it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
WILL SMITH SI RACCONTA NELLA SUA AUTOBIOGRAFIA "WILL" - WHAT-U

Will. Il potere della volontà – Edizione italiana

Will Smith in questi giorni è impegnato negli Stati Uniti e nel Regno Unito, nella promozione del suo libro Will scritto assieme a Mark Manson, (l’edizione italiana, Will. Il potere della volontà, edita da Longanesi uscirà l’11 novembre), un’autobiografia dove racconta tanto di quello che non ha mai detto prima. Anche particolari che ognuno di noi considererebbe molto personali. Come quelli del corteggiamento della seconda moglie, Jada Pinkett Smith (precedentemente Smith è stato sposato con Sheree Zampino dalla quale ha divorziato nel 1995), con la quale ha detto di avere fatto del “sesso spettacolare” dai primi giorni della loro relazione.  “Abbiamo bevuto ogni giorno, abbiamo fatto sesso più volte al giorno per quattro mesi consecutivi”, ha rimarcato anche da Oprah Winfrey l’esuberante Will, che nel suo programma “The Oprah Conversation” in onda su Apple TV+, gli ha offerto l’opportunità di leggere alcuni estratti del suo libro di memorie. “Ho iniziato a chiedermi se la nostra fosse una competizione. In ogni caso, per quanto mi riguardava, c’erano solo due possibilità: o soddisfavo sessualmente questa donna oppure morivo nel tentativo di farlo”.

“Il motivo per cui Jada ed io oggi siamo ancora assieme”, ha spiegato Smith alla Winfrey, “è perché entrambi evitiamo di soffocare la vita dell’altro, concentrandoci sulla nostra capacità di risolvere i problemi. Non ho mai incontrato un’altra persona con la quale sono riuscito ad avere una conversazione così felice e produttiva come ho avuto e ho con lei”.

Will e Jada hanno anche trascorso un periodo “da separati”, concedendosi l’opportunità di uscire con altre persone, senza però mai separarsi ufficialmente. Una soluzione non valida per tutte le coppie quando arriva un periodo di crisi, ma che nel loro caso evidentemente ha funzionato. Smith ha sempre detto che il tempo che lui e Jada hanno passato da soli “ha aiutato entrambi a scoprire il potere di amare nella libertà”.

“Quello che è successo è che ci siamo resi conto che pensare di essere felici solo per il fatto di stare assieme e basta, era un’illusione fantastica. Solo restando per un breve periodo separati abbiamo capito come potevamo renderci felici l’un l’altro”, ha spiegato, “comprendendo che nessuno dei due avrebbe mai dovuto chiedere all’altro di riempire la nostra tazza vuota”.

Dalla loro unione sono nati due figli  Jaden e Willow. Smith ha anche un altro figlio Trey, nato dalle nozze precedenti.

Un’infanzia difficile

Smith ha anche rivelato brutti ricordi della sua infanzia, dicendo di essere persino arrivato al punto di pensare di uccidere suo padre per “vendicare” sua madre dopo anni di abusi. Quando aveva nove anni, ha raccontato di avere visto suo padre colpire sua madre alla testa con tanta forza da farla svenire e farle sputare sangue. “Più di qualsiasi altro momento della mia vita, probabilmente, quello fu il preciso attimo in quella camera da letto che ho capito la persona che volevo essere e sono oggi”. “Per mia madre, minuta di corporatura con dita lunghe da pianista, contavano solo tre cose: “l’istruzione, l’istruzione e l’istruzione”, ricorda Will, che poi ha detto che per non continuare ad assistere a quelle violenze decise di andarsene e trasferirsi dalla nonna Gigi, dove pensò anche al suicidio. “Presi in considerazione le pillole” racconta nel libro, “ma nella mia mente continuava a risuonare un vago ricordo di quando avevo sentito dire a mia nonna che uccidersi è peccato”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!