LA CINA ALLE PRESE CON UNA NUOVA BATTAGLIA CONTRO IL VIRUS


Strade deserte a Changchun, capoluogo della provincia di Jilin
ph. Scmp

La Cina sta affrontando una nuova battaglia contro il Covid-19 la più grave degli ultimi due anni, perché sta riportando i numeri nella linea di massima allerta. Con la conseguenza che ora dovrà anche modificare la sua politica zero-Covid che consentiva alla popolazione di auto monitorarsi con test antigenici rapidi (RAT) per uso pubblico.

Le infezioni sintomatiche hanno superato i  3.000 casi nel giro di soli 3 giorni, ha riferito domenica la Commissione sanitaria nazionale. Sedici province hanno segnalato nuove infezioni da coronavirus, così come le quattro megalopoli di Pechino, Tianjin, Shanghai e Chongqing.

I casi sintomatici locali sono più che triplicati passando da 476 a 1.807, in un solo giorno, ha affermato l’NHC (la Cina non classifica le infezioni asintomatiche come casi confermati, Ndr). Alcune autorità sanitarie locali hanno attribuito l’impennata alla variante Omicron , che è più trasmissibile ma provoca sintomi meno gravi rispetto al virus Covid-19 originario. L’hub tecnologico meridionale di Shenzhen, che sta combattendo un’ondata di Omicron dalla fine di febbraio, effettuerà tre round di test Covid-19 in tutta la città la prossima settimana. Ieri le autorità cittadine hanno fatto sapere che i servizi di autobus e metropolitana saranno sospesi a partire da oggi. Mentre tutti i viaggiatori in uscita dovranno presentare risultati negativi del test dell’acido nucleico presi nelle 24 ore precedenti. I servizi e le forniture essenziali alla vicina Hong Kong rimangono inalterati.

La fonte del contagio dei nuovi casi locali a livello nazionale è stata individuata nella provincia nord-orientale di Jilin, che secondo l’NHC ha registrato 2.156 infezioni, di cui 1.412 sintomatiche. Zhang Yan, un funzionario della sanità pubblica responsabile del controllo provinciale della pandemia, ha affermato che le città di Jilin e Changchun al centro dell’epidemia hanno lanciato il loro ultimo ciclo di test di massa per schermare i cluster di trasmissione. Il totale dei casi nella provincia di Jilin è salito a oltre 3.500 dall’inizio del mese. Jing Junhai, il capo provinciale del Partito Comunista, ha sollecitato tutti gli sforzi per ridurre le trasmissioni e garantire l’approvvigionamento del mercato delle necessità quotidiane, giurando nel contempo di reprimere qualsiasi insabbiamento della pandemia.

L’NHC ha approvato venerdì i test antigenici rapidi Covid-19 per uso pubblico. Zhang ha affermato che la provincia di Jilin ne farà grande promozione nel tentativo di tagliare le catene di trasmissione. Nel frattempo a Changchun, dove da sabato è entrato in vigore un blocco di tutta la città, è stato allestito un ospedale da campo da 1500 posti letto. Sulla costa orientale, anche il centro finanziario di Shanghai e la città portuale di Qingdao nella provincia di Shandong stanno combattendo gravi epidemie. I residenti di entrambe le città sono stati invitati a cancellare tutti i viaggi non necessari e tutti i viaggiatori in entrata e in uscita sono tenuti a presentare risultati negativi del test dell’acido nucleico presi nelle 48 ore precedenti.

Shanghai ha chiuso 157 parchi, con altri 45 che potrebbero essere chiusi. Il trasporto in autobus interurbano è stato sospeso e le attività del campus universitario sono state limitate nel tentativo di frenare le infezioni, con un’intensificazione della disinfezione dei pacchi in entrata. Nella capitale Pechino, i viaggiatori in arrivo non devono prendere parte a pasti di gruppo o altri incontri per i primi sette giorni dopo l’ingresso in città.

Il vicepremier Sun Chunlan, che guida il lavoro anti-pandemia della nazione, ha definito i focolai “complicati e gravi”, poiché ha esortato le autorità sanitarie a controllare le trasmissioni a grappolo. “Per affrontare la diffusione dell’Omicron, dovremmo promuovere un modello di screening dell’antigene e test dell’acido nucleico, consentire al pubblico di acquistare i test da soli, il che favorisce la diagnosi precoce”, ha detto Sun in una riunione televisiva di controllo della pandemia sabato. Huang Shouying, vice capo della sicurezza pubblica nella provincia meridionale del Guangdong, secondo il Nanfang Daily , un giornale sostenuto dal governo provinciale, è stato licenziato assieme a cinque funzionari a Dongguan per la cattiva gestione di un focolaio iniziato nella città industriale il 1 marzo.

All’inizio di marzo tutte le aree di confine sono state di nuovo bloccate e tutti i servizi di ristorazione da sabato sono chiusi, inclusi cinema e biblioteche. “Non sappiamo ancora quando potremo riaprire”, ha detto a Scmp, un impiegato con un cinema nel distretto di Longhua, una zona commerciale nel nord di Shenzhen. Un altro problema ora è la mancanza di test in vendita. Molte farmacie ne sono sprovviste e la gente non sa dove reperirli. In alcune zone in Cina sembra di essere tornati indietro ai tempi peggiori. Ora si spera che la tolleranza zero imposta dalle autorità venga supportata dai mezzi indispensabili per contrastare i contagi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!