•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di John Miller

Il caso della piccola Madeleine McCann è tornato alla ribalta delle cronache grazie ai nuovi indizi, che hanno portato a puntare il dito contro Christian Brueckner, in tedesco di poco più di 40 anni che quando la piccola Maddie è stata rapita in Portogallo, nel maggio del 2007, aveva alloggiato prima in una casa (proprio sopra il residence dov’era in vacanza la famiglia McCann) e poi in un caravan (di fronte all’hotel). Ora a fare scattare un nuovo campanello di allarme dopo le schede telefoniche, i costumi da bagno da bambino trovati nel camper, la confessione di Brueckner fatta a un amico in un pub un po’ di tempo fa, quando l’uomo “ammise di sapere dov’era finita Maddie”, alcuni indizi trovati dalla polizia tedesca nel giardino del sospettato. E in una cantina costruita dall’uomo dove gli inquirenti sperano di trovare elementi utili.  

Brueckner quando gestiva un chiosco a Braunschweig una città di 248.023 abitanti, situata nel Land della Bassa Sassonia, a circa 65 chilometri da Hannover, spesso soggiornava in una casa, dotata di un giardino e un piccolo capannone nella periferia della città.

Ora i proprietari delle case adiacenti credono che nel terreno di quel giardino o sotto il capannone, dove l’uomo si è poi scoperto che aveva costruito una cantina sotterranea, possano trovarsi i resti di Madeleine. 

Manfred Richter, 80 anni, ha dichiarato: ‘Brueckner per realizzare quel capannone scavò un grosso buco profondo 3 metri e largo 6. Scaricando la terra nella parte anteriore della casa. Non sapevo che stesse costruendo un alloggio sotterraneo”.

Un altro vicino ha detto che Brueckner non si era mai dedicato al giardinaggio a Braunschweig e il suo impegno all’epoca stupì tutti. Un’altra una donna, Sabine Sellig, che ora abita proprio sopra lo stesso terreno dove il sospettato aveva prima la casa, ha detto alla polizia “di temere di dormire in cima al corpo di Madeleine McCann”. 

Insomma ora i proprietari dei giardini adiacenti a Braunschweig credono che sotto il terreno dove prima Brueckner aveva il capannone si nasconda qualche indizio o prova che potrebbe essere fondamentale per le ricerche della polizia. La polizia oggi durante una veloce ispezione ha portato via degli oggetti che hanno trovato nella cantina segreta di Brueckner.

Pare che Brueckner abbia visitato varie volte il giardino tra il 2013 e il 2016 ossia quando gestiva il già citato chiosco a Braunschweig, di solito nei fine settimana con la sua giovane fidanzata Nakscije Miftari

Gli inquirenti hanno spostato le loro indagini in questo luogo dopo avere terminato gli scavi in un altro giardino vicino ad Hannover, accanto al quale il sospettato ha vissuto in un’altra casa.

Molti i campioni di fango e terreno sono stati portati via per essere analizzati.   


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!