A DUBLINO TORNA IL LOCKDOWN PER 3 SETTIMANE - WHAT-U

di Colin Anthony Groves

Dopo la Gran Bretagna ora anche il governo irlandese ha annunciato l’intenzione di inasprire le restrizioni a causa dell’aumento dei contagi di Coronavirus a Dublino. Ora solo i pub che servono cibo e i ristoranti con strutture all’aperto sono autorizzati ad aprire, mentre quelli al chiuso potranno rimanere aperti per asporto e consegna. Nelle case saranno ammessi gli incontri fino a un massimo di 6 persone. Tutti i raduni, anche quelli sportivi, sono stati banditi e anche per gli incontri all’aperto è stato stabilito un limite massimo fino a 15 persone.

Il premier irlandese Micheal Martin ha annunciato che Dublino dalla mezzanotte di venerdì, è passata al livello di rischio tre del piano del governo per affrontare il Covid-19, perché sussiste la concreta minaccia che Dublino possa tornare ai giorni peggiori della crisi.

‘Capisco quanto siano frustrate le persone, quanto tutti noi vogliamo lasciarci alle spalle questa pandemia. Ma dobbiamo ricordare che è ancora mortale e dobbiamo agire “, ha aggiunto il premier.

Sospese anche le visite nelle case di cura fatte salve quelle fatte in circostanze critiche o compassionevoli

Sono state sospese anche le visite alle strutture delle case di cura, ad eccezione di circostanze critiche e compassionevoli.

Viaggi solo essenziali

Si consiglia alle persone che vivono nella capitale di rimanere all’interno della contea, a meno che non debbano viaggiare per lavoro, istruzione e altri scopi essenziali. Si consiglia alle persone al di fuori di Dublino di non recarsi nella contea tranne che per lavoro, istruzione e altri scopi essenziali.

Solo viaggi essenziali: questa è la raccomandazione che il Governo fa alle persone che vivono nella capitale di rimanere all’interno della contea, a meno che non debbano viaggiare per lavoro, istruzione e altri scopi essenziali

Il vice premier irlandese Leo Varadkar ha annunciato una misura di aiuti di 30 milioni di euro per negozi e ristoranti colpiti dal Coronavirus che sono dovuti restare chiusi durante la pandemia

Limite di persone anche per matrimoni e funerali

Da lunedì 21 settembre, il numero di persone ai matrimoni e ai funerali sarà limitato a 25. Solo i matrimoni che si terranno questo fine settimana potranno avere 50 ospiti.

‘Dobbiamo innanzitutto tenere la malattia fuori dalle case delle persone”, ha proseguito il premier. La nostra decisione di agire ora sui pasti al coperto non è contro gli imprenditori che hanno fatto tutto ciò che è stato loro chiesto. Lo stiamo facendo perché vogliamo ridurre al minimo il numero di luoghi in cui le persone possono riunirsi e dove la malattia può diffondersi per le prossime tre settimane”.

Anche il ministro per le Imprese, il commercio e l’occupazione, Leo Eric Varadkar, ha annunciato una serie di iniziative di finanziamento per aiutare le imprese di Dublino

Alcune persone sono state purtroppo licenziate per la seconda volta in un anno. Per alcune aziende che avevano cominciato a riprendersi l’idea di chiudere di nuovo arriva come il suono delle campane a morto.

‘Per le persone che potrebbero essere licenziate oggi o domani, voglio assicurare a tutti, che avranno il diritto all’indennità di disoccupazione pandemica e in alcuni casi il datore di lavoro potrebbe decidere di tenerti per quelle tre settimane utilizzando un altro sussidio salariale previsto dal Governo.

Ad agosto le dimissioni del presidente dell’autorità turistica

Il presidente dell’autorità turistica irlandese Michael Cawley, a metà agosto, si è dimesso dopo essere stato in vacanza in Italia, contravvenendo alle direttive di Dublino di evitare viaggi non essenziali all’estero. Cawley, ex direttore operativo di Ryanair, era stato invitato dai partiti dell’opposizione a dimettersi dopo aver confermato al quotidiano Irish Independent, scrive RaiNews, di aver soggiornato in Italia. Si tratta del primo alto funzionario irlandese costretto a dimettersi per aver infranto le indicazioni del governo sul coronavirus. L’Italia è compresa  tra i 10 Paesi della ‘lista verde’ del governo ai quali non si applica la quarantena di 14 giorni ai viaggiatori in arrivo. Tuttavia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus in Irlanda, a febbraio, le autorità hanno stabilito che i viaggi all’estero non essenziali dovrebbero essere evitati e le persone sono state incoraggiate a fare le vacanze a casa, anche per sostenere il turismo domestico, duramente colpito dal lockdown e Failte Ireland, l’autorità per lo sviluppo del turismo irlandese, ha stanziato finanziamenti per promuovere le vacanze nell’isola di smeraldo. Cawley ha dichiarato di essersi dimesso per non permettere che la questione coinvolgesse Fallte Ireland nella ricostruzione dell’industria del turismo irlandese.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!