E ORA PUTIN MINACCIA DI RICORRERE ALLE ARMI NUCLEARI. CONFERMATI PER DOMANI NEGOZIATI TRA RUSSIA E UCRAINA


In questa drammatica escalation di tensioni dopo l’invasione russa dell’Ucraina, tra le tante si leva pure la voce del presidente Vladimir Putin che definendo aggressive le dichiarazioni delle principali potenze della NATO, oggi ha messo in allerta le forze nucleari russe. Insomma il delirio di onnipotenza di Putin prosegue e fa temere che la crisi possa sfociare in una guerra nucleare.

Putin, nel dare la direttiva sull’allerta nucleare, ha citato non solo le dichiarazioni dei membri della NATO, ma anche le pesanti sanzioni finanziarie imposte dall’Occidente contro la Russia, compreso lui stesso leader russo. Parlando in un incontro con i suoi alti funzionari, Putin ha detto al suo ministro della Difesa e al capo di stato maggiore dell’esercito di porre le forze nucleari in un “regime speciale di servizio di combattimento”.

“I paesi occidentali non stanno solo intraprendendo azioni ostili contro il nostro paese nella sfera economica, ma alti funzionari dei principali membri della NATO hanno rilasciato dichiarazioni aggressive riguardo al nostro paese”, ha detto Putin in commenti televisivi. L’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki a This Week in onda sulla ABC ha detto che “Putin sta ricorrendo a uno schema che ha usato nelle settimane prima del lancio dell’invasione, che consiste nel fabbricare minacce che non esistono per giustificare un’ulteriore aggressione”.  Insomma per il presidente russo il fatto che la Russia venga minacciata dalla NATO o dall’Ucraina giustificherebbe il ricorso alle armi nucleari. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, in reazione alla decisione di Putin di mettere in allerta le forze nucleari russe ha detto: “Questa è una retorica pericolosa. È un comportamento irresponsabile». Il significato pratico dell’ordine di Putin non è stato immediatamente chiaro. La Russia e gli Stati Uniti in genere hanno forze nucleari terrestri e sottomarine in allerta e pronte al combattimento in ogni momento, ma i bombardieri con capacità nucleare e altri aerei non lo sono.

“Se Putin si sta preparando per un combattimento nucleare, allora gli Stati Uniti potrebbero sentirsi obbligati a rispondere a tono”, ha affermato Hans Kristensen, analista nucleare della Federazione di Scienziati americani ad AP, “ma ciò segnerebbe una preoccupante escalation che non si sa dove potrebbe portare”.

Max Bergmann, un ex funzionario del Dipartimento di Stato, ora ricercatore presso il Center for American Progress, ha definito il discorso di Putin prevedibile ma pericoloso come un tintinnio di sciabola. “Le cose potrebbero andare fuori controllo”, ha detto Bergmann. Nelle stesse ore in cui Putin ha tirato fuori il jolly delle armi nucleari, l’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha dichiarato sull’app di messaggistica di Telegram che le due parti si sarebbero incontrate in un luogo non specificato al confine con la Bielorussia senza indicare un orario preciso per l’incontro.

L’annuncio è arrivato poche ore dopo che la Russia aveva annunciato che la sua delegazione era volata in Bielorussia in attesa di colloqui. I funzionari ucraini inizialmente hanno respinto la mossa, dicendo che eventuali colloqui avrebbero dovuto avere luogo altrovevisto che la Bielorussia ha consentito al suo territorio di essere utilizzato dalle truppe russe come base per l’invasione.

Domenica scorsa, la capitale ucraina, Kiev, era stranamente tranquilla dopo che enormi esplosioni hanno illuminato il cielo mattutino e le autorità hanno segnalato esplosioni in uno degli aeroporti. Solo un’auto occasionale è apparsa su un viale principale deserto poiché un rigoroso coprifuoco di 39 ore ha tenuto le persone lontane dalle strade. I residenti terrorizzati hanno cercato riparo nelle case, nei garage sotterranei e nelle stazioni della metropolitana in attesa di un assalto russo su vasta scala.

“La scorsa notte è stata dura: più bombardamenti, più bombardamenti di aree residenziali e infrastrutture civili”, ha detto Zelenskyy.

Al momento le truppe russe sono rimaste alla periferia di Kharkiv, una città di 1,4 milioni di abitanti a circa 20 chilometri (12,4 miglia) a sud del confine con la Russia. I video pubblicati sui media e sui social network ucraini hanno mostrato veicoli russi in movimento attraverso Kharkiv e truppe russe che vagavano per la città in piccoli gruppi. Uno di essi mostrava le truppe ucraine che sparavano contro i russi danneggiando i veicoli commerciali leggeri russi abbandonati nelle vicinanze.

Le immagini hanno sottolineato la decisa resistenza delle forze ucraine. Gli ucraini si sono offerti volontari in massa per aiutare a difendere il loro paese, prendendo le armi distribuite dalle autorità e preparando bombe incendiarie per combattere le forze russe.

L’Ucraina sta rilasciando anche prigionieri con esperienza militare che vogliono combattere per il Paese, hanno detto le autorità.

Putin non ha rivelato i suoi piani finali, ma i funzionari occidentali credono che sia determinato a rovesciare il governo ucraino e sostituirlo con un regime tutto suo, ridisegnando la mappa dell’Europa e facendo rivivere l’influenza di Mosca nell’era della Guerra Fredda.

La pressione sui porti strategici nel sud dell’Ucraina sembrava mirata a prendere il controllo della costa del Paese. Un portavoce del ministero della Difesa russo, il Magg. Gen. Igor Konashenkov, ha affermato che le forze russe hanno bloccato le città di Kherson sul Mar Nero e il porto di Berdyansk sul Mar d’Azov. Pare però che le forze russe abbiano preso il controllo di una base aerea vicino a Kherson e alla città di Henichesk, sul Mar d’Azov. Le autorità ucraine hanno anche riferito di combattimenti vicino a Odesa, Mykolaiv e altre aree.

Tagliare l’accesso dell’Ucraina ai suoi porti marittimi infliggerebbe un duro colpo all’economia del paese. E potrebbe anche consentire a Mosca di costruire un corridoio terrestre verso la Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014 e fino ad ora era collegato alla Russia da un ponte di 19 chilometri (12 miglia).

Il vice comandante militare ucraino tenente gen. Yevhen Moisiuk ha suonato una nota di sfida in un messaggio rivolto alle truppe russe. “Scarica le tue armi, alza le mani in modo che i nostri militari e civili possano capire che ci hai ascoltato. Questo è il tuo biglietto per tornare a casa”, ha detto Moisiuk in un video su Facebook.

Finlandia e Svezia hanno respinto l’avvertimento di Mosca sull’adesione alla NATO

Finlandia e Svezia i giorni scorsi hanno respinto gli avvertimenti della vicina Russia secondo cui la loro possibile adesione alla NATO avrebbe innescato “gravi conseguenze politico-militari” da Mosca per i due paesi. A lanciare l’avvertimento il ministero degli Esteri russo che venerdì ha espresso preoccupazione per quelli che ha descritto come sforzi degli Stati Uniti e di alcuni dei suoi alleati per “trascinare” Finlandia e Svezia nella NATO. Che cosa teme la Russia? Di trovare attorno a sé una cintura di Paesi che come anche l’Ucraina, se entrassero a fare parte della Nato automaticamente entrerebbero a fare parte di una collettività di Stati tra i cui scopi c’è anche quello della difesa reciproca. Quindi non sarebbero più soli. Che è la situazione nella quale ora di trova l’Ucraina. E tenuto conto che la Finlandia ha un confine terrestre di 1.340 chilometri (830 miglia) con la Russia, il confine più lungo condiviso da qualsiasi stato membro dell’Unione Europea, è ovvio comprendere perché l’adesione della Finlandia alla Nato non vada proprio giù a Puntin.

Il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto non ha manifestato preoccupazione per le dichiarazioni russe e laconicamente ha dichiarato che erano cose già sentite. “Non pensiamo a una minaccia militare”, ha detto Haavisto in un’intervista con l’emittente pubblica finlandese YLE. “Se la Finlandia dovesse essere il confine esterno della NATO, significa piuttosto che la Russia ne terrà sicuramente conto nella propria pianificazione della difesa. Non vedo nulla di nuovo in quanto tale”, ha affermato Haavisto.

Armani sfilata Autunno/Inverno 2022/2023 senza musica

Oggi Armani per solidarietà con il popolo ucraino ha bandito la musica dalla sua sfilata Autunno/Inverno 2022/2023 iniziata alle 15 e visibile via Instagram.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!