[gtranslate] RUSSIA IN ARRIVO IL SECONDO VACCINO, OBIETTIVO PRODURLO ENTRO NOVEMBRE 2020 - WHAT-U

Si chiama EpiVacCorona il secondo vaccino sul quale la Russia ora vuole puntare  le sue fiches. All’inizio di questo mese, Vladimir Putin aveva cantato vittoria dopo il lancio di Sputnik5, quello che avrebbe dovuto essere il primo vaccino in grado di bloccare il Coronavirus, in barba a tutti gli altri Paesi. Purtroppo per lui così non è stato, visto che i soggetti che si sono sottoposti ai test hanno riportato tutti numerosi effetti collaterali.

Ma Putin, che non ama le sconfitte, ha subito trovato un piano B. Ossia un altro vaccino.

Sull’efficacia di questo secondo farmaco c’è molto scetticismo, anche perché la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità ha sempre detto che per avere un vaccino davvero funzionante occorrerà attendere almeno fino all’inizio del 2021.

Il nuovo vaccino è stato creato in un ex impianto di ricerca sulle armi biologiche sovietiche, il Vector State Research Center of Virology and Biotechnology, un istituto siberiano che è uno degli unici due posti al mondo autorizzati a mantenere scorte di vaiolo mortale. L’altro è negli Stati Uniti.

‘Tutti i volontari che si sono offerti come cavie, sono rimasti ricoverati in ospedale 23 giorni, dopo essersi sottoposti al test e oggi dicono di sentirsi bene. I russi sperano di registrare il brevetto del vaccino entro ottobre e metterlo in produzione entro novembre.

Mosca è stata criticata per essersi affrettata a registrare il suo primo vaccino Sputnik V l’11 agosto per essere il primo al mondo.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY