I fattori che contribuiscono ad aumentare l’inflazione

Anche gli inglesi stanno facendo i conti con un’inflazione che ha superato le previsioni toccando quota 4% il mese scorso, raggiungendo il livello più alto mai raggiunto in un intero decennio, Tutta colpa dei prezzi dell’energia che hanno fatto salire il costo della vita.

L’indice dei prezzi al consumo è salito al 4,2 per cento in ottobre, superiore al 3,9 per cento previsto dagli economisti e in aumento rispetto al 3,1 per cento di un mese prima, secondo i dati ufficiali dell’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS). La lettura di ottobre, scrive The Times, è stata la più alta dal dicembre 2011 e ora la Banca d’Inghilterra sarà costretta ad agire presto per contenere l’inflazione alzando i tassi di interesse dai loro minimi storici .https://datawrapper.dwcdn.net/Q50sf/1

Il balzo del mese scorso è stato trainato principalmente dall’aumento dei costi energetici delle famiglie a seguito dell’abolizione del tetto massimo dei prezzi dell’energia da parte di Ofgem, l’ente regolatore del settore. I dati hanno mostrato che i prezzi del gas sono aumentati del 28,1% negli ultimi 12 mesi. Anche l’aumento dei prezzi della benzina ha contribuito all’impennata dell’inflazione, così come l’aumento dell’IVA sull’industria dell’ospitalità e del turismo dal 5 al 12,5 per cento all’inizio di ottobre. E forti aumenti di prezzo ci sono stati anche in altre aree. 

Anche in Inghilterra, come in Italia, la carenza globale di semiconduttori che ha colpito la produzione di auto nuove, ha alimentato la domanda di veicoli di seconda mano, portando il tasso di inflazione annuale per le auto usate al 22,8%, secondo l’ONS. E ora il rischio è che una volta fatte fuori le scorte dell’usato, i cui prezzi sono nel frattempo sono lievitati, l’acquisto di una’auto diventi una missione impossibile.

Andrew Bailey, il governatore della Banca

Andrew Bailey, il governatore della Banca, ieri ha detto ai parlamentari che i politici hanno deciso di non aumentare i tassi di interesse di fronte all’aumento dell’inflazione a causa delle incertezze nel mercato del lavoro.

In pratica la decisione di mantenere i costi di prestito ai minimi storici è stata una scelta motivata dalla crisi che ha colpito il mercato del lavoro, dall’aumento dei costi energetici e dai vincoli nelle catene di approvvigionamento. “Sono molto a disagio per la situazione dell’inflazione”, ha detto Bailey, ieri al comitato del Tesoro dei Comuni, aggiungendo: “Ovviamente non volevamo arrivare a questo ossia ad avere l’inflazione al di sopra dell’obiettivo”.

L’ultimo dato sull’inflazione sarà rilasciato domani dall’Office for National Statistics. La Banca prevede che nei prossimi mesi supererà il 5%, un valore notevolmente superiore all’obiettivo del 2%. La maggioranza dei nove membri del comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra ha mantenuto i tassi stabili due settimane fa con una mossa che ha spiazzato molti investitori. “L’aumento delle pressioni nel mercato del lavoro potrebbe rischiare di prolungare le pressioni inflazionistiche nell’economia”, ha affermato Bailey, che ha spiegato che “i “colli di bottiglia” dell’offerta hanno pesato sulla crescita dall’estate, con l’aumento delle bollette energetiche e l’aumento dei prezzi che hanno colpito anche l’economia. Questi vincoli non potevano essere allentati con la sola politica monetaria. “L’aumento dei tassi di interesse non fornirà più gas. . . o chip per computer”, ha detto Bailey.

I dati ufficiali diffusi ieri hanno mostrato che i datori di lavoro hanno aggiunto 160.000 persone ai loro libri paga, portando il totale a 29,3 milioni. E ciò ha fatto sì che la fine del programma di pensionamenti non abbia danneggiato il mercato del lavoro. L’Institute of Directors, che è uno dei principali gruppi di datori di lavoro della Gran Bretagna, ha esortato la Banca centrale ad agire. Kitty Ussher, il suo capo economista, ha dichiarato a The Times: “Con i tassi di interesse ai minimi storici, chiediamo alla Banca d’Inghilterra di riportare le aspettative di inflazione in linea con il loro mandato”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!