•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quasi 900mila laureati, altrettanti diplomati e oltre 680mila persone con qualifica professionale troveranno lavoro tra il 2020 e il 2024, chiamati a integrare o sostituire il personale uscente per ragioni di età. Ma proprio per gli indirizzi di formazione e istruzione professionale si prospettano le maggiori difficoltà, visto che, in 4 casi su 10, non saranno disponibili sul mercato. E’ quanto mostra l’ultima stima di Unioncamere relativa ai fabbisogni occupazionali tra il 2020 e il 2024, elaborata nell’ambito del Sistema informativo Excelsior.

Nel quinquennio 2020-2024 i laureati e i diplomati dovrebbero rappresentare nel complesso il 69% del fabbisogno occupazionale – con una quota particolarmente elevata richiesta dal settore pubblico, pari al 92% – mentre il personale con qualifica professionale peserà per il 26% (quasi esclusivamente destinato ai settori privati). Per un ulteriore 5% di fabbisogno di personale non sarebbe necessaria una particolare qualifica o titolo di studio.

I titoli di studio richiesti nel quinquennio 2020-2024

Per quanto riguarda i laureati (34% della domanda) tra i principali indirizzi universitari richiesti nel quinquennio 2020-2024 emergono l’indirizzo medico-paramedico, per cui si stima saranno necessari 173mila unità, l’indirizzo economico (119mila unità), ingegneria (117mila unità), insegnamento e formazione (104mila unità comprendendo scienze motorie) e l’area giuridica (88mila unità).

Inoltre, confrontando il fabbisogno di laureati richiesto dalle imprese con l’offerta prevista di neo-laureati – senza considerare anche la componente di laureati disoccupati – risulta nel totale una situazione di equilibrio, ma con notevoli differenziazioni scendendo a livello dei singoli indirizzi: si potrebbero così verificare a livello nazionale situazioni di carenza nell’offerta di competenze medico-sanitarie (con 13.500 figure mancanti mediamente ogni anno), come nei diversi ambiti scientifici e dell’ingegneria. Mentre al contrario eccedenze di offerta si potrebbero verificare negli ambiti politico-sociale o linguistico.

Le previsioni relative al fabbisogno di diplomati (35% del totale), ripropongono la preminenza dell’indirizzo amministrativo, con un fabbisogno stimato nel quinquennio di 260mila unità, seguito da industria e artigianato, che richiederà 243mila diplomati (per il 39% nell’indirizzo meccanico e per il 24% nell’elettronica), dai licei (137mila unità), turismo (78mila unità) e socio-sanitario (66mila unità).

Per quanto riguarda il confronto domanda e offerta di neo-diplomati, si osserva una situazione di eccesso di offerta per i licei e per l’indirizzo tecnico del turismo, enogastronomia e ospitalità. 

Fabbisogni occupazionali* per il quinquennio 2020-2024 per indirizzi di studio – scenario A

 FABBISOGNO 2020-2024OFFERTA
TotaleMedia annuaMedia annua
Livello universitario898.300179.700179.600
 Medico, sanitario e paramedico173.10034.60021.100
 Economico118.90023.80027.500
 Ingegneria117.10023.40022.200
 Insegnamento e formazione (comprese scienze motorie)104.20020.80021.500
 Giuridico87.60017.5008.300
 Politico-sociale59.00011.80018.800
 Letterario, filosofico, storico e artistico50.50010.10013.200
 Architettura, urbanistico e territoriale40.3008.1006.300
 Scientifico, matematico e fisico34.1006.8005.200
 Linguistico, traduttori e interpreti30.3006.10010.200
 Psicologico28.5005.7007.400
 Geo-biologico e biotecnologie19.2003.8007.300
 Chimico-farmaceutico17.7003.5005.600
 Agrario, agroalimentare e zootecnico13.4002.7004.300
 Statistico4.500900800
Livello secondario o post-secondario902.200180.400292.300
Amministrazione, finanza e marketing260.10052.00050.000
Industria e artigianato243.30048.70056.700
Licei137.10027.400116.400
Turismo, enogastronomia e ospitalità78.40015.70040.400
Socio-sanitario66.40013.30011.200
Trasporti e logistica42.0008.4004.700
Agrario, agroalimentare e agroindustria38.9007.8006.100
Costruzioni, ambiente e territorio36.0007.2006.800
Qualifica professionale683.600136.70085.300
Ristorazione154.70030.90025.500
Benessere113.00022.60011.900
Meccanico99.70019.9006.500
Servizi di vendita64.10012.8003.300
Amministrativo segretariale51.50010.3004.800
Edile39.1007.800400
Elettrico25.5005.1006.000
Sistemi e servizi logistici21.6004.300200
Servizi di custodia e accoglienza18.5003.7004.100
Agricolo17.0003.4002.300
Abbigliamento16.7003.3002.200
Trasformazione agroalimentare14.5002.9003.100
Legno11.7002.300700
Altri indirizzi IeFP36.2007.20014.200

*I dati sui fabbisogni occupazionali per livello di studio non comprendono il settore Agricoltura, silvicoltura e pesca. Fonte: Unioncamere, luglio 2020

Infine, per quanto riguarda la domanda di occupati per gli indirizzi dell’Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), si stima che il fabbisogno si concentrerà in prevalenza negli indirizzi ristorazione (155mila unità), benessere (113mila unità), meccanico (100mila unità), servizi di vendita (64mila unità) e amministrativo segretariale (51mila unità). In generale, il mismatch domanda-offerta per l’istruzione e formazione professionale si presenta eclatante, essendoci un’offerta complessiva in grado di soddisfare solo il 60% della domanda potenziale (fabbisogno medio annuo di 137mila unità contro un’offerta annuale di appena 85mila unità), con situazioni ancora più critiche per gli indirizzi della meccanica, del legno-arredo, della logistica e dell’edilizia.

Il forte incremento previsto per la domanda di profili laureati, da una parte, e di qualifiche professionali dall’altra parte, conferma gli effetti di polarizzazione del mercato del lavoro che conseguono alle grandi trasformazioni in atto, dove sono sempre più necessarie competenze tecnico-scientifiche elevate e capacità digitali. Questo fenomeno sta comportando per i diplomati una riduzione delle opportunità lavorative; i lavoratori senza un titolo universitario hanno una maggiore probabilità di essere impiegati in occupazioni di bassa competenza. In questo contesto diventa fondamentale strutturare adeguatamente l’offerta formativa degli istituti professionali e rafforzare l’intera filiera dell’istruzione tecnica superiore (ITS). Nei paesi con forti sistemi formativi “duali” è stato favorito l’ingresso nel mercato del lavoro dei giovani dotandoli delle competenze chiave che sono immediatamente richieste dalle imprese.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!