[gtranslate] ITALIA DA LUGLIO 80.000 I POSITIVI AL COVID 19. GOVERNO CORRE AI RIPARI CON UN NUOVO DPCM - WHAT-U

di Davide Rossi

Nelle ultime 24 ore i positivi al COVID-19 sono aumentati di 5.724 unità. Quanto basta al Governo italiano per pensare di dire stop alle feste private, anche in casa, visto che i dati mostrano che il contagio avviene principalmente tra parenti e amici, e sospendere gli sport amatoriali di contatto, come il calcetto. Sono queste due delle ipotesi emerse nelle ultime ore riguardo i possibili provvedimenti che potrebbe prendere il Governo per frenare l’ondata dei contagi e che dovrebbero entrare nel nuovo dpcm, che dovrebbe essere svelato domani.

Si parla anche di freno alla movida, con il divieto dalle 21 di consumare in piedi cibo e bevande nei locali e con la chiusura di bar e ristoranti alle 24. E poi di un limite di massimo di trenta persone ai tavoli nei locali e nelle sale per cerimonie. Se si corre in bici e si fanno allenamenti all’aria aperta lontano dalle persone sarà permesso non usare la mascherina.

Il nodo della movida e della convivialità è stato al centro della riunione dei capidelegazione e del premier Giuseppe Conte in queste ore 

Si prevede anche una rimodulazione dello smart working. Il periodo di quarantena non potrà superare i 10 giorni. E per attestare la guarigione basterà un solo tampone negativo.

“Io posso dire una cosa. A febbraio non eravamo assolutamente preparati, non avevamo niente, neanche come filiera produttiva. Adesso abbiamo un Paese che può avere delle disfunzioni, ma si è attrezzato e ha dimostrato di saper affrontare l’emergenza. Questo è un Paese che non deve essere troppo duro con sé stesso. Le terapie intensive sono attrezzate”, ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a ‘Mezz’ora in più’ su RaiTre. “Nell’emergenza io non dico che siamo all’ultimo miglio. Noi, grazie all’accordo con l’Oxford University, entro fine anno avremo le prime dosi del vaccino. E dall’inizio dell’anno prossimo inizieremo le vaccinazioni”, ha concluso Di Maio, sottolineando che “l’Italia non può permettersi un nuovo lockdown. “Non se lo può permettere il sistema economico e quello commerciale”. 



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY