[gtranslate] UN'ALTRA DONNA AI VERTICI DEL PARLAMENTO EUROPEO - WHAT-U

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Roberta-Metsola.jpg
Roberta Metsola, Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo

di Patrizia Vassallo

Classe 1979, sposata da quasi 20 anni, madre di quattro ragazzi, l’europarlamentare maltese Roberta Metsola è stata eletta Primo Vicepresidente del Parlamento europeo, in sostituzione della collega irlandese Mairead McGuinness che è diventata Commissario europeo.

 Laureata all’Università di Malta e al College of Europe a Bruges, in precedenza avvocato con specializzazione in diritto e politica europea, Metsola è la prima eurodeputata maltese a ricoprire il ruolo di vicepresidente. 

“È un enorme onore essere stata eletta Primo Vicepresidente”, ha dichiarato dopo la sua elezione. “Continuerò a essere una voce forte per i cittadini europei e per Malta e continuerò a lavorare per costruire ponti attraverso il divario politico. Con la ripresa economica e sanitaria dalla pandemia COVID, le minacce terroristiche, i negoziati sulla Brexit, un nuovo presidente degli Stati Uniti, la situazione in Bielorussia, le continue sfide migratorie e un nuovo quadro dello Stato di diritto tutti in cima all’agenda, io, Il presidente Sassoli e gli altri vicepresidenti continueranno a fare la mia parte per garantire che il Parlamento europeo rimanga un forte legame tra i cittadini e il processo decisionale europeo”.

La Metsola è stata eletta per la prima volta al Parlamento europeo nel 2013. Poi è  stata rieletta nel 2014 e nel 2019. Ma non è tutto. Tra il 2004 e il 2012, ha lavorato presso la Rappresentanza permanente di Malta presso l’UE. Successivamente è entrata a far parte del team dell’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Catherine Ashton, come consulente legale.

All’interno del Parlamento europeo, Metsola è la coordinatrice del gruppo del PPE nella commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni e guida la delegazione del suo partito nazionale all’interno del gruppo del PPE. È anche co-presidente dell’Intergruppo anti-corruzione del Parlamento europeo.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY