it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
OMS RIVELA I NOMI DEI PAESI IN AFRICA, DOVE SI POTRANNO PRODURRE VACCINI ANTI-COVID - WHAT-U

Oggi al vertice che si è tenuto a Bruxelles, che ha visto come protagoniste l’Unione Europea e l’Unione Africana il Direttore Generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha rivelato il nome dei primi 6 paesi, Egitto, Kenya, Nigeria, Senegal, Sud Africa e Tunisia, che riceveranno gli strumenti necessari  per produrre vaccini mRNA nel continente africano. L’annuncio è stato dato nel corso di una cerimonia ospitata dal Consiglio europeo, dalla Francia, dal Sud Africa e dall’OMS alla presenza del presidente Macron, del presidente Ramaphosa e del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel . 

L’hub globale di trasferimento tecnologico dell’mRNA è stato istituito nel 2021 per supportare i produttori nei paesi a basso e medio reddito nella produzione dei propri vaccini, assicurando che dispongano di tutte le procedure operative e del know-how necessari per produrre vaccini mRNA su larga scala e secondo standard.

Istituito principalmente per affrontare l’emergenza COVID-19, l’hub ha il potenziale per espandere la capacità di produzione anche per altri prodotti, mettendo i paesi al posto di guida quando si tratta di tipi di vaccini e altri prodotti di cui hanno bisogno per affrontare le loro priorità sanitarie . 

A seconda dell’infrastruttura, della forza lavoro e della ricerca clinica e della capacità di regolamentazione in atto, l’OMS e i partner lavoreranno con i paesi beneficiari per sviluppare una tabella di marcia e mettere in atto la formazione e il supporto necessari in modo che possano iniziare a produrre vaccini il prima possibile.

Egitto, Kenya, Nigeria, Senegal, Sud Africa e Tunisia sono i primi paesi africani scelti per la produzione di vaccini mRNA


Il direttore generale dell’OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato: “Nessun altro evento come la pandemia di COVID-19 ha dimostrato che la dipendenza da poche aziende per la fornitura di beni pubblici globali è limitante e pericolosa. A medio e lungo termine, il modo migliore per affrontare le emergenze sanitarie e raggiungere la copertura sanitaria universale sarà aumentare significativamente la capacità di tutte le regioni di produrre i prodotti sanitari di cui hanno bisogno, con un accesso equo come endpoint primario”.

“Questa è un’iniziativa che ci consentirà di produrre i nostri vaccini e che, per noi, è molto importante. Significa rispetto reciproco, riconoscimento reciproco di ciò che tutti possiamo portare al partito investimenti”, ha detto il presidente Cyril Ramaphosa, del Sud Africa, “nelle nostre economie, investimenti in infrastrutture e, in molti modi, restituire al continente”.

“Il miglioramento dei benefici per la salute pubblica, il sostegno alla sovranità sanitaria africana e lo sviluppo economico”, ha sottolineato il presidente francese Emmanuel Macron, “sono gli obiettivi principali del rafforzamento della produzione locale in Africa. In un mondo interconnesso, abbiamo bisogno di partnership più forti e nuove tra paesi, partner di sviluppo e altre parti interessate per consentire alle regioni e ai paesi di cavarsela da soli, durante le crisi e in tempo di pace”.

Un aspetto da non sottovalutare è quello del lavoro. “Dobbiamo creare un ambiente in cui ogni scienziato, operatore sanitario e governo possano unirsi per una causa comune. Lavorare insieme per costruire nuove soluzioni per proteggere ciò che è più prezioso: la nostra salute e le nostre vite.  “Sono molto felice di vedere questo ambizioso progetto andare avanti. Abbiamo parlato molto della produzione di vaccini mRNA in Africa. Ma questo va anche oltre. Questa è la tecnologia mRNA progettata in Africa, guidata dall’Africa e di proprietà dell’Africa, con il supporto del Team Europe”, ha dichiarato la Presidente Ursula von der Leyen, della Commissione Europea.


Per garantire che tutti i paesi costruiscano la capacità necessaria per produrre i propri vaccini e altre tecnologie sanitarie, l’OMS ha lavorato per creare un centro di formazione della forza lavoro nel settore della bioproduzione che formerà persone di tutti i paesi interessati nella ricerca scientifica e clinica e nella capacità di produzione. L’hub di formazione sarà annunciato nelle prossime settimane.

Inoltre, le attuali attività di rafforzamento della regolamentazione dell’OMS nei paesi a basso e medio reddito si espanderanno attraverso uno strumento di benchmarking globale che valuterà la capacità dei paesi di garantire la qualità, la sicurezza e l’efficacia dei prodotti sanitari e fornirà formazione laddove sono necessari miglioramenti per creare autorità di regolamentazione che siano agili e adatti allo scopo per il futuro.

L’hub di trasferimento tecnologico dell’mRNA dell’OMS fa parte di uno sforzo più ampio volto a consentire ai paesi a basso e medio reddito di produrre i propri vaccini, medicinali e strumenti diagnostici per affrontare le emergenze sanitarie e raggiungere la copertura sanitaria universale.

Lo sforzo iniziale è incentrato sulle tecnologie dell’mRNA e sui prodotti biologici, che sono importanti per la produzione di vaccini e possono essere utilizzati anche per altri prodotti, come l’insulina per il trattamento del diabete, farmaci antitumorali e, potenzialmente, vaccini per altre malattie prioritarie come malaria, tubercolosi e HIV. L’obiettivo finale è estendere il rafforzamento delle capacità per la produzione nazionale e regionale a tutte le tecnologie sanitarie.

Nell’aprile 2021, l’OMS aveva emesso un invito a manifestare interesse per le aziende che desideravano ospitare un hub di trasferimento tecnologico mRNA. Nel giugno 2021, l’OMS ha annunciato di aver selezionato un consorzio sudafricano per gestire l’hub globale, che servirà tutti i paesi a basso e medio reddito.

Il consorzio selezionato comprende Afrigen Biologics, il South African Medical Research Council (SAMRC) e Biovac, un produttore di vaccini sudafricano. All’interno di questo consorzio, Afrigen è l’entità incaricata di stabilire la tecnologia di produzione del vaccino mRNA, SAMRC fornisce la ricerca e Biovac è il primo “raggio” di produzione.

L’hub ha già stabilito la produzione di vaccini mRNA su scala di laboratorio e sta attualmente aumentando e convalidando la produzione su scala commerciale.

L’OMS ha selezionato attraverso un gruppo di esperti un certo numero di beneficiari in tutte e sei le regioni dell’OMS per ricevere il trasferimento di tecnologia sui vaccini mRNA. La formazione dei primi destinatari (i raggi) inizierà a marzo 2022.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!