•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

di Zhao Liying

Colpo di coda a Hong Kong con la decisione di rimandare le elezioni previste per questo settembre al 5 settembre 2021. Questa la decisione della leader di Hong Kong che ha scatenato una tempesta politica perché per farlo ha invocato i poteri di emergenza che le hanno permesso di posticipare le elezioni di un anno. “La situazione epidemica di Hong Kong è entrata nella fase più grave da gennaio, poiché si prevede che l’epidemia continuerà”, ha detto la leader di Hong Kong, Carrie Lam, mentre la città sta facendo di nuovo i conti con nuove infezioni, per ora solo 100. “Il voto”, ha proseguito, “coinvolge i raduni di massa e i contatti sociali e potrebbe comportare un rischio molto grave per la salute pubblica”, negando qualsiasi motivo politico legato a questa decisione. Il rinvio però qualche problema politico lo pone a causa della scadenza del mandato, che dura quattro anni, del Legco, ossia del Consiglio legislativo della Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong che è la l’assemblea parlamentare monocamerale della Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong della Repubblica Popolare Cinese. Ma il problema è già stato risolto perché il  Consiglio di Stato di Pechino ha dato la sua benedizione.

“Hanno riconosciuto che ci sarà questo problema dello status del Legco a seguito del rinvio. Quindi il Consiglio di Stato presenterà una richiesta al Comitato permanente del Congresso nazionale [NPCSC] per la sua decisione”, ha affermato Lam.

Il comitato permanente si riunirà di nuovo l’8-11 agosto.

Lo stesso governo centrale ha rilasciato una dichiarazione che esprime sostegno per la mossa di Lam.

“Sulla lacuna legislativa creata dal rinvio, il governo centrale chiederà all’NPCSC di prendere una decisione”, hanno affermato fonti governative.

L’ufficio affari di Hong Kong e Macao del Consiglio di Stato ha dichiarato che la decisione presa dal governo di Lam è “ragionevole e lecita”. È necessario e dimostra che il governo è fortemente impegnato nella sicurezza e nella salute delle persone di Hong Kong”, ha affermato.

In una dichiarazione separata, l’ufficio di collegamento di Pechino a Hong Kong ha dichiarato: “Questa decisione mostra che il governo di Hong Kong rispetta che la pandemia”.

Seconda volta che la Lam invoca poteri di emergenza

Questo è la seconda volta in un anno che la Lam ha invoca i poteri di emergenza che sono stati introdotti per la prima volta quasi un secolo fa sotto il dominio coloniale britannico. Lo scorso ottobre la governatrice ha usato questo strumento legislativo per vietare l’uso di maschere da parte dei manifestanti che nascondevano la loro identità durante manifestazioni antigovernative.

Per le opposizioni un tentativo di bloccare le elezioni

Dopo l’annuncio del rinvio, 22 legislatori pandemocratici, di cui quattro esclusi dalla richiesta di rielezione, hanno dichiarato che rimandare le elezioni equivale a minare le fondamenta della città.

“Dopo un anno di lotte nelle piazze del movimento democratico, è urgente per Legco sottoporsi a un battesimo dell’opinione pubblica, che è la radice del governo della città”, hanno affermato in una dichiarazione congiunta invocando l’intervento del comitato permanente.

Giovedì 12 candidature dell’opposizione, tra queste c’era pure quella del giovane attivista Joshua Wong Chi-fung, sono state invalidate. Insomma a un mese dall’emanazione della legge sulla sicurezza, che permetterà di definire un reato molti comportamenti prima non sanzionabili, il rinvio delle elezioni previsto con una nuova legge in vigore dalla mezzanotte di ieri, venerdì 31 luglio, sembrano passi ad hoc per mettere al confino le opposizioni e i ribelli.

Ronny Tong Ka-wah, consigliere della Lam ed ex presidente dell’Ordine degli avvocati, scrive il South China Morning Post, ha affermato che è necessario il coinvolgimento del comitato permanente per determinare se i legislatori uscenti torneranno a prestare servizio per un anno in più. “Solo Pechino può consentire un’estensione emanando una [direttiva legale]”, ha spiegato.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
Translate »
error: Content is protected !!