it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
PROSEGUE LA BATTAGLIA DI AIDDA PER AVERE UNA DONNA COME PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA - WHAT-U

Non solo una “svolta rosa” con l’elezione di una donna a Presidente della Repubblica, ma anche una presenza di valori femminili più forte in politica, con l’idea di un vero e proprio “movimento delle donne”. Sono alcune delle suggestioni emerse dalla tavola rotonda on line organizzata da Aidda, intitolata “Una donna al Quirinale” proprio come la campagna lanciata a dicembre dall’associazione che valorizza e sostiene l’imprenditoria al femminile. La petizione online legata alla campagna ha raggiunto quasi 2.500 firme con l’adesione di alcune importanti figure del mondo della cultura, della politica e delle istituzioni. 

A evocare apertamente l’idea di un movimento tutto al femminile, nel corso della tavola rotonda aperta dalla presidente di Aidda Antonella Giachetti, è stata Linda Laura Sabbadini, chair di Women20, uno degli engagement group dell’ultimo G20: “In Islanda le donne a un certo punto si organizzarono, crearono l’Alleanza delle donne, e ottennero una serie di obiettivi. Quando il partito socialdemocratico e il partito conservatore cominciarono a farsi carico anche loro di quegli obiettivi, l’alleanza si sciolse e ognuna entrò nel partito che preferiva”. Per Agnese Pini, direttrice del quotidiano La Nazione, media partner dell’iniziativa, “ne avremmo bisogno, perché questo Paese ha dimostrato di non riuscire a imboccare da solo quei percorsi che tutti gli altri paesi europei hanno intrapreso”.

Tutte d’accordo, ovviamente, con l’auspicio di una donna come Capo dello Stato: “Servono anche questi simboli, una donna presidente darebbe alle ragazze e alle bambine un’idea di futuro per poter credere di più in se stesse”, ha evidenziato Elisabetta Fabri, presidentessa e amministratrice delegata del gruppo Starhotels. Tuttavia, secondo Paola Balducci, docente dell’università Luiss e già componente del Consiglio superiore della magistratura (Csm), “se anche una donna diventasse Capo dello Stato questo non cambierebbe il percorso che deve essere compiuto, perché tra un ruolo apicale e quello che c’è prima c’è un deserto che dobbiamo attraversare: su temi come il diritto al lavoro e il rapporto con la famiglia il momento è drammatico”. Non a caso, ha osservato la storica leader femminista e ambientalista Grazia Francescato, “l’appello di Aidda non è solo una rivendicazione di genere, è l’offerta di un contributo che possa cambiare l’orizzonte”. 

“E’ necessario”, ha concluso Giachetti, “che la maggioranza delle persone operi una trasformazione della propria consapevolezza: le rivoluzioni non sono mai effettuate dai capi, ma sono fatte nell’animo di tante singole persone. Aidda ne ha fatto una missione: per questo abbiamo fatto la campagna “Una donna al Quirinale”, perché sarebbe una vittoria e un grande simbolo avere una donna al Quirinale, ma è sicuramente un grande passo in avanti nella coscienza delle singole persone averne parlato, ed essersi interrogati sul perché se non arrivano i valori femminili nelle sedi decisionali siamo destinati all’estinzione su questo pianeta. In questo senso l’idea di un nuovo movimento delle donne e per le donne ci trova d’accordo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!