[gtranslate] BING, EX DELLA HURLEY, NEL TESTAMENTO STILATO NEL 2001, HA DISCONOSCIUTO I FIGLI. "PER LORO NIENTE SOLDI" - WHAT-U


Elizabeth Hurley con il regista e produttore cinematografico Steve Bing durante un concento di Elton John al Madison Square Gardens a New York
(Photo by Dave Hogan/Getty Images)

di Patricia Sinclair

Si conoscono oggi le volontà di Steve Bing , il regista, produttore cinematografico e filantropo morto suicida il 22 giugno scorso gettandosi dal 27esimo piano del grattacielo nel quartiere di Century City a Los Angeles, dove abitava. L’uomo non è mai stato sposato ma è diventato padre due volte. Nel 2001, Bing è stato coinvolto in due distinti casi di paternità. Il primo riguardava la nascita di Kira concepita con l’ex tennista Lisa Bonder. Il secondo, la nascita di Damian, nato dalla fugace relazione con l’attrice Elizabeth Hurley, che non ha avuto altri figli. Quando nel 2001, la Hurley gli disse di essere incinta di Damian, Bing negò quella paternità asserendo che “la Hurley con lui non aveva avuto una relazione esclusiva”. L’uomo quindi sparì e non fu presente nemmeno alla nascita del bambino. Con un test del DNA fu accertato a un anno dalla sua nascita che era davvero il suo figlio.  Come Kira.

Che cosa ha scritto nel testamento

Il multimilionario nel 2001, prima di sapere che Kira era nata e quando la Hurley era incinta, scrisse un testamento per esprimere le sue volontà. Queste le sue parole: “Sono stato recentemente informato da una persona che una donna è incinta di mio figlio, e qui dichiaro che, indipendentemente dal fatto che tale bambino sia mio o meno, è mia intenzione non provvedere con questo testamento per questo bambino (o qualsiasi altro bambino di cui io possa essere il padre”. Insomma evidentemente alla generosità l’uomo metteva i lacci quando le questioni riguardavano gli affari di famiglia.

Secondo i documenti del tribunale , Kira stava tentando di diventare l’amministratore della proprietà di suo padre, valutate intorno ai 337.000 milioni di dollari. Ora però tutto si è bloccato. Per fortuna per Damian. Un giudice prenderà una decisione sul caso proprio tra oggi e domani (ora italiana). Entrambi i figli hanno sempre mantenuto i cognomi delle madri.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY