei tagli apportati al bilancio a lungo termine (Quadro finanziario pluriennale, QFP).


“Non siamo pronti ad inghiottire il boccone del QFP”, ha affermato Manfred Weber (PPE). “Non si dovrebbero accettare i tagli, non in un momento in cui dobbiamo rafforzare la nostra autonomia strategica e ridurre le disparità tra gli Stati membri”, ha detto il leader del gruppo S&D, Iratxe García Pérez.


Molti deputati hanno sottolineato come la questione del rimborso del debito non sia stata risolta e hanno insistito sul fatto che l’onere non deve ricadere sui cittadini e che deve essere garantito un solido sistema di nuove risorse proprie che includa una tassa digitale o prelievi sul carbonio, e chiedono un calendario vincolante per la loro introduzione.


Inoltre, molti deputati hanno sottolineato che “l’UE non è un bancomat per i bilanci nazionali”, deplorando che i Paesi “frugali” non vogliano pagare il prezzo per beneficiare del mercato unico, insistendo sul fatto che nessun fondo debba andare a governi “pseudo-democratici” che non rispettano lo Stato di diritto e i valori dell’UE.

Scettici su nuove risorse proprie

Altri deputati si sono detti più scettici nei confronti di ‘nuove risorse proprie’ capaci di generare abbastanza per ripagare tutto il debito e hanno avvertito che la crisi non dovrebbe essere usata come pretesto per un’ulteriore integrazione dell’UE. La maggior parte ha comunque sottolineato che il Parlamento è pronto a negoziati rapidi per apportare i necessari miglioramenti alla posizione del Consiglio.

Per concludere il dibattito occorrerà votare una risoluzione


I deputati votano ora voteranno una risoluzione per concludere il dibattito, che servirà come mandato per i prossimi negoziati con la Presidenza tedesca del Consiglio dell’UE. Il risultato della votazione sarà annunciato in plenaria oggi alle 17.30.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!