PUTIN MANDA LE LE SUE TRUPPE NEI TERRITORI OCCUPATI AI CONFINI CON L’UCRAINA E MINACCIA LA GUERRA. BIDEN E ALCUNI LEADER EUROPEI HANNO REPLICATO MINACCIANDO RITORSIONI


Vladimir Putin, presidente della Federazione Russa dal 7 maggio 2012 è al suo quarto mandato, avendo ricoperto precedentemente
la carica dal 1999 al 2008. È stato anche Primo ministro della Russia dal 1999 al 2000 e di nuovo dal 2008 al 2012

Oggi il presidente Joe Biden ha ordinato pesanti sanzioni finanziarie statunitensi contro banche e oligarchi russi, intensificando il confronto dell’Occidente con Mosca, anche se i legislatori russi hanno autorizzato il presidente Vladimir Putin a usare la forza militare al di fuori del loro paese.

Biden, in un breve discorso della Casa Bianca, ha accusato Putin di aver violato il diritto internazionale in quello che ha definito “l’inizio di un’invasione russa dell’Ucraina” e ha promesso che sarebbero arrivate ulteriori sanzioni.

Una condanna che non è arrivata solo dagli Usa, ma condivisa all’unanimità dai 27 membri dell’Unione Europea che hanno concordato di imporre le prime sanzioni contro i funzionari russi per le loro azioni in Ucraina. A fare il primo passo la Germania ha anche annunciato lo stop del processo di certificazione del gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia, un accordo redditizio a lungo ricercato da Mosca ma criticato dagli Stati Uniti per aver aumentato la dipendenza dell’Europa dall’energia russa.

“Nessuno di noi si lascerà ingannare” dalle affermazioni di Putin sull’Ucraina, ha affermato il presidente degli Stati Uniti.

Il primo ministro dell’Estonia e i presidenti di Lettonia e Lituania venerdì hanno rivolto un appello diretto al vicepresidente Kamala Harris affinché gli Stati Uniti rafforzino la loro presenza nei Paesi baltici.

Biden ha affermato che gli Stati Uniti imporranno il “blocco completo” a due grandi istituzioni finanziarie russe e “sanzioni globali” al debito russo.

“Ciò significa che abbiamo tagliato fuori il governo russo dalle finanze occidentali”, ha detto Biden. “Non può più raccogliere fondi dall’Occidente e non può scambiare il suo nuovo debito sui nostri mercati o sui mercati europei”.

“E’ il momento più pericoloso per la sicurezza europea da generazioni”, ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg oggi in conferenza stampa. “Noi vogliamo cercare di capire come fare per evitare il pericolo vedendo che dentro e attorno all’Ucraina le forze ci sono. La Russia sta facendo esattamente ciò che avevamo previsto: ci sono tutte le indicazioni” di un attacco su larga scala da parte di Mosca”.

“La soluzione migliore sarebbe che l’Ucraina rinunciasse spontaneamente all’ambizione di aderire alla Nato”, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin. “L’ingresso dell’esercito russo in Ucraina dipenderà dalla situazione sul terreno”, ha aggiunto sottolineando che “la possibilità che l’Ucraina abbia armi tattiche nucleari costituisce una minaccia strategica per la Russia”.

Oggi Il Senato russo ha approvato l’utilizzo di forze militari all’estero, come richiesto dal presidente Vladimir Putin a sostegno dei separatisti nell’Ucraina dell’est. Con l’aumento delle tensioni e un conflitto più ampio che sembrava più probabile, la Casa Bianca ha iniziato a riferirsi agli schieramenti russi nella regione nota come Donbas come a una “invasione” dopo aver inizialmente esitato a usare il termine: una linea rossa che il presidente Biden aveva detto sarebbe risultata in severe sanzioni contro Mosca.

“Pensiamo che questo sia, sì, l’inizio di un’invasione, l’ultima invasione della Russia in Ucraina”, ha detto alla CNN Jon Finer, principale vice consigliere per la sicurezza nazionale. “Un’invasione è un’invasione, ed è ciò che è in corso.”

La retorica dell’amministrazione Biden si è notevolmente indurita in meno di 24 ore. La Casa Bianca ha annunciato sanzioni limitate contro la regione ribelle stasera subito dopo che Putin ha dichiarato che stava inviando truppe nell’Ucraina orientale. Biden oggi ha anche detto che stava autorizzando la ridistribuzione di alcune truppe statunitensi che sono già di stanza in Europa per rafforzare la sicurezza degli alleati baltici della NATO, in particolare alla luce dell’accumulo di truppe russe in Bielorussia.

Insomma la strategia degli Stati Uniti è chiara. Gli americani non hanno alcuna intenzione di schierare le loro forze nell’Ucraina perché non è un membro della NATO. Ma “difenderanno ogni centimetro del territorio della NATO e rispetteranno gli impegni presi nei confronti della NATO”. In forza del patto di mutua difesa dell’ONU che considera un attacco a un membro come un attacco contro tutti. Per settimane, le potenze occidentali si sono rafforzate mentre la Russia ha ammassato circa 150.000 soldati su tre lati della vicina Ucraina.

I leader occidentali hanno avvertito da tempo che Mosca avrebbe cercato una copertura per invadere. E Putin il pretesto lo ha trovato riconoscendo come indipendenti due regioni separatiste nell’Ucraina orientale , dove le truppe governative ucraine hanno sempre combattuto i ribelli sostenuti dalla Russia.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha detto che avrebbe preso in considerazione la possibilità di rompere i legami diplomatici con la Russia e Kiev ha richiamato il suo ambasciatore a Mosca. Ma la confusione su ciò che stava accadendo esattamente nell’Ucraina orientale ha minacciato di ostacolare una risposta occidentale. Mentre Washington l’ha chiaramente definita un’invasione.

“Le truppe russe sono entrate nel Donbas”, ha detto a Parigi il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell. “Consideriamo il Donbas parte dell’Ucraina”.

Ma ha aggiunto: “Non direi che (sia) un’invasione a tutti gli effetti”.

Il ministero della Difesa polacco e il segretario alla salute britannico Sajid Javid ha parlato di “invasione dell’Ucraina è iniziata”.

Anche in Europa i pareri non sono stati unanimi. Il ministro degli Esteri spagnolo José Manuel Albares ha osservato che “se la Russia usa la forza contro l’Ucraina, le sanzioni saranno massicce”.

Le mosse russe hanno spinto la Germania a sospendere il processo di certificazione per il gasdotto Nord Stream 2 che doveva portare gas naturale dalla Russia. L’oleodotto è stato costruito per aiutare la Germania a soddisfare il suo fabbisogno energetico, in particolare perché spegne le sue ultime tre centrali nucleari e interrompe gradualmente l’uso del carbone, e ha resistito alle richieste degli Stati Uniti e di altri paesi di interrompere il progetto.

Se Putin si spingesse ulteriormente in Ucraina, il capo della NATO Jens Stoltenberg ha detto che l’Occidente si muoverebbe di pari passo. “Se la Russia deciderà ancora una volta di usare la forza contro l’Ucraina, ci saranno sanzioni ancora più forti, persino un prezzo più alto da pagare”, ha affermato.

Anche il primo ministro britannico Boris Johnson ha minacciato pesanti sanzioni (a cinque banche russe e “tre ricchi individui”, Ndr). 

Oggi mentre l’allarme di un’invasione russa si stava diffondendo in tutto il mondo, Zelenskyy ha cercato di trasmettere la calma dimostrando comunque fermezza: “Non abbiamo paura di nessuno e di niente. Non dobbiamo niente a nessuno. E non daremo niente a nessuno”.

Il suo ministro degli esteri, Dmytro Kuleba, è volato a Washington per incontrare il segretario di Stato Usa Antony Blinken, ha detto il Dipartimento di Stato.

La Russia da giorni nega di avere piani per invadere l’Ucraina, e dà la colpa gli Stati Uniti e i suoi alleati per la crisi e descrivendo il tentativo dell’Ucraina di aderire alla NATO come una sfida esistenziale alla Russia. “L’adesione dell’Ucraina alla NATO rappresenta una minaccia diretta per la sicurezza della Russia”, ha detto Putin, il cui vero timore è solo uno: che l’Ucraina entri a fare parte della Nato diventando automaticamente, subito dopo, un terreno intoccabile suo malgrado.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!