ISRAELE LA GUERRA INFINITA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La fuga rocambolesca di sei palestinesi da un carcere israeliano avvenuta attraverso un tunnel scavato giorno dopo giorno ha riportato in luce quanto di amaro c’è in questa guerre sia che la si veda da un lato sia che la si veda da un altro. La saga dei sei, che alla fine sono stati riconquistati , ha anche sottolineato le opinioni inconciliabili che israeliani e palestinesi hanno sui prigionieri e, più in generale, su ciò che costituisce una legittima resistenza all’occupazione.

Israele classifica quasi ogni atto di opposizione al suo governo militare come un reato penale, mentre molti palestinesi vedono quegli atti come resistenza e coloro che vi sono coinvolti come eroi, anche se uccidono o feriscono gli israeliani. Israele ha concesso un’autonomia limitata all’Autorità Palestinese, che amministra città e paesi nella Cisgiordania occupata ed è responsabile della regolare applicazione della legge. Ma Israele ha un’autorità suprema e l’esercito effettua regolarmente raid di arresto anche nelle aree controllate dall’Autorità Palestinese. Israele ha conquistato la Cisgiordania insieme a Gerusalemme est e alla Striscia di Gaza nella guerra del 1967. I palestinesi cercano uno stato indipendente in tutti e tre.

I prigionieri palestinesi detenuti da Israele includono tutti, dai militanti incalliti condannati per attentati suicidi e sparatorie che hanno ucciso civili israeliani agli attivisti detenuti per aver manifestato contro gli insediamenti a persone arrestate per aver lanciato pietre contro i soldati israeliani.

Israele assicura di avere come obiettivo quello di fornire un giusto processo e in gran parte di mettere in prigione solo coloro che minacciano la sua sicurezza. I palestinesi e gruppi per i diritti umani affermano che il sistema è progettato per reprimere l’opposizione e mantenere il controllo permanente su milioni di palestinesi negando loro i diritti fondamentali.

“L’incarcerazione di massa dei palestinesi è un mezzo per controllare la popolazione, per soffocare l’attività politica, per tenere a freno i disordini e l’attivismo”, ha affermato Dani Shenhar, direttore legale di HaMoked, un gruppo israeliano che difende i diritti dei detenuti ad Ap.

Quattro dei fuggitivi erano noti militanti condannati per attacchi mortali contro israeliani. Degli oltre 4.600 palestinesi attualmente detenuti da Israele in relazione al conflitto – noti come “prigionieri di sicurezza” – più di 500 stanno scontando l’ergastolo. Qadoura Fares, capo del Prisoners Club, che rappresenta gli attuali ed ex prigionieri palestinesi, ha affermato che sono tutti “combattenti per la libertà”. “Li vediamo come simboli della lotta del popolo palestinese”, ha detto ad Ap.

Alaa al-Rimawi, un giornalista palestinese della rete televisiva Al-Jazeera, ha affermato di aver trascorso un totale di 11 anni di carcere in diversi periodi negli ultimi tre decenni per accuse relative all’attivismo politico, ma non è mai stato condannato per nulla. L’esercito israeliano ha rifiutato di commentare.

Nel 2018 è stato arrestato mentre lavorava come direttore della Cisgiordania di Al-Quds TV, affiliata al gruppo militante di Hamas che gestisce il territorio palestinese di Gaza. Al-Rimawi dice di non essere un membro di Hamas o di nessun altro gruppo. Ha detto di essere stato accusato di “incitamento alla violenza contro l’occupazione” pubblicando storie di demolizioni di case e palestinesi uccisi dalle forze israeliane. È stato rilasciato dopo 30 giorni, ma gli è stato impedito di lavorare come giornalista per due mesi. In diverse occasioni all’inizio di quest’anno, è stato brevemente detenuto sia da Israele che dall’Autorità Palestinese, che reprime anche il dissenso .”L’esistenza in una prigione è come essere nella tomba”, ha detto al-Rimawi. “E poi ne esci e ti senti come se fossi tornato in vita dopo la morte.”

Molti sono incarcerati per violazioni degli ordini militari israeliani che governano i 2,5 milioni di palestinesi che vivono in Cisgiordania. Questi includono l’appartenenza a un’organizzazione vietata e la partecipazione a manifestazioni , generalmente considerate illegali. Ogni anno vengono arrestati centinaia di minori, per lo più accusati di lancio di pietre.

I palestinesi della Cisgiordania detenuti per accuse legate alla sicurezza sono perseguiti nei tribunali militari, mentre i coloni ebrei che vivono nel territorio e detenuti per reati simili sarebbero soggetti a tribunali civili.

I palestinesi vengono raramente rilasciati su cauzione e la maggior parte crede che sia inutile contestare le accuse in processi militari che possono trascinarsi per mesi o anni. Invece, la maggior parte dei casi viene risolta tramite patteggiamento, contribuendo a un tasso di condanne stimato di oltre il 95%.

Maurice Hirsch, che è stato il principale procuratore militare dal 2013 al 2016, attribuisce l’alto tasso di condanne a pubblici ministeri che non hanno remore quando le prove sono schiaccianti. Rare le assoluzioni anche se si sono verificate,  e di recente (un poliziotto palestinese è stato assolto per avere sparato contro un israeliano, Ndr). Di prassi gli imputati “scelgono di accettare il patteggiamento perché capiscono che saranno condannati a causa delle prove”, ha detto Hirsch ad Ap.

Hirsch parla anche di processi equi, quindi tutte le prove devono essere condivise con gli avvocati della difesa e i giudici militari che emettono verdetti erga omnes. Ma Shenhar ha detto che gli avvocati dei palestinesi “sanno che è inutile cercare di difendere il proprio cliente in tribunale”. “Alla fine non sarà assolto e resterà più a lungo in prigione”, ha spiegato. “Quindi il sistema è truccato”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!