[gtranslate] CONTE PROSEGUE LA RIPRESA CON DECRETO DI AGOSTO ULTERIORE SPINTA ALL'ECONOMIA - WHAT-U

di Matteo Ciacci

A Palazzo Chigi si è svolta la riunione del Consiglio dei Ministri. Al termine il Presidente Conte ha tenuto una conferenza stampa con i Ministri Roberto Gualtieri (Economia e Finanze), Nunzia Catalfo (Lavoro e Politiche Sociali), Giuseppe Provenzano (Sud), Alfonso Bonafede (Giustizia) e Teresa Bellanova (Politiche Agricole Alimentari e Forestali).

“Con il dl agosto abbiamo approvato “misure significative”, queste le parole di Conte in conferenza stampa dopo il via libera del Cdm al dl agosto, ricordando come le misure stanziate dal governo arrivino nel complesso a 100 miliardi. “Questo decreto è reso possibile anche dall’intervento e dalla collaborazione preziosa del Parlamento che ha approvato lo scostamento. Sono convinto che deputati e senatori potranno poi migliorare queste misure ancora di più”.  

In Cdm “abbiamo concordato nuove misure del dpcm che sarà in vigore dal 10 agosto al 7 settembre. Per il lavoro c’è “un intervento cospicuo” da “12 miliardi”, ha aggiunto Conte.

“Abbiamo anche anticipato la misura del cashback, già programmata con la legge di Bilancio“, – ha proseguito Conte, che attiveremo dal 1 dicembre 2020. Abbiamo stanziato nuove risorse per potenziare questo strumento: vogliamo sostenere consumi e pagamenti elettronici premiamo i cittadini che potranno recuperare una parte di quanto spendono e potranno usufruire di un bonus fino a 2mila euro”. 

Obiettivo ridurre il gap fra Sud e Nord

Previsti stanziamenti per eliminare il gap tra Nord e Sud. Puntando sulle infrastrutture, punto dolente del Meridione ma che Conte vuole trasformare in un ‘trampolinio di lancio’, affinché non ci sia più un’Italia divisa in due. “Occorre un processo di reindustrializzazione dell’intero Sud” ha detto il premier.

E sul fronte restrizioni Covid-19

“Non vogliamo nuove restrizioni, anzi abbiamo previsto altre ripartenze ma tutto questo va fatto con intelligenza: non dobbiamo tornare indietro e vanificare gli sforzi. Capisco i giovani che hanno desiderio di movide, ma bisogna muoversi in modo responsabile. In gioco c’è la salute dei vostri cari”. 

“Non vogliamo nuove restrizioni”, nel nuovo dpcm “è prevista la ripartenza delle navi da crociera dal 15 agosto, la ripresa delle attività fieristiche con allestimenti che possono partire subito e le fiere vere e proprie dal 1 settembre”. E Conte ribadisce: “E le restrizioni rimaste sono davvero minime: resta obbligo di mascherine, il distanziamento di un metro, il divieto di assembramento e il dovere di lavarsi le mani frequentemente”. 

Sulle pensioni

“Aumentiamo le pensioni agli invalidi civili al 100% a partire già dai 18 anni”, ha aggiunto il presidente del Consiglio, “così come agli inabili, ai sordi e ai ciechi civili assoluti titolari di pensione. L’assegno passerà dai circa 285 euro attuali fino a 648 euro al mese per tredici mensilità”.

Tutela dell’occupazione

“Con il decreto agosto tuteliamo l’occupazione, sosteniamo i lavoratori, alleggeriamo le scadenze fiscali, aiutiamo le regioni, gli enti locali e il Sud: continuiamo a sostenere cittadini, imprese e lavoratori anche perché gli ultimi dati Istat certificano che la ripresa dei consumi a giugno c’è stata, sostenuta anche dalle misure perseguite fin qui dal governo”, ha assicurato Conte.

Nessun rimpasto di Governo

“Ne approfitto per dire che sono pienamente soddisfatto di tutti i miei ministri, non c’è nessuna esigenza di rimpasto che è anche una formula logora, fermo restando che non sono particolarmente esperto di come la politica passata affrontava alcuni passaggi”, ha detto infine il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa, sottolineando come il governo sia impegnato sui vari dossier, dal dl agosto al Recovery fund.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY