EU, QUARTO PACCHETTO DI SANZIONI CONTRO LA RUSSIA. E LA RUSSIA ANNUNCIA SANZIONI CONTRO BIDEN, SUO FIGLIO ED EMINENTI RAPPRESENTANZE AMERICANE


Il Consiglio Ue ha adottato il quarto pacchetto di sanzioni contro la Russia: vietate tutte le transazioni con alcune imprese statali, previste restrizioni all’esportazione di beni e tecnologie per l’industria della difesa, per la sicurezza e per l’industria energetica. E stop all’export di beni di lusso. Confermata l’ipotesi di azioni per sospendere la Russia come ‘nazione favorite’ nel Wto, l’organizzazione mondiale del commercio.

Il bando all’importazione di acciaio spiega la Commissione vale 3,3 miliardi di ricavi persi per la Russia. Il bando sui rating farà perdere ulteriore accesso ai mercati finanziari Ue.  “Mentre la guerra del presidente Putin contro il popolo ucraino continua, così la nostra determinazione a sostenere l’Ucraina e paralizzare il finanziamento delle macchine da guerra del Cremlino. Questo quarto pacchetto di sanzioni è un altro duro colpo per la base economica e logistica su cui la Russia si basa per portare avanti l’invasione dell’Ucraina. Lo scopo delle sanzioni è che il Presidente Putin fermi questa guerra disumana e insensata”, ha detto l’alto rappresentante Ue per gli affari esteri Josep Borrell nel comunicato in cui il Consiglio Ue annuncia il via libera al quarto pacchetto di sanzioni alla Russia.

Con l’adozione del nuovo pacchetto di sanzioni contro Mosca e la sospensione della clausola di ‘nazione più favorita’ alla Russia, “l’Ue ha il diritto di aumentare i dazi doganali sui prodotti russi in qualunque momento” ha detto il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, al termine dell’Ecofin.

Il Regno Unito ha annunciato un nuovo pacchetto di sanzioni economiche contro Mosca in risposta all’invasione dell’Ucraina destinato a colpire l’importazione di prodotti russi per un valore stimato nell’ultimo anno a 900 milioni di sterline, oltre il miliardo di euro. Il provvedimento prende di mira la vodka, cui sarà imposto un dazio aggiuntivo del 35%, e i beni di lusso, incluso l’import-export di veicoli costosi, sulla linea di quanto deciso di recente pure dall’Ue. “L’obiettivo”, ha detto Rishi Sunak, cancelliere dello Scacchiere del governo di Boris Johnson – “è isolare ulteriormente l’economia russa dal commercio globale”.

Il governo britannico di Boris Johnson ha inserito ben altri 350 nomi di personaggi russi nella lista nera dei sanzionati – con congelamento di asset reperibili nel Regno Unito e divieto di viaggio – in risposta all’invasione dell’Ucraina. Fra loro ci sono politici di spicco (dopo i primi provvedimenti contro Vladimir Putin, Serghei Lavorv e altri) come l’ex presidente Dmitri Medvedev e l’attuale ministro della DIfesa, Serghei Shoigu; nonché numerosi oligarchi del business in aggiunta a quelli già colpiti come Mikhail Fridman, Piotr Aven o Andrei Melnichenko. La stretta segue l’approvazione d’una legge ad hoc più dura sulle sanzioni.

NUMERO DEGLI UCRAINI FUGGITI

Gli Stati Uniti impongono nuove sanzioni alla Russia per l’Ucraina e colpiscono anche il presidente della Bielorussia, Alexanderf Lukashenko, e alla sua famiglia” ha, ha fatto sapere il capo del Tesoro Usa.

Ieri il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha incontrato Yang Jiechi, un alto funzionario del Partito Comunista a Roma. Durante l’incontro, che è durato 7 ore, Sullivan e il suo omologo cinese hanno discusso tutta una serie di questioni, tra cui la guerra in Ucraina e il lancio di missili della Corea del Nord. Il funzionario americano però ha tergiversato sulla possibilità che gli Stati Uniti possano avere o meno le prove che la Cina abbia fornito assistenza finanziaria alla Russia dopo il suo attacco all’Ucraina. Pubblicamente, la Cina ha spinto per la diplomazia e i negoziati per il cessate il fuoco per porre fine alla guerra russa in Ucraina. Ma sembra l’ipotesi che sapesse in anticipo che il presidente russo Vladimir Putin avrebbe probabilmente invaso l’ Ucraina, dopo le Olimpiadi invernali, che si sono concluse il 20 febbraio, sia quasi una certezza. I media statali cinesi hanno in gran parte accusato gli Stati Uniti e la NATO di aver provocato la guerra e hanno amplificato le affermazioni di disinformazione russe sui combattimenti.

“Riteniamo che la Cina fosse, in effetti, consapevole prima dell’invasione, che Vladimir Putin stesse pianificando qualcosa”, ha detto domenica Sullivan al programma “Stato dell’Unione” della CNN. Sullivan ha poi continuato a mettere in guardia la Cina da qualsiasi sforzo per aiutare l’economia russa , che si sta avvicinando alla caduta totale a causa delle sanzioni economiche occidentali senza precedenti e dell’esodo di dozzine di importanti società statunitensi ed europee. 

“Non ho intenzione di sedermi qui pubblicamente e brandire minacce, ma quello che ti dirò è che stiamo comunicando direttamente, in privato, a Pechino che ci saranno assolutamente conseguenze per gli sforzi di evasione delle sanzioni su larga scala o il sostegno alla Russia per riempirli ”, ha detto il signor Sullivan. “Non permetteremo che ciò vada avanti e consentiremo che ci sia un’ancora di salvezza per la Russia da qualsiasi paese in qualsiasi parte del mondo”.

Non ci sono state notizie immediate su come i cinesi abbiano recepito quel messaggio nell’incontro privato a Roma. Da parte loro, i funzionari cinesi hanno minimizzato le loro conoscenze sull’invasione russa dell’Ucraina e su qualsiasi tentativo di Pechino di sostenere l’ economia russa . I funzionari cinesi lunedì hanno anche evitato le domande sul fatto che la Russia abbia chiesto direttamente alla Cina attrezzature militari come i droni.

“Recentemente gli Stati Uniti hanno diffuso maliziosamente disinformazione contro la Cina “, ha detto lunedì ai giornalisti a Pechino il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian . “ La posizione della Cina sulla questione ucraina è coerente e chiara. Abbiamo svolto un ruolo costruttivo nella promozione dei colloqui di pace. La priorità assoluta al momento è che tutte le parti esercitino moderazione, raffreddino la situazione invece di aggiungere benzina sul fuoco e lavorino per una soluzione diplomatica piuttosto che aggravare ulteriormente la situazione”.

Oggi il ministero degli Esteri russo ha reagito alle massicce misure economiche imposte dall’amministrazione Biden annunciando sanzioni contro il presidente Biden , suo figlio Hunter e altre figure di spicco degli Stati Uniti. Quali? Il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark A. Milley, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan, il direttore della CIA William J. Burns, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki e l’ex segretario di Stato Hillary Clinton. “Non sorprenderà nessuno di voi che nessuno di noi stia pianificando viaggi turistici in Russia e nessuno di noi abbia conti bancari a cui non saremo in grado di accedere, quindi andremo avanti”, ha detto la signora Psaki in risposta alle sanzioni moscovite.

Hillary Clinton ha ironizzato via Twitter e ha così commentato la notizia: “Voglio ringraziare l’Accademia russa per questo premio alla carriera”, ha scritto in un tweet. Anche il vice consigliere per la sicurezza nazionale Daleep Singh, il direttore dell’USAID Samantha Power, il presidente della banca Export-Import Reta Jo Lewis e il vice segretario al Tesoro Adewale Adeyemo sono entrati nell’elenco delle sanzioni del Cremlino.

Un’altra cronista morta in guerra

Secondo quanto scritto via Twitter da Olga Rudenko, giornalista caporedattore di Kyivlndependent , Oleksandra Kuvshynova reporter di FoxNews oggi è stata uccisa assieme al suo cameraman. “Fox News”, scrive Olga, “non ha diramato la notizia” . (Foto pubblicata da Oksana Romaniuk dell’Institute of Mass Information).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!