[gtranslate] EUROPA: NUOVE REGOLE PER LE RELAZIONI TRA EU E IL REGNO UNITO - WHAT-U

Oggi le commissioni Affari esteri e Commercio hanno votato a favore dell’accordo che stabilisce le regole delle future relazioni tra l’UE e il Regno Unito. Le commissioni per gli affari esteri e il commercio internazionale hanno quindi accolto la proposta dei relatori Andreas Schieder (AFET, S&D, AT) e Christophe Hansen (INTA, PPE, LU) con 108 voti favorevoli, uno contrario e quattro astensioni.

“La Brexit è un errore storico, ma ora dobbiamo stabilire una solida base per le relazioni future. Con la decisione odierna, accogliamo con favore le disposizioni che vincolano il Regno Unito ai nostri attuali elevati standard di lavoro e ambientali. Tuttavia, tutti i progressi potrebbero andare persi, se il Regno Unito continuasse a violare unilateralmente l’accordo di recesso e il protocollo sull’Irlanda del Nord. Attendiamo con impazienza un piano attuabile sull’attuazione del protocollo e di essere coinvolti nell’attuazione e nel controllo dell’accordo ”, ha affermato Andreas Schieder, al termine della riunione plenaria del Parlamento.

“La Brexit economica all’inizio di quest’anno ha causato un vero e proprio sconvolgimento. L’accordo sugli scambi e la cooperazione, per quanto imperfetto possa essere, ha funzionato per attutire l’impatto peggiore. Ratificarlo in Parlamento dopo un attento esame accresce la certezza del diritto per le società che ora operano in un contesto difficile, e consolida e preserva le garanzie senza precedenti che garantiscono condizioni di parità, così scrupolosamente ottenute. Inoltre, dare il via libera all’accordo significa anche espandere il nostro arsenale di strumenti legali e leve per continuare a premere per una piena e pragmatica attuazione dell’accordo di recesso e del suo protocollo , la cui importanza è stata sottolineata dai recenti eventi in Irlanda del Nord “, ha aggiunto Christophe Hansen.

Il 24 dicembre 2020 i negoziatori dell’UE e del Regno Unito avevano concordato i termini dell’accordo di commercio e cooperazione per ridurre al minimo le interruzioni. L’accordo è stato poi applicato in via provvisoria dal 1 ° gennaio 2021 e ora la scadenza è prevista per il 30 aprile.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY