•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 3
  •  

di Paola Galli

L’esercito libanese ha trovato 4,35 tonnellate di nitrato di ammonio vicino all’ingresso del porto di Beirut, dove un mese fa è avvenuta la potente esplosione che il mese scorso, causata da una grande scorta della stessa sostanza chimica altamente esplosiva, che ha ucciso 191 persone.

Questo il report diffuso dall’agenzia di stampa statale Nna, in base alle dichiarazioni degli esperti dell’esercito che sono stati chiamati per un’ispezione e che hanno trovato la sostanza chimica pericolosa in quattro contenitori immagazzinati vicino al porto.

Fadi Sawan: l’uomo che guida l’indagine sull’esplosione di Beirut

Nell’esplosione sono state uccise 191 persone e più di 6.000 sono rimaste ferite. Interi quartieri sono stati devastati, quasi 300.000 persone sono rimaste senza casa a causa dell’esplosione che ha causato danni per miliardi di dollari. Il governo libanese si è dimesso tra la rabbia pubblica in una nazione già messa in ginocchio da una crisi economica, scrive Al Jazeera. A capo delle indagini Fadi Sawan, il cui primario obiettivo è cercare di capire la proprietà di tutto quel nitrato e chi lo ha portato nel porto. Alcuni giorni dopo l’esplosione del 4 agosto, esperti chimici francesi e italiani che lavoravano tra i resti del porto hanno identificato più di 20 container che trasportano sostanze chimiche pericolose.

Finora, le autorità hanno arrestato 25 persone durante l’esplosione del mese scorso, la maggior parte delle quali funzionari portuali e doganali.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha avvertito che più della metà della popolazione libanese rischia di affrontare una crisi alimentare all’indomani dell’esplosione che ha aggravato i problemi esistenti nel paese.

“C’è il rischio di fame per più della metà della popolazione del Paese, servono corridoi umanitari”, ha detto la Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia occidentale (ESCWA). “Dovrebbero essere prese misure immediate per prevenire una crisi alimentare”, ha detto il segretario esecutivo dell’ESCWA, Rola Dashti. Dashti ha detto che il governo libanese deve dare la priorità alla ricostruzione dei silos nel porto di Beirut, il più grande deposito di grano del paese.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 3
  •  
Translate »
error: Content is protected !!