LA YELLEN SEGRETARIO DEL TESORO DEGLI USA STRINGE ACCORDI CON IL GIAPPONE


Oggi, Janet Yellen, ex pres. Federal Reserve e ora Segretario del Tesoro degli Stati Uniti, ha parlato con il ministro delle finanze giapponese Shunichi Suzuki. La Yellen ha condiviso le sue prospettive sugli sviluppi dell’economia statunitense e ha accolto con favore la collaborazione in corso tra gli Stati Uniti e il Giappone attraverso una serie di priorità comuni nell’Indo-Pacifico e nel mondo. Le prospettive della Yellen sono quelle di continuare a rafforzare le relazioni bilaterali e di lavorare a stretto contatto con il Giappone per promuovere interessi condivisi come sostenere una ripresa ampia e duratura dalla pandemia. Durante la riunione annuale della Camera di commercio, il Segretario del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato di aspettarsi che i tassi di inflazione mensile scendano al 2% nella seconda metà del 2022. All’inizio di ottobre la Yellen aveva premuto sull’acceleratore per far sì che il Congresso adottasse una legge sul tetto del debito a breve termine per aumentare i prestiti del paese fino all’inizio di dicembre, chiedendo al Congresso di agire con responsabilità e fornire certezze a lungo termine per il governo.

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, controllata dai democratici, aveva dato l’approvazione finale alla legge che aumentava temporaneamente il limite di indebitamento del governo a 28.900 miliardi di dollari, posticipando la scadenza per l’insolvenza del debito solo fino a dicembre. Il Dipartimento del Tesoro aveva stimato che non sarebbe più stato in grado di pagare i debiti del Paese senza un’azione del Congresso. Quindi l’approvazione della Camera ha di fatto scongiurato i timori del primo default degli Stati Uniti – la più grande economia del mondo.

La Yellen oggi ha parlato anche della Russia durante un’audizione al Senato definendo “appropriata” l’imposizione di nuove sanzioni contro la Russia a causa delle sue “azioni aggressive” al confine con l’Ucraina.

Il segretario del Tesoro Usa, che è stato per molti anni a capo della Fed, ha sempre detto che lavorare a capo della Fed  è stata una grande responsabilità, perché si deve lavorare giornalmente nell’interesse del pubblico. “Il lavoro alla Fed non è astratto; è importante per gli individui, le famiglie e le imprese in tutto il paese, sia attraverso la fissazione di tassi di interesse a breve termine, la supervisione di parti del sistema bancario o il mantenimento della stabilità finanziaria. Ho provato lo stesso senso di soggezione, onore e responsabilità ogni giorno da quando il presidente Bill Clinton mi ha nominato per la prima volta nel 1994”, aveva detto a The Times.

“Spero che altre donne avranno le stesse opportunità che ho avuto io. Sono un economista da oltre 40 anni. Sono stati compiuti notevoli progressi nell’aumentare la diversità di genere ed etnica nel settore. Sfortunatamente, le donne e gli economisti delle minoranze sono ancora sottorappresentati, in particolare ai più alti livelli del mondo accademico, delle imprese e del governo. Molti nel campo stanno lavorando insieme per cambiarlo”, aveva poi concluso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!