BANNON EX CAPO STRATEGA DI TRUMP, POSSIBILE SOSPENSIONE DELLA PENSIONE E ALTRI BENEFIT, CLINTON IN OSPEDALE


In questa foto del 20 agosto 2020, l’ex capo stratega del presidente Donald Trump Steve Bannon che parla con i giornalisti a New York
(Foto AP/Eduardo Munoz Alvarez, File)

Battuta di arresto per Bll Clinton, finito d’urgenza in ospedale per un’infezione all’apparato urinario. Steve Bannon, ex fidato stretto consigliere di Donald Trump, è invece sotto le forche caudine della giustizia e per lui si prospetta la sospensione della pensione e di tutti i benefit. Questa sembra la strategia scelta dalla commissione del Congresso che indaga sull’insurrezione del Campidoglio del 6 gennaio e che in queste ultime ore si è mossa in modo aggressivo contro Bannon, accusato di oltraggio e di non avere dato seguito a un mandato di comparazione.

Il presidente del comitato speciale, Rep. Bennie Thompson, D-Miss., ha detto che il voto di martedì prossimo contro Bannon, sarà corale.

“Il comitato ristretto non tollererà la sfida alle nostre citazioni in giudizio”, ha detto Thompson in una nota. Bannon, ha replicato aggiungendo: “Si nasconde dietro dichiarazioni insufficienti, generali e vaghe dell’ex presidente riguardo anche ai privilegi che ha preteso di invocare. Rifiutiamo del tutto la sua posizione”. 

Se la commissione a maggioranza democratica, verrà approvata, la proposta di imputazione penale andrebbe alla Camera piena. E l’approvazione passerebbe poi al Dipartimento di Giustizia, che avrebbe l’ultima parola sull’accusa.

La resa dei conti con Bannon è solo un aspetto di un’ampia e crescente inchiesta del Congresso, con 19 citazioni in giudizio emesse finora e migliaia di pagine di documenti che fluiscono verso il comitato e il suo staff.

Il comitato aveva programmato una deposizione con Bannon giovedì, ma il suo avvocato ha detto che Trump gli ha ordinato di soprassedere, citando informazioni potenzialmente protette dai privilegi concessi a un presidente. Anche Bannon, che il 6 gennaio non faceva parte dello staff della Casa Bianca, non è riuscito a fornire documenti al panel entro la scadenza prevista la scorsa settimana. Insomma i funzionari dell’amministrazione Trump si sono rifiutati di collaborare con il Congresso. E di conseguenza, Bannon non ha dato seguito a un mandato di comparizione durante un’indagine condotta dal GOP sui legami di Trump con la Russia nel 2018 (senza però provocare alcun sconquasso alla Camera).

L’ex presidente Usa, Bill Clinton

Anche se il presidente Joe Biden ha sostenuto il lavoro del comitato, non è certo se il Dipartimento di Giustizia sceglierà di perseguire le accuse di oltraggio contro Bannon o altri testimoni. I membri del comitato stanno facendo pressioni sul dipartimento affinché si schieri dalla loro parte.

Altri due uomini che hanno lavorato per Trump – l’ex capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows e il direttore di lunga data dei social media di Trump Dan Scavino – erano in lista per le deposizioni venerdì, ma sono stati entrambi respinti. Meadows, come Patel, ha ricevuto un “breve rinvio” poiché anche lui è impegnato con il pannello, ha detto l’assistente, e la deposizione di Scavino è stata riprogrammata perché ci sono stati ritardi.

Non è chiaro fino a che punto Trump abbia cercato di influenzare i suoi aiutanti, al di là dei tentativi dei suoi avvocati di affermare il privilegio esecutivo. In una dichiarazione giovedì, l’ex presidente ha affermato che i membri del comitato dovrebbero “disprezzarsi criminalmente” e che “la gente non lo sopporterà!”

Altri testimoni stanno collaborando, inclusi alcuni che hanno organizzato o gestito il raduno di Trump sull’Ellipse dietro la Casa Bianca che ha preceduto la rivolta. Il comitato ha citato in giudizio 11 organizzatori e ha dato loro una scadenza per consegnare documenti e registri. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!