•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

di Colin Anthony Groves

“Siamo preoccupati per lo stato di avanzamento dei negoziati con #UK . Non vediamo come possiamo avere un accordo migliore se lasciamo alla fine gli argomenti più difficili. Rischiamo di finire il tempo”, queste sono le parole scritte da Michel Barnier, a capo della della Task Force per le relazioni con il Regno Unito (UK Task Force / UKTF) dal novembre 2019, su Twitter dopo una settimana di alti e bassi e di mancanza di progressi nei colloqui post-Brexit con la Gran Bretagna.

“Ci siamo sentiti spesso questa settimana”, ha detto Barnier. “Sembrava che gli accordi potessero proseguire invece così non è stato. E ora in questa fase, sembra improbabile un accordo tra il Regno Unito e l’UE. Semplicemente non capisco perché stiamo perdendo tempo prezioso”.

Barnier dà la colpa a Downing Street

Barnier ha incolpato Downing Street e ha accusato il primo ministro Boris Johnson di non avere mantenuto la promessa fatta a giugno di mettere una “tigre nel serbatoio” dei negoziati.

“Coloro che speravano che i negoziati procedessero rapidamente in avanti questa settimana saranno rimasti delusi”, ha detto Barnier. “Purtroppo anche io sono stato francamente deluso, devo dire.

“Il primo ministro Boris Johnson ci ha detto a giugno che desiderava accelerare. Questa settimana, ancora una volta, come nel round di luglio, i negoziatori britannici non hanno mostrato alcuna reale volontà di andare avanti “. David Frost, l’omologo di Barnier nel Regno Unito, ha accusato Barnier di avere usato tattiche negoziali che hanno reso più difficile trovare un accordo.

Per l’UE, è inaccettabile che gli inglesi continuino a desiderare i vantaggi del mercato unico, visto che non ne fanno più parte. Tra i punti caldi le politiche commerciali legate alla pesca, che gli inglesi vorrebbero risolvere assieme al tema della libera concorrenza prima di qualsiasi altro negoziato.

“Questo rende inutilmente difficile fare progressi. Ci sono altre aree significative che rimangono da risolvere e, anche dove c’è un’ampia intesa tra i negoziatori, ci sono molti dettagli su cui lavorare. Il tempo stringe per entrambe le parti”, ha detto Barnier.

“Sentiamo la preoccupazione del governo britannico per il mantenimento della sua sovranità e della sua autonomia normativa, e la rispettiamo, chiaramente”, ha aggiunto Barnier. “Ma nessun accordo internazionale è mai stato raggiunto senza che le parti accettassero regole comuni – nessun accordo internazionale”.

Questa settimana Frost ha presentato un progetto di accordo di libero scambio con l’Unione europea per cercare di sbloccare i negoziati sulla Brexit in fase di stallo. “Ci stiamo impegnando in tutte le aree e vogliamo che un accordo sia pronto entro settembre”, ha detto il portavoce del Regno Unito.

Anche sull’immigrazione non c’è accordo

L’UE ha respinto le proposte di Frost sul fronte dell’immigrazione, che avrebbero consentito se accettate alla Gran Bretagna di rimandare al mittente gli immigrati illegali, ma non nel loro Paese di origine, ma in quei luoghi dove avevano registrato la loro prima domanda di asilo.

Poiché il settimo round di negoziati post-Brexit si è concluso ieri senza alcun progresso ad eccezione del testo appena presentato, una fonte senior di Bruxelles ha dichiarato: “Siamo ancora dove eravamo a giugno e nulla è cambiato questa settimana”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
Translate »
error: Content is protected !!