“PUTIN METTA FINE A QUESTA GUERRA” ORA ANCHE LA CINA CHIEDE CON PIÙ FORZA LO STOP DEI COMBATTIMENTI



(Foto AP/Evgeniy Maloletka)

Una tragedia umanitaria si sta svolgendo senza controllo in Ucraina. Gli appelli di leader e diplomatici internazionali per un cessate il fuoco tra le forze russe e ucraine, i negoziati e un passaggio sicuro per milioni di persone in fuga dall’invasione sono rimasti praticamente inascoltati. Invece il conflitto si intensifica, con la Russia che approva il dispiegamento di migliaia di mercenari dal Medio Oriente e l’Unione Europea che propone un raddoppio del finanziamento degli aiuti militari all’Ucraina.

Le due parti hanno un disperato bisogno di un interruttore. Sia il presidente Xi Jinping sia il premier Li Keqiang, l’attuale Primo ministro cinese, nonché membro del Comitato permanente dell’ufficio politico del Partito Comunista Cinese, secondo in ordine di importanza dopo il Segretario generale Jinping, hanno chiesto una soluzione diplomatica che includa un cessate il fuoco e colloqui di pace, ed entrambi hanno avvertito che le sanzioni occidentali contro la Russia potrebbero danneggiare gravemente una fragile economia globale. L’Occidente continua a fare pressioni su Pechino affinché utilizzi la sua leva con Mosca per mediare. Nel frattempo, le Nazioni Unite affermano che oltre 2 milioni di civili, per lo più donne e bambini, sono fuggiti dall’Ucraina con altri milioni da seguire. La Cina è in equilibrio tra il suo partner strategico Russia e il partner della Belt and Road, l’Ucraina, e tra il suo principio fondamentale del rispetto della sovranità e il rifiuto di condannare l’invasione della Russia. Pur riaffermando il rispetto per la sovranità, compresa quella ucraina, la Cina riconosce anche le preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza. Nella sua conferenza stampa a margine della sessione legislativa dell’Anp, il ministro degli Esteri Wang Yi ha sottolineato che la Cina “è desiderosa di svolgere un ruolo costruttivo”, scrive il South China Morning Post “e che sostiene e sosterrà il cessate il fuoco in Ucraina, ma non accetta e accetterà di intervenire nel conflitto”.

Le grandi potenze devono trovare la loro strada intorno a una lacuna nella percezione della responsabilità di portare i combattenti al tavolo delle trattative. Gli Stati Uniti e le altre potenze occidentali vogliono che la Cina usi la sua influenza sulla Russia. L’argomento opposto è che la palla è nel campo dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico e degli Stati Uniti, data la linea di fondo della Russia secondo cui la Nato deve escludere l’adesione dell’Ucraina e l’espansione dell’alleanza per la sicurezza verso il suo confine.

Nel frattempo, le vittime civili sono in forte aumento. Le forze russe stanno incontrando una dura resistenza mentre cercano di posizionarsi per un assalto decisivo alla capitale ucraina Kiev. Il ministro degli Esteri cinese ha detto al principale diplomatico europeo Josep Borrell che la comunità internazionale dovrebbe sostenere i colloqui tra Ucraina e Russia per un cessate il fuoco. La Cina invia aiuti umanitari. Ma continua la pressione affinché Pechino vada oltre e sfrutti il ​​suo potere economico e politico per svolgere un ruolo proattivo nella mediazione di un cessate il fuoco.

Nel frattempo, corridoi sicuri per la fornitura di beni di prima necessità e medicinali e il passaggio sicuro dei rifugiati rimangono una priorità, ovunque le persone vogliano andare. Gli accordi sono crollati tra i timori per la sicurezza. La sfiducia e la malafede stanno mettendo alla prova il confine tra crisi umanitaria e disastro totale. La ragione deve prevalere prima piuttosto che dopo e la pace deve avere una possibilità attraverso la negoziazione. Putin definisce l’invasione una “operazione speciale” per disarmare l’Ucraina e spodestare i leader che chiama neonazisti. L’Ucraina e gli alleati occidentali chiamano questo un pretesto infondato per una guerra di scelta che ha sollevato timori di un conflitto più ampio in Europa. Il governatore della regione di Kharkiv, al confine con la Russia, ha detto che un ospedale psichiatrico è stato colpito e il sindaco della città di Kharkiv ha detto che circa 50 scuole sono state distrutte. Nella città meridionale assediata di Mariupol, il consiglio comunale ha affermato che almeno 1.582 civili sono stati uccisi dai bombardamenti russi e da un blocco di 12 giorni che ha lasciato centinaia di migliaia di persone intrappolate senza cibo, acqua, riscaldamento o elettricità. Mosca nega di prendere di mira i civili. Il ministero della Difesa russo ha affermato che il porto del Mar Nero è stato circondato, mentre i funzionari ucraini hanno accusato la Russia di impedire deliberatamente l’uscita dei civili e l’ingresso di convogli umanitari.

Un nuovo sforzo per evacuare i civili lungo un corridoio umanitario da Mariupol sembrava essere fallito, poiché il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk ha affermato che i bombardamenti russi hanno impedito loro di partire. “La situazione è critica”, ha detto il consigliere del ministero degli interni ucraino Vadym Denysenko. I paesi occidentali nel frattempo hanno adottato misure più economiche per cercare di costringere Putin a porre fine al suo assalto. Il presidente Joe Biden , che questa settimana ha vietato le importazioni statunitensi di petrolio russo, ha affermato che le potenze industriali del G7 revocheranno lo status commerciale della “nazione più favorita” della Russia.

Biden ha vietato le importazioni statunitensi di frutti di mare, alcol e diamanti russi. Washington ha sanzionato più oligarchi ed élite, compresi i membri del consiglio di banche russe, e una dozzina di legislatori. Venerdì, tuttavia, Biden ha nuovamente sottolineato su Twitter che gli Stati Uniti non avrebbero inviato truppe per combattere nel conflitto. “Non combatteremo una guerra contro la Russia in Ucraina”, ha detto. “Un confronto diretto tra Nato e Russia è la terza guerra mondiale. E qualcosa che dobbiamo sforzarci di prevenire”. I leader dell’Unione europea hanno affermato di essere pronti a imporre sanzioni più dure alla Russia e potrebbero dare all’Ucraina più fondi per le armi. Ma hanno respinto la richiesta dell’Ucraina di entrare nel blocco. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che sabato l’UE sospenderà il commercio privilegiato e il trattamento economico di Mosca, reprimerà l’uso di criptovalute e vieterà l’importazione di prodotti siderurgici dalla Russia, nonché l’esportazione di beni di lusso nell’altra direzione.

Gli Stati Uniti sanzionano i russi che, secondo loro, aiutano la Corea del Nord a costruire il suo arsenale illecito. La principale forza russa è stata bloccata a nord di Kiev, dopo aver fallito in quello che secondo gli analisti occidentali era un piano iniziale per un assalto fulmineo. Ma il ministero della Difesa britannico ha detto che la Russia sembrava prepararsi per una nuova offensiva nei prossimi giorni che probabilmente includerebbe Kiev. Secondo l’analisi della compagnia, le immagini scattate venerdì e pubblicate dalla società satellitare statunitense privata Maxar hanno mostrato che le forze russe stavano continuando a dispiegarsi più vicino a Kiev e a sparare con l’artiglieria verso le aree residenziali. Diverse case ed edifici erano in fiamme e danni diffusi sono stati visti in tutta la città di Moschun, a nord-ovest di Kiev, ha detto Maxar. 

Un’immagine satellitare resa disponibile da Maxar Technologies mostra un primo piano di case in fiamme nella città di Moschun, in Ucraina, venerdì. 
Foto: tramite EPA

Ma l’aggiornamento dell’intelligence britannica affermava che le forze di terra russe stavano ancora facendo solo progressi limitati, ostacolati da problemi logistici e dalla resistenza ucraina. Lo stato maggiore dell’Ucraina ha affermato che le forze russe si stanno riorganizzando dopo aver subito pesanti perdite. Le truppe ucraine avevano respinto alcuni in “posizioni sfavorevoli” vicino al confine con la Bielorussia, si diceva. Il sindaco di Kiev, l’ex campione di pugilato dei pesi massimi Vitali Klitschko, ha detto che la capitale aveva abbastanza forniture essenziali per durare un paio di settimane. Le linee di rifornimento sono rimaste aperte.

In un incontro con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, Putin ha affermato che ci sono stati “alcuni cambiamenti positivi” nei colloqui con Kiev, ma non ha approfondito. L’Ucraina ha sollevato la prospettiva che l’alleato di Mosca, la Bielorussia, entri in guerra. La Bielorussia è servita come punto di partenza per le forze russe prima dell invasione e ha continuato a mostrare il fianco a Putin anche dopo. Il Cremlino non ha risposto a una richiesta di commento. Putin e Lukashenko hanno concordato che Mosca avrebbe fornito al suo vicino più piccolo un equipaggiamento militare aggiornato, ha affermato l’agenzia di stampa ufficiale bielorussa Belta. Mosca potrebbe non avere truppe sufficienti per raggiungere i suoi obiettivi, ha affermato Mathieu Boulegue, esperto del think tank Chatham House di Londra. “Non puoi invadere un paese con un rapporto uno contro uno” di truppe, ha detto Boulegue. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!