•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

Lo sviluppo e la distribuzione di un vaccino efficace e sicuro contro il virus è la soluzione permanente più probabile per fermare la pandemia. A tal fine, la Commissione Europea ha proposto una strategia vaccinale dell’UE per COVID-19 .

Il 22 settembre, il Parlamento europeo organizzerà un’audizione pubblica a Bruxelles dal titolo “Come garantire l’accesso ai vaccini COVID-19 per i cittadini dell’UE: sperimentazioni cliniche, sfide di produzione e distribuzione”, con la partecipazione dei CEO di alcune delle aziende coinvolte insieme a rappresentanti della società civile e della comunità di ricerca

I membri del comitato per la sanità pubblica hanno interrogato la Commissione sugli sforzi per sviluppare, autorizzare e rendere disponibili ai cittadini europei i vaccini COVID-19 sicuri.

Sandra Gallina

La commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare ha discusso oggi la strategia dell’UE sui vaccini, compreso lo stato di avanzamento degli accordi di acquisto anticipato di vaccini, con Sandra Gallina, vicedirettore generale della direzione generale per la Salute e la sicurezza alimentare della Commissione.

Il presidente ha sottolineato la necessità di trasparenza per ottenere fiducia nei futuri vaccini COVID-19 e si è rammaricato del fatto che maggiori informazioni sul lavoro della Commissione relativo agli accordi di acquisto dei vaccini COVID-19 non siano state condivise in modo proattivo dalla Commissione.

Gallina ha sottolineato che un buon vaccino deve essere efficiente, sicuro, conveniente, sviluppato rapidamente e in grado di ottenere l’autorizzazione al mercato dell’UE. Inoltre deve essere disponibile per tutti, anche nei paesi a basso reddito.

Vaccini COVID: quando e per chi?

Le prime vaccinazioni dovrebbero iniziare già verso la fine di quest’anno e che un numero significativo di vaccini dovrebbe essere disponibile nella prima parte del 2021. I vaccini saranno distribuiti agli Stati membri in base alle dimensioni della popolazione. Il portafoglio combinato dei diversi vaccini sarà sufficiente per vaccinare tutti i cittadini che hanno bisogno o vogliono essere vaccinati. Spetterà agli Stati membri decidere chi riceverà la vaccinazione per primo. I prezzi per le vaccinazioni dovrebbero essere compresi tra 5-15 euro per dose al fine di garantire l’accessibilità economica per tutti gli Stati membri. E i risultati degli studi clinici sarebbero resi pubblici. Gallina ha risposto che l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) fornirà i dati generali degli studi clinici, anche se non tutti i dati grezzi. In generale, ha affermato che l’accesso ai dati della sperimentazione clinica migliorerà una volta che il regolamento della sperimentazione clinica entrerà in vigore alla fine del 2021.

Responsabilità civile dei produttori di vaccini

Molti deputati al Parlamento europeo hanno sollevato la questione della responsabilità per le aziende mediche che producono vaccini e hanno sottolineato che non dovrebbero esserci eccezioni alle norme attuali. Gallina ha sottolineato che le trattative con le aziende sono state difficili, ma ha sottolineato che quelle aziende che sviluppano e producono vaccini COVID-19 sarebbero effettivamente responsabili secondo le leggi vigenti e se qualcosa va storto potrebbero essere portate in tribunale. 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
Translate »
error: Content is protected !!