RUSSIA E UCRAINA È GUERRA - WHAT-U

È iniziata oggi la guerra tra Russia e Ucraina. L’offensiva militare è stata annunciata dal presidente russo Vladimir Putin stamattina pochi minuti prima delle 6 ed è iniziata pochi secondi prima dello scoppio di un’altra offensiva ordinata da Putin che in un video ha spiegato le sue intenzioni di dare il via a un attacco ad ampio raggio con l’obiettivo di colpire città e basi con attacchi aerei e bombardamenti provocando il fuggi fuggi dei civili che hanno usato qualsiasi tipo di mezzo di terra per lasciare le loro abitazioni. Il governo ucraino ha confermato che i carri armati e le truppe russe hanno attraversato il confine in una “guerra su vasta scala” che potrebbe riscrivere l’ordine geopolitico. Contrariamente a quello che aveva scritto l’agenzia di stampa statale russa RIA alcune ore fa, sostenendo in una nota che l’offensiva sarebbe iniziata nell’area del Donbas nell’Ucraina orientale, ma che nelle mire di Putin non c’era l’occupazione dell’Ucraina.

Il presidente della Russia ha avvertito che se altri paesi avessero tentato di intervenire, avrebbero dovuto affrontare “conseguenze che non hanno mai visto”. Putin ha detto che la Russia sta perseguendo la “smilitarizzazione” dell’Ucraina e ha invitato le forze ucraine a “deporre immediatamente le armi e tornare a casa”.

Il presidente degli Stati Uniti pochi minuti dopo l’attacco ha condannato la mossa russa con la massima fermezza. “Il presidente Putin ha scelto una guerra premeditata che comporterà una catastrofica perdita di vite umane e sofferenza umana. Solo la Russia è responsabile della morte e della distruzione che questo attacco porterà”, ha affermato il presidente Joe Biden in una nota. “Il mondo riterrà responsabile la Russia”.

Il capo dell’alleanza della NATO ha affermato che il “brutale atto di guerra” ha mandato in frantumi la pace in Europa, unendosi a un coro di leader mondiali che hanno denunciato l’attacco, che potrebbe causare enormi vittime, rovesciare il governo democraticamente eletto dell’Ucraina e capovolgere l’ordine di sicurezza del dopo Guerra Fredda. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha interrotto i rapporti diplomatici con Mosca e ha dichiarato la legge marziale.

“Ad oggi, i nostri paesi si trovano su lati diversi della storia mondiale”, ha twittato Zelenskyy. “La Russia ha intrapreso una strada del male, ma l’Ucraina si sta difendendo e non rinuncerà alla sua libertà”. Il suo consigliere Mykhailo Podolyak ha dichiarato: “È iniziata una guerra su vasta scala in Europa. … La Russia non sta solo attaccando l’Ucraina, ma le regole della vita normale nel mondo moderno”.

Boris Johnson su Twitter ha scritto: “Sono sconvolto dagli eventi orribili in Ucraina e ho parlato con il presidente Zelenskyy per discutere i prossimi passi. Il presidente Putin ha scelto una strada di spargimento di sangue e distruzione lanciando questo attacco. Il Regno Unito ei nostri alleati risponderanno con decisione”.

Eu dopo oggi annuncia una sessione plenaria straordinaria per martedì prossimo

La Conferenza dei presidenti del Parlamento europeo è stata convocata questa mattina dalla Presidente Roberta Metsola per discutere la nostra risposta all’invasione russa in Ucraina. Si è svolto uno scambio di opinioni con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen. La Conferenza dei presidenti ha condannato con la massima fermezza l’attacco russo all’Ucraina. L’Ucraina è una nazione indipendente e sovrana e la sua integrità territoriale non è negoziabile. L’invasione è ingiustificata e illegale. È una minaccia per la stabilità europea e regionale, nonché per l’ordine mondiale basato su regole. L’attacco prende di mira il nostro modello di società democratica. Non può rimanere senza risposta.

“Rimaniamo fermi nella nostra unità, nella nostra determinazione e nella nostra risposta all’aggressione russa non provocata. Il Parlamento europeo sostiene una risposta europea e internazionale senza precedenti, comprese nuove e severe sanzioni che assicureranno che il Cremlino sarà ritenuto responsabile delle sue azioni. La Conferenza dei presidenti ha espresso piena solidarietà e sostegno all’Ucraina e al suo popolo”. La prossima discussione plenaria straordinaria è prevista per martedì 1 marzo 2022.

L’attacco ha preso di mira un paese delle dimensioni del Texas che si è sempre più inclinato verso l’Occidente democratico e lontano dal dominio di Mosca. L’autocratico Putin ha chiarito all’inizio di questa settimana che non vede alcuna ragione per l’esistenza dell’Ucraina, sollevando timori di un possibile conflitto più ampio nel vasto spazio che un tempo governava l’Unione Sovietica. Putin ha negato i piani per occupare l’Ucraina, ma i suoi obiettivi finali rimangono confusi. Gli ucraini che si erano a lungo preparati alla prospettiva di un assalto sono stati esortati a rimanere a casa e a non farsi prendere dal panico nonostante i terribili avvertimenti. Con i social media che amplificavano un torrente di rivendicazioni militari e controrivendicazioni, era difficile determinare esattamente cosa stesse succedendo sul campo.

Zelenskyy ha esortato i leader globali a fornire assistenza alla difesa all’Ucraina e aiutare a proteggere il suo spazio aereo e ha esortato i suoi compatrioti a difendere la nazione. Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha supplicato: “Il mondo può e deve fermare Putin. Il momento di agire è adesso”.

Nella capitale, il sindaco Vitaly Klitschko ha consigliato ai residenti di rimanere a casa a meno che non siano coinvolti in lavori critici e li ha esortati a preparare valigie con generi di prima necessità e documenti se devono evacuare.

Anton Gerashchenko, un consigliere del ministro degli interni ucraino, ha dichiarato su Facebook che l’esercito russo ha lanciato attacchi missilistici contro strutture di comando militari ucraine, basi aeree e depositi militari a Kiev, Kharkiv e Dnipro.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che non stava prendendo di mira le città, ma utilizzando armi di precisione e ha affermato che “non vi è alcuna minaccia per la popolazione civile”. Le conseguenze del conflitto e le conseguenti sanzioni sulla Russia hanno iniziato a risuonare in tutto il mondo.

Le tensioni sull’Ucraina continuano a far salire il prezzo del gas che ad Amsterdam raggiunge gli 83,5 euro MWh con un rialzo del 4,34%. A Londra oltrepassa i 200 penny (+5,8%) per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi.

Con l’evoluzione della crisi in Ucraina “la situazione è di monitoraggio costante in coordinamento con le istituzioni europee, a livello nazionale si è già riunito diverse volte il comitato di emergenza gas“, ha dichiarato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, nell’informativa alla Camera sull’incremento dei costi dell’energia e sulle misure adottate per contrastarne gli effetti. “Come sapete”, continua, “le possibili misure del piano di emergenza includono una maggiore flessibilità dei consumi di gas, come interrompibilità al settore industriale e regole sui consumi di gas nel settore termoelettrico”.

“La Bce va in pressing sulle banche esposte verso la Russia, chiedendo di valutare liquidità, prestiti, attività di trading, posizioni in valuta e continuità operativa, di fronte ai rischi creati dallo scontro fra Mosca e i Paesi occidentali per la crisi in Ucraina”, lo dice Bloomberg citando fonti a conoscenza del dossier, secondo cui la Vigilanza bancaria, in alcuni casi, sarebbe in contatto quotidiano con alcuni istituti di credito per valutare l’impatto di scenari che vanno da un inasprimento delle sanzioni a una vera e propria invasione dell’Ucraina.

Ieri l’amministrazione Biden aveva informato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che secondo informazioni di intelligence la Russia stava preparando una invasione su larga scala del suo Paese nel giro delle successive 48 ore. Inoltre, secondo le stesse fonti, “segnalazioni di osservatori aerei segnalavano che la Russia nelle prime ore di oggi aveva violato lo spazio aereo, con voli di ricognizione per un breve periodo di tempo sopra l’Ucraina”.


“Nel ventunesimo secolo l’uso della forza per cambiare i confini” di un Paese non può avere luogo”, ha scritto il presidente del Consiglio Ue Charles Michel nella lettera di invito ai leader Ue per la riunione di oggi a Bruxelles. L’azione della Russia “viola il diritto e i gli accordi internazionali e indebolisce la sicurezza europea”, ha aggiunto. “Vorrei ringraziarvi per l’unità dimostrata negli ultimi giorni, con la rapida adozione oggi del pacchetto di sanzioni da parte del Consiglio. È importante continuare a essere uniti e determinati e definire insieme il nostro approccio e le nostre azioni collettive”, si legge nell’ultima parte della lettera di invito di Michel.

“I siti web appartenenti a molti enti governativi ucraini sono stati presi di mira in un massiccio attacco informatico”, ha scritto ieri la Bbc News online, aggiungendo che i siti web del parlamento ucraino (la Rada), del ministero degli Esteri e dei servizi di sicurezza sono tra i numerosi servizi che sono stati colpiti dall’attacco”.

In queste ore le truppe russe hanno preso il controllo dell’aeroporto internazionale Antonov di Hostomel, a un quarantina di chilometri da Kiev. Lo riporta la Cnn. Nuove sirene d’allarme per possibili bombardamenti a Kiev.

La popolazione è stata invitata a recarsi nei rifugi antiaerei. Lo riferisce l’amministrazione locale, secondo Interfax. 

Il comando militare ucraino ha affermato che i russi hanno colpito un ospedale a Vuhledar, nella regione di Donetsk. Il bilancio è di 4 morti e 10 feriti, tra cui 6 medici. Lo riporta il Guardian. L’Ucraina ha affermato che la Russia ha effettuato 203 attacchi dall’inizio della giornata in quasi l’intero territorio. In un aggiornamento separato del ministero degli Esteri ucraino, pubblicato alle 14 ora locale, funzionari hanno affermato che un elicottero russo K-52 e tre elicotteri sono stati abbattuti vicino a Gostomel nella regione di Kiev.

Combattimenti tra forze russe e ucraine sono in corso anche nella disarmata centrale nucleare di Chernobyl: lo riferisce un consigliere del ministero dell’Interno di Kiev citato da Nbc. Il ministero dell’Interno ucraino citato da Nbc conferma i combattimenti a Chernobyl, e precisa che gli impianti di stoccaggio delle scorie sono attualmente intatti, anche se a rischio di essere distrutti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!