BIDEN E’ SBARCATO A ROMA, INCONTRI CHIAVE CON MATTARELLA MACRON DOPO IL LUNGO COLLOQUIO CON PAPA BERGOGLIO


Il Presidente del Consiglio ha incontrato oggi a Palazzo Chigi il Presidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden.

Il colloquio si è incentrato sull’eccellente cooperazione fra la Presidenza italiana del G20 e gli USA nella gestione delle più importanti sfide globali: la lotta alla pandemia, il contrasto ai cambiamenti climatici, il rilancio dell’economia, il rafforzamento del sistema multilaterale basato sulle regole. Sono state inoltre discusse le relazioni bilaterali, con particolare riferimento alle opportunità offerte dai rispettivi piani di ripresa economica. I due leader hanno riaffermato la solidità del legame transatlantico, e l’utilità dello sviluppo della difesa europea anche per la sicurezza transatlantica, in un rapporto di complementarità. 

Infine sono state passate in rassegna le principali crisi internazionali, in particolare l’Afghanistan, sulla scia degli esiti della Riunione straordinaria dei Leader G20 del 12 ottobre, e la situazione di instabilità nel Mediterraneo e in Libia. Una visita importante per il presidente americano che sperava di affrontare con con la firma in tasca della maggior parte dei democratici sul pacchetto di aiuti economici da 1,75 trilioni di dollari.

Biden prima di partire per l’Italia aveva affrontato la platea dei democratici, ma invece di sentirsi supportato da un fronte unito, come sperava, ha dovuto fare i conti con una maggioranza sfaldata difficile da convogliare e ricompattare sulla strada del sì.

La sfida di Biden a Glasgow

Ora il rischio per Biden è di presentarsi a Glasgow a mani vuote. E ciò solleverebbe seri dubbi sulla capacità del presidente di mantenere il suo voto di ridurre le emissioni statunitensi dal 50% al 52% entro il 2030 e alimenterebbe la narrativa secondo cui il vertice sul clima delle Nazioni Unite sia diventato “solo chiacchiere”.

Ma questa non è la prima volta che Biden affronta venti contrari. Dopo aver promesso di dimezzare le emissioni degli Stati Uniti in meno di un decennio, i prezzi del carburante negli Usa sono saliti alle stelle. Con una spiegazione molto semplice: tutta colpa della crisi energetica globale che ha alimentato la domanda di carbone e gas naturale, spingendo il paese a respingere le mosse di Biden volte e a frenare i combustibili fossili cancellando l’oleodotto Keystone XL e limitando le trivellazioni su terreni pubblici.

Greta Thunberg 

“Zero netto, bla, bla, bla. Clima neutrale, bla, bla, bla. Questo è tutto ciò che sentiamo dai nostri cosiddetti leader: parole, parole che suonano alla grande, ma finora non hanno portato a nessuna azione o speranze e sogni”, ha commentato Greta Thunberg. 

James Taylor, presidente de The Heartland Institute ha detto che Biden, sta facendo del clima il suo problema principale, ora rischia di perdere il rispetto di stati estremisti guidati da Xi e Putin.

Rinforzare l’immagine dopo il fallimento del ritiro militare degli Usa in Afghanistan

“L’incontro con i leader mondiali al vertice sul clima offre a Biden l’opportunità di “lustrarsi” l’immagine dopo il fallimento del ritiro militare degli Stati Uniti dall’Afghanistan”, ha detto  Nile Gardiner, Director delMargaret Thatcher Center for Freedom and Bernard and Barbara Lomas Fellow, aggiungendo che “l’immagine di Biden è molto a rischio sulla scena mondiale dopo la caduta di Kabul e la caduta dell’Afghanistan”.

Ora l’incontro con i leader mondiali al vertice sul clima offre a Biden l’opportunità di lustrare la sua immagine dopo il fallito ritiro militare degli Stati Uniti dall’Afghanistan”, ha proseguito Nile Gardiner, Director del Margaret Thatcher Center for Freedom and Bernard and Barbara Lomas Fellow , aggiungendo che il ritiro ha causato enormi tensioni.

“Penso chiaramente che questo sia un enorme esercizio di pubbliche relazioni per gli Stati Uniti perché la presidenza Biden è andata in fumo sulla scena mondiale negli ultimi mesi”, ha spiegato Gardiner. “È stato un momento assolutamente catastrofico in termini di immagine degli Stati Uniti sulla scena mondiale dopo la caduta di Kabul e la caduta dell’Afghanistan”. La mancanza di unità tra i Democratici del Congresso e il contraccolpo previsto nelle elezioni di medio termine del 2022 hanno contribuito a regalare a Biden l’appellativo di “un’anatra zoppa”.

“Negli ultimi sei mesi abbiamo avuto dei disegni legge sballottati e non abbiamo votato, quindi non credo che un pacchetto solo sia sufficiente”, ha commentato Alexandria Ocasio-Cortez, democratica di New York. “Ciò di cui abbiamo bisogno è leggere il testo.”

Nancy Pelosi, presidente Dem della Camera Usa

Pelosi tenta di convincere i Democratici di estrema sinistra con la pubblicazione dell’intera proposta

La presidente della Camera Nancy Pelosi ora sta forzando un voto sull’accordo infrastrutturale bipartisan da $ 1,2 trilioni. La Pelosi, dopo le ultime sollecitazioni sul fronte istituzionale, ha pubblicato il testo dell’intero pacchetto da 1,75 trilioni di dollari, ben 1.684 pagine con l’obiettivo di convincere i Democratici di estrema sinistra, che hanno collegato il disegno di legge più ampio all’accordo sulle infrastrutture, sostenendo che uno non può muoversi senza l’altro. “Ciò che questa legislazione farà è aiutare il presidente a raggiungere i suoi obiettivi, gli obiettivi dell’America”, ha dichiarato la Pelosi . “Quando si va a incontri con il G-20 di tanto in tanto per incontrare sua Santità, il Papa, e di andare a Glasgow, bisogna andarci più forti possibile.”

Sarcastico, il commento del leader della minoranza alla Camera Kevin McCarthy, un repubblicano della California, che ha paragonato la situazione delle infrastrutture Usa al popolare cartone animato Peanuts.


L’incontro con il pontefice è stato molto lungo

L’incontro nella Biblioteca apostolica è cominciato alle 12.10 e la fine della conversazione privata è stata alle 13.25; poi i saluti e lo scambio dei doni fino alle 13.40. Successivamente Biden si è incontrato con il Segretario di Stato, il card. Pietro Parolin. Si è trattato dunque di una udienza più lunga degli standard, anche rispetto ai precedenti incontri con i Presidenti Usa: con Donald Trump fu di 30 minuti nel 2017 e con Barack Obama di 50 minuti nel 2014. Papa Francesco ha donato a Biden un’opera su ceramica intitolata “Il pellegrino”, oltre ai documenti del pontificato, tra i quali il Messaggio per la pace e il Documento sulla fratellanza umana. Il Presidente Biden ha invece donato a Bergoglio una casula del 1930 tessuta a mano. La Casa Bianca ha assicurato contestualmente che una donazione di abiti invernali verrà fatta alle organizzazioni di carità, a nome di Papa Francesco, per ringraziarlo di questo incontro, in occasione della Giornata mondiale dei poveri, il 14 novembre.

Le first lady, Jill Biden e Serena Draghi, hanno avuto un incontro per un tè. Il picchetto d’onore dei Lancieri di Montebello, nel cortile del palazzo del governo, ha accolto gli ospiti con gli inni nazionali.

Il presidente americano ha quindi lasciato la sede del governo italiano per un bilaterale con Emmanuel Macron. Questo incontro vuole “prima di tutto portare elementi chiarificatori indispensabili sulla sovranità europea e sulla difesa europea di fronte alla sicurezza mondiale”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron in una dichiarazione con Joe Biden prima del loro faccia a faccia privato a Villa Bonaparte dopo il caso dei sottomarini.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!